BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Denuncia Cgil: l’asilo di Mozzo non usa la cassa e licenzia ancora

La Cgil denuncia la nuova tornata di licenziamenti all'asilo nido di Mozzo da parte della cooperativa Piccoli Passi.

Più informazioni su

La Cgil denuncia la nuova tornata di licenziamenti all’asilo nido di Mozzo da parte della cooperativa Piccoli Passi.

A fronte del calo di bimbi iscritti, la Piccoli Passi, cooperativa sociale, che gestisce il nido di Mozzo, procede nuovamente a licenziare.

“Come era prevedibile, dopo un anno educativo che si chiude con una forte diminuzione di iscrizioni, l’apertura del servizio dopo la chiusura estiva vedrà un’ulteriore diminuzione di bimbi – spiega Roberto Rossi, della Funzione pubblica CGIL – E come lo scorso anno, anche oggi ci troviamo di fronte ad una cooperativa che si rifiuta di utilizzare gli ammortizzatori sociali, la cassa integrazione in deroga, preferendo passare direttamente al licenziamento di un’educatrice”.

“La cooperativa ci scrive che il licenziamento è la strada obbligata a fronte di una situazione economico-finanziaria che registra una costante perdita di bilancio: questa situazione la conosciamo bene, visto che abbiamo contestato già un anno fa una gestione a dir poco rovinosa della cooperativa. Anche ora ci troviamo a dover constatare che i problemi e l’atteggiamento della Piccoli Passi non cambia – continua Rossi – Invitiamo la cooperativa a tornare sui propri passi ritirando il licenziamento e aprendo nuovamente la cassa integrazione per l’educatrice oggetto della riduzione. Superfluo affermare che guardiamo al futuro nella speranza che la situazione complessiva del servizio cambi, a tutela di tutti i soggetti coinvolti”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Antonio Errante

    Ovviamente a struttura chiusa non ci sono repliche. Tempismo perfetto. Nemmeno dal padrone che ha dato la concessione. L’amministrazione di Mozzo troverà sicuramente una soluzione nella rete di associazioni ormai consolidata nel territorio, l’educatrice non ha di che temere.

  2. Scritto da Giovanni C.

    Ultimi passi…

  3. Scritto da carlotta

    ma le autorità di mozzo!! dove sono? il primo cittadino cosa fa! si sta prodigando x capire il tutto!! ha, dimenticavo è agosto siamo tutti i ferie. scusateci lavoratori,