BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

A Milano il centrosinistra propone le “nuove ronde” Servono anche a Bergamo?

La Giunta di Pisapia ha pensato alle "unità mobili sociali" che avranno il compito di aiutare le persone in difficoltà che vivono per strada. Tu cosa ne pensi? L'idea potrebbe essere utilizzata anche nella nostra città? Di' la tua.

E all’improvviso tornano di moda le ronde. Proprio quelle ronde che tanto fecero discutere nel 2009, quando il Decreto Maroni le rese legali tra le mille e più polemiche. Ora, a distanza di anni, a rilanciare la figura del "cittadino in pettorina" è il Comune di Milano e, in particolare, l’assessore pd Pierfrancesco Majorino, pronto a lanciare in autunno  un doppio avviso pubblico per la ricerca di volontari e finanziatori per quelle che saranno chiamate le "unità mobili sociali".

Si muoveranno in aree ben precise, come le linee della metropolitana e i bus della circolare 90-91, per "aiutare le persone in difficoltà, gli emarginati, gli invisibili". Un’idea che ha fatto scatenare il centrodestra milanese, in prima file per vendicare la paternità del progetto che all’epoca finì al centro delle polemiche.

L’assessore alle Politiche Sociali del Comune di Milano Majorino, però, ci tiene a precisare che "non si tratta di ronde, non vogliamo di certo creare poliziotti di serie C. Al contrario – ha spiegato Majorino -, l’associazione avrà il compito di agganciare le persone fragili, deboli, che vivono nella solitudine e costantemente ignorate, per portarle nei dormitori, nei centri, nei pronto soccorso". Una sorta di replica di una delle prime iniziative che prese l’Amministrazione guidata da Giuliano Pisapia, quando "sguinzagliò" una serie di operatori per aiutare i clochard sotto la neve.

Cosa ne pensi? Quella proposta dal Comune di Milano è un’iniziativa che potrebbe essere fatta anche a Bergamo? Di’ la tua.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Gaetano Bresci

    il pensiero razzista non può comprendere l’articolazione e la peculiarità di una siffatta proposta non contemplando, esso, il concetto di solidarietà (verso gli ultimi ed i più sfortunati).
    Sbagliato, giornalisticamente parlando, usare il termine ronda che richiama ben altre esperienze e attitudini assai distanti dalla proposta milanese.

  2. Scritto da Alberto

    Ronde o non ronde, l’ipocrisia della sinistra ha raggiunto ormai livelli stratosferici. Arrivano sempre dopo anni ad accorgersi che le loro idee erano sbagliate, e come soluzione usano quelle della parte avversa cambiando nome e decantandone le immense virtù. Disgustosi.

  3. Scritto da ugo

    Iniziativa fallimentare (ehhh…. è un’idea di pisapìà) cosi diventeranno tutti bisognosi. AAAvanti sbarchiamo,destinazione Milano!

  4. Scritto da Emilio

    E’ noto che certa parte della sinistra sia capace solamente di criticare negativamente cio’ che viene proposto da gente fondamentalmente pratica e concreta come noi padani, e non biechi ed incapaci parolai, caratteristica peculiare della genie borbonica. Consiglio pero’ di valutare i risultati e di seguito tirare le conseguenze, quantomeno per non somigliare a loro.

  5. Scritto da Bignoca

    O lesit chel chi a screc’ a milà. Chèste iè mia i ronde de la lega; chèste i sa ciama “ronde sociali”.
    Come di che se ga mete ol me nom dopo i dienta bele e bune e ‘nvece chèle de prima iera bröte e catìe.
    E ‘l bel l’è che vergü al ga crèt del bu.
    Che bignoche!

    1. Scritto da angelo f.

      Sig. Bignoca, è la prima e ultima volta che leggo il suo pensiero scritto in bergamasco. Sono costretto a dirle come l’on. Calderoli (amico? compagno? camerata?) di tradurmelo in italiano perchè scritto in dialetto è un pò macchinoso leggerlo. Grazie.

    2. Scritto da pieri

      Ta set ol migliur!

  6. Scritto da poeraITALIA

    chi rende le persone deboli abbandonate ecc la società
    non posso vedere gente che ha lavorato 25/30 anni in regola alle dipendenze e perché purtroppo ammalati vengono a percepire circa 250 euro mensili d’invalidità chi vivrebbe con questi soldi??
    questo tessuto sociale creato da tutto il popolo ITALIANO in centinaia d’anni oggi snaturato da tutti i clandestini e profughi che percepiscono anche loro dei soldi perché??
    barerebbe mandarli al proprio paese aiutandoli meglio

    1. Scritto da Gio

      sempre a mettere in discussione i poveri o i disperati, mai i parassiti miliardari che in pochi migliaia si godono il 56% del pil nazionale…povera italia veramente se la pensa come te a derubare solo ai poveri per dare ai ricchi..puro pensiero leghista o berlusconiano..

  7. Scritto da andrea

    dopo aver criticato in mille modi il federalismo e poi averlo accettato , questi sinistroidi ora accettano anche le ronde criticate perché razziste ,becere e discriminanti ,non mi meraviglierei se entro fine anno porteranno avanti anche l indipendenza del nord.tanto sanno solamente copiare le idee degli altri perché di loro non ne hanno.

    1. Scritto da Riccardo

      Ma hai letto l’articolo o guardato solo le figure?

      1. Scritto da andrea

        so leggere ma non capisco cosa leggo,sono uscito dalla terza media con quasi sufficiente perché erano stanchi di vedermi,però dopo le polemiche sui fatti successi a milano ultimamente mi sembra “FALSO” (con un istruzione cosi bassa come la mia non conoscevo alltra parola da poter usare) dire che le ronde servono per aiutare i poveri ,e magari non i poveri italiani, però io guardo solo le figure ……

  8. Scritto da gio

    Le ronde “leghiste” avrebbero manganellato gli extracomunitari per antipatia razzista, mentre quelle “sinistre” dovrebbero aiutarli per sensibilità umanitaria….beh: dite quello che volete, ma il principio umano è già difforme e può non piacere ai razzisti o ai filantropi..

    1. Scritto da Marco

      Le ronde padane erano disarmate e giravano solo con un telefono e una torcia. I soldi dei milanesi sono finiti nei campi rom con aria condizionata tutto pagato da voi mentre magari siete disoccupati in case fatiscenti. Bisognerebbe destituire Pisapia!

    2. Scritto da Luigi

      Non sono ronde leghiste….. sono ronde della ASL.

    3. Scritto da Il Naggio

      Lei ha una visione del mondo un po particolare e molto distorta

  9. Scritto da lotty

    c’è una bella differenza dalle ronde proposte dalla lega, non confondiamo le cose.

    1. Scritto da Vasco

      Si queste sono ronde volute dalla Sinistra…!!!!