BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“Basta privilegi al Sud” Protesta di 50 sindaci davanti alla Prefettura fotogallery

Quarantacinque sindaci leghisti e 5 del Pdl si sono ritrovati per manifestare contro la decisione della Corte costituzionale che dichiara illegittime le multe ai Comuni siciliani che hanno sforato il Patto di stabilità: “Allora lo sforeremo anche noi”

La sentenza della Corte costituzionale che dichiara illegittime le multe ai Comuni siciliani (e di tutte le altre Regioni a Statuto speciale) che hanno sforato il Patto di stabilità non è proprio andata giù ai 50 sindaci bergamaschi, 45 leghisti e 5 del Pdl, che si sono ritrovati giovedì pomeriggio di fronte alla Prefettura in via Tasso, per manifestare contro la decisione della Corte costituzionale.

“Un’iniziativa aperta a utti, non targata politicamente, perché il pronunciamento della Consulta è una beffa per tutti i sindaci”, ha spiegato il segretario provinciale del Carroccio Daniele Belotti.

I primi cittadini presenti hanno espresso il loro disappunto davanti alla Prefettura, alla presenza del sindaco di Bergamo Franco Tentorio e del presidente della Provincia Ettore Pirovano: “I nostri enti locali hanno rispettato le regole e fatto quel governo ha chiesto –ha detto Pirovano- sperando che i soldi risparmiati non vadano a finire laddove sono stati scialacquati. E invece non c’è mai fine allo scempio e alla presa per i fondelli”.

Tra i sindaci intervenuti anche il leghista Giovanni Malanchini, primo cittadino di Spirano: “E’ una sentenza vergognosa quella della Corte costituzionale –ha attaccato Malanchini-. E’ da tempo ormai che i Comuni che sforano il Patto sono localizzati al sud, mentre qua al nord continuiamo a fare sacrifici per rispettarlo. Se non ci ascolteranno la protesta andrà avanti e se sarà necessario inizieremo anche noi a non rispettare le regole e a sforare il Patto di stabilità tutti insieme”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da giorgia

    Non c’era il sindaco di Arzago?

  2. Scritto da cristiano

    Lombardia Regione A Statuto Speciale…MAGARI!!!

  3. Scritto da This is the end

    A me non sembra che il Sindaco di Verdellino Maci sia della Lega e del PDL… e siccome era presente alla manifestazione mi chiedo perchè tale notizia non sia passata.. scomoda? cosi era più facile etichettarla come solita manifestazione dei leghisti?… e si che è stato pure intervistato..Per me questo è un indicatore su come la notizia spesso e volentieri viene distorta..

    1. Scritto da Mannaggia

      E’ vero , la notizia non c’era neppure sul wall street journal. Notizia scomoda.

  4. Scritto da Giuseppe

    Forse e’ Meglio darvi una rinfrescata al vostro cervello
    perche’ e’ molto confuso.
    Spese di Stato.
    SICILIA 25 mld
    PUGLIA 15mld
    CALABRIA 8,5 MLD
    CAMPANIA 8,5 MLD
    BASILICATA 2MLD
    TOSCANA da 0,7 a 1,5 MLD senza contare MPS
    LIGURIA da 3 a 6 MLD
    FRIULI 3MLD
    MOLISE 2MLD

    REGIONI SEMPRE IN CREDITO

    LOMBARDIA VENETO EMILIA-ROMAGNA (escluso terremoto) PIEMONTE MARCHE

    svegliatevi.

  5. Scritto da Luciano Avogadri

    Il problema riguarda le Regioni Autonome, non il Sud. Questa manifestazione, con questi contenuti, è protesta a vanvera o solo fumo negli occhi.

    1. Scritto da Il Griso

      …peccato che l’unica regione che si trova nella condizione in questione sia la sicilia….documentarsi, prima di parlare…

  6. Scritto da Vanessa

    Non nutro grande simpatia per la lega e ne nutro ancor meno per alcuni tra i suoi rappresentanti bergamaschi tra cui Belotti… Che però stavolta ha ragione: basta basta !!

  7. Scritto da enzodosio

    Ma perché i signori sindaci leghisti non si SONO INDIGNATI quando il governo Berlusconi-Bossi mandava milioni a fiumi in Sicilia per evitare che Comuni come Palermo, Catania ecc. ecc. dichiarassero fallimento ? Forse perché erano tutte amministrazioni PDL? A pensarci bene, adesso mi assale questo dubbio !

  8. Scritto da Ernesto

    Cosa c’entra il sud ? Il problema è delle regioni autonome , la norma oltre che per la sicilia vale anche ad es per valle d’aosta e trentino alto adige .

    1. Scritto da Giovanni

      Già,ma è la sicilia ad aver fatto il ricorso,guarda caso,non il Sud Tirolo o la Valle d’Aosta o il Friuli o la Sardegna.Chissa perché.

      1. Scritto da Già

        Se c’è una legge che le da ragione tu ti aspetti che non lo faccia ? Bisogna cambiare la legge, visto che non lo ha fatto la lega in tanti anni di governo

        1. Scritto da compare turiddu

          Perchè la butta in politichese? Qui non è che si debba o meno rispettare una legge, sono i parametri europei che ci hanno imposto il patto di stabilità per gli enti locali. La Regione Sicilia (perchè molti suoi comuni non hanno mai rispettato tale patto) ha ricorso al Consiglio di Stato contro le varie sanzioni ricevute: ebbene, ha ottenuto di non pagare le sanzioni: Le pare una cosa giusta?

    2. Scritto da poeraITALIA

      perché e risulta la Calabria autonoma eppure spende e spande
      la Campania??
      Perché il sud a regione non autonoma le sembra che risparmi
      o bisogna mantenerlo in continuazione

      1. Scritto da Desciules

        Sai cosa sono i cavoli a merenda ? Stiamo parlando di un aspetto che riguarda SOLO le regioni a statuto speciale , leggi almeno l’articolo !!

        1. Scritto da poeraITALIA

          certo che ho letto l’articolo semplicemente dicevo vuoi statuto speciale vuoi REGIONI SPRECONE chi paga??sempre i soliti

  9. Scritto da De Che ?

    Il problema è il profilo giuridico delle regioni autonome , la Lega ha governato per quasi 10 anni, perchè non ha mai modificato questo aspetto o almeno proposto di modificarlo ?
    Ma quanto tempo ci hanno fatto perdere questi nullafacenti ?

  10. Scritto da gibba

    a dire la verità ce n’era uno del PD.. il sindaco Maci di Verdellino

    1. Scritto da damaten

      Ed, in aggiunta, originario di Campi Salentino (Lecce) !

  11. Scritto da 081

    Una piccola precisazione sui “magistrati meridionali”. Per diventare magistrato occorre una laurea in giurisprudenza e notoriamente gli studenti del sud tendono ad ultimare il percorso di studi, cosa che non avviene al nord, dove i ragazzi entrano subito nel mondo del lavoro e diventano bravissimi operai, taluni specializzati anche. Non capisco dove sussiste il problema?

    1. Scritto da Aldo

      Sono antileghista da sempre però non provochi . E’ evidente che la Nazione (non la lega , nè il nord, nè la lombardia) ha in questo un problema da risolvere per il bene di tutti, per giustizia e per il meridione stesso. Mi lascia veramente interdetto il fatto che lei non colga.

    2. Scritto da gigi

      precisiamo che i magistrati meridionali hanno un percorso degli studi molto più facile ( vedi mariastella gelmini ) e sono molto più di manica larga per mentalità, cultura e solidarità con i loro conterranei. E’ questo il problema

    3. Scritto da Giovanni

      Al sud non si pensa neppure di lavorare per produrre il pil.Si pensa solo a diventare”statali”come i magistrati inamovibili.Sappiamo tutti i megavoti delle lauree meridionali dati da insegnanti amici proprio per far vincere i concorsi a spese di chi sta al nord,mentre i test INVALSI ogni anno dimostrano la scarsa preparazione di chi si diploma o laurea al sud rispetto al nord,ma i concorsi pubblici sono “cosa loro”.Questo è il problema.Restituzione di favori alle amministrazioni meridionali.

      1. Scritto da Paolo

        Un mio conoscente bergamasco, non riusciva a diplomarsi ragioniere al Romero di Albino, è andato in vacanza 6 mesi dalla zia in Campania, è tornato ragioniere…

      2. Scritto da Damiano

        Più lucido e preciso di così, non poteva essere! Condivido al 100%.

      3. Scritto da gigi

        esatto fanno gli statali e con la loro scarsa preparazione e mentalità è ovvio che non sono in grado di soddisfare le esigenze degli utenti e, forti del fatto che sono intoccabile se ne fregano e s’imboscano ancor di più

  12. Scritto da Max

    Più che tutto c’è il rischio che i soldi di questi comuni (già non è denare dei sindaci…) servano per sanare il deficit delle eccellenze lombarde nella sanità.

  13. Scritto da dire&fare

    Scusate ma avete avuto per 15 anni almeno, governo dello stato, regione, provincia e comune e adesso pensate che chi ha fatto o non ha fatto sia altra persona: siete stati anche voi, con opere e omissioni a determinare la situazione odierna

  14. Scritto da Turibio

    Io non ne posso proprio più di questa Lega cialtrona che, al governo per buona parte degli ultimi vent’anni, è riuscita solo a distribuire cadreghe e far avere 850.000€ annui di vitalizio a Bossi. A cosa serve fare queste scene. Quando siete stati al governo con “il pregiudicato” avete pensato solo agli affari vostri. Avreste potuto risolvere voi la questione settentrionale/meridionale. Avete perso non una ma mille occasioni. Incapaci o opportunisti?

    1. Scritto da Zanella

      Sì, lo cambi tu il meridione senza beccarti una pallottola in testa… Alà cor…

  15. Scritto da gb

    …segue…nel triennio 2009-11 osserviamo come “i tassi di infrazione più bassi si realizzino nel Lazio (media 0,5%), nella Toscana (1,5%) e nella Sardegna (1,6%), mentre i Comuni della Calabria (11%), del Veneto (8,1%) e della Lombardia (7,6%) si distinguono per percentuali di non rispetto (del patto di stabilità) più elevate, con queste due ultime regioni che insieme collezionano circa la metà dei casi registrati nel comparto” (studio IFEL)

  16. Scritto da gb

    Protesta sacrosanta, ma i problemi da affrontare seriamente credo siano il rispetto delle norme e della legalità, il perché dell’esistenza oggi di regioni (sud e nord!) a statuto speciale, la sostanziale irrazionalità del patto di stabilità per gli enti locali, che produce spesso esiti assurdi. Ragionare sul confronto nord-sud serve solo a riempire la bocca di qualche amministratore leghista, ma non aiuta a risolvere i problemi e, peraltro, non corrisponde a verità, infatti..segue

  17. Scritto da Angioletti

    VERGOGNA alle analisi politicizzate!

    La protesta è nata contro la DISPARITA’ DEL PATTO DI STABILITA’ causata da una sentenza della Corte Costituzionale derivata dal ricorso dei comuni SICULI!

    Chissenefrega del nord o sud, basta con i parassiti!

    1. Scritto da Tony

      Giusto: ma basta davvero, però!!! Perché comunque, anche tre sono a statuto speciale, non sono le regioni del nord a fare giurisprudenza con simili richieste e conseguenti sentenze…

  18. Scritto da Alberto

    qua non c’entra nord-sud, qua è una questione di regioni autonome e a statuto ordinario. La differenza è tra Trentino – Friuli . Sicilia . Sardegna, Val d’Aosta e tutte le altre. Quindi la questione è un’altra….la domanda è: con tutta la crisi che c’à, con tutti i problemi dei comuni di tutta Italia, è ancora logico dare questi “privilegi” alle regioni autonome?

  19. Scritto da Gabriele Sola

    Il provvedimento si riferisce alle 5 Regioni a statuto speciale (3 del nord e 2 del sud). Al solito, ci si limita alla propaganda senza entrare nel merito… Perché, in questo gran parlare (spesso a sproposito) di riforme costituzionali, nessuno guarda agli anacronistici privilegi riconosciuti a Valle d’Aosta, Trentino Alto Adige, Friuli Venezia Giulia, Sardegna e Sicilia? http://gabrielesola.it/?p=13605

    1. Scritto da Arturo

      Quando sono nate le reg.a stat.spec.non esisteva il patto di stupidità.Perchè i magistrati hanno legalizzato lo sforamento del patto,su ricorso della sola sicilia, se non era nei trattati dello statuto speciale?Semplicemante perché i magistrati sono meridionali e di sinistra.copme chi comanda in sicilia(e nelle altre 4 regioni).Chi se ne frega se pagani Lombardi,Veneti e Piemontesi.L’italia è a senso unico,i soldi vanno solo da nord a sud.È ora di ribellarsi,via dall’italia la Lombardia.

      1. Scritto da Eolo

        Ti sbagli di grosso , i magistrati non han potuto fare altro , per quanto chiaramente espresso dalle norme sull’autonomia : è evidente che bisogna cambiarle così come bisogna cambiare le norme che proteggono i governatori di tutte le regioni ( anche le normali) dal commissariamento e scioglimento se gestiscono male e si riempiono di debiti . Spero che il bergamasco on. Misiani , che ci ha già recentemente e meritoriamente provato, ci riprovi.

  20. Scritto da Tino

    secondo me 2 osservazioni:
    peccato che nemmeno un sindaco non leghista e non PDL abbia avuto l’ardire di partecipare, visto che il problema è italiano, non certo solo dei comuni ad amministrazione leghista.
    il punto di partenza non dovrebbe essere “basta privilegi al Sud”, ma “tutti autonomi o nessuno !”; sarebbe ora che tutte le regioni fossero uguali in uno stato cosiddetto democratico!

    1. Scritto da Dario

      Perchè per risolvere queste cose le adunate Nord contro Sud non servono ad un tubo, bisogna proporre e modificare le leggi e deve valere per tutti. Se non lo si fa non serve ad una mazza

    2. Scritto da Filippo

      C’erano due sindaci non PDL nè Lega.

    3. Scritto da gb

      …presente il Sindaco Maci di Verdellino, non certo leghista o PDL….

      1. Scritto da Dario

        Perché ha capito che non c’entra essere leghisti! Anche ad un sindaco del pd, succhiano i soldi per i parassiti da mantenere…

        1. Scritto da Pep

          Ci sono leggi sull’autonomia che vanno cambiate, peccato che in quasi 10 anni di governo la lega non l’abbia fatto. E forse se ne guarderebbe bene dal farlo , interessa di più far chiasso a vuoto con la contrapposizione nord-sud

  21. Scritto da A.Z. Bg

    Ormai siamo in uno staterello ridicolo in puro stie Orwelliano.Gli animali della fattoria sono tutti uguali,ma qualcuno è più uguale degli altri.La magistratura è di sinistra e punisce chi non lo è ed essendo al 98% meridionale favorisce la sicilia che ha fatto il ricorso per forare il patto di stabilità.Per loro e il loro capo napolitano la gente delle nostre regioni servono per mantenerli e basta.Siamo servi della gleba,non possiamo spendere i nostri soldi vperchè DOBBIAMO darli a loro.

    1. Scritto da Mavalà

      Certo che t’an diset de stupidade ! Ma quale magistratura di sinistra ! Le leggi le fa chi governa e voi avete governato per quasi 10 anni senza fare nulla , senza toccare la norma da cui deriva questa decisione . Cioè roma che può intervenire su una regione autonoma , la votereste una modifica O NO ? Poche palle presentate quanto serve per modificarla !!

  22. Scritto da Francis

    Ma cosa stiamo a fare in questa Italia ?

  23. Scritto da Ariel

    Sono 50 anni che sento ‘sta lagna “basta privilegi al sud”. Che palle! O vi sta bene lo stato democratico (e fazioso), oppure soluzione non democratica…

  24. Scritto da ma pensa

    udite udite ci voleva tanto a capirla …ci sono 2 italie chi suda e per tirare a campare si fa in 10 chi invece fa la siesta e se ne fotte e magna alla faccia nostra!!