BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Prevenire le morti in campo Una borsa di studio nel nome di Morosini

Il bando è riservata a giovani ricercatori che entro il 30 novembre prossimo presenteranno progetti scientifici sulla tematica della "Prevenzione primaria e secondaria della morte improvvisa sui campi di gioco" alla Commissione di esperti.

Più informazioni su

Una borsa di studio di 20mila euro in memoria di Piermario Morosini. La Figc ha formalizzato venerdì mattina il bando per la borsa di studio intitolata alla memoria del calciatore bergamasco morto il 14 aprile 2012 a Pescara durante il match tra gli abruzzesi e il Livorno valido per il campionato di serie B.

La borsa di studio è riservata a giovani ricercatori che entro il 30 novembre prossimo presenteranno progetti scientifici sulla tematica della "Prevenzione primaria e secondaria della morte improvvisa sui campi di gioco" alla Commissione di esperti nominata dalla stessa Figc che sarà coordinata dal prof. Paolo Zeppilli, responsabile del Dipartimento Medicina e Salute della Figc.

Questi gli altri componenti: prof. Domenico Corrado, Presidente della Società Italiana di cardiologia dello Sport; prof. Pietro Delise, professore di Cardiologia dell’Università di Padova; prof. Attilio Maseri, responsabile della Ricerca Scientifica dell’Associazione Nazionale Medici Cardiologi Ospedalieri (ANMCO); prof. Antonio Pelliccia, Direttore dell’Istituto di Medicina dello Sport di Roma.

Il bando è stato formalizzato a due giorni dalla disputa della seconda edizione del Memorial Morosini che vedrà in campo, all’Adriatico di Pescara, la formazione biancazzurra e quella del Livorno che si sfideranno in ricordo dello sfortunato centrocampista bergamasco morto tragicamente al 31′ del primo tempo di quel maledetto 14 aprile 2012.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.