BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Fontana: “La sentenza, qualunque sia non farà fuori Berlusconi”

A poche ore dalla sentenza della Cassazione sul processo Mediaset, che vede imputato Silvio Berlusconi già condannato in appello per frode fiscale a 4 anni di reclusione e a 5 di interdizione dai pubblici uffici, l’onorevole bergamasco del Pdl Gregorio Fontana che ha incontrato ieri l'ex premier racconta l’attesa, spiega le preoccupazioni e confida nella Giustizia.

Una manciata di ore, poi la Cassazione si esprimerà sul processo Mediaset, che vede imputato tra gli altri anche Silvio Berlusconi già condannato in appello per frode fiscale a 4 anni di reclusione e a 5 di interdizione dai pubblici uffici. “È una sentenza attesa perché non riguarda solo il cittadino Silvio Berlusconi, ma il leader di un partito che per lo 0,37% non ha vinto le elezioni alla Camera”.

Gregorio Fontana, onorevole del Pdl, non si nega nel raccontare questa attesa. Ieri ha incontrato e parlato con Berlusconi, l’appuntamento atteso per oggi con la Giustizia è stato al centro del loro colloquio.

“È vent’anni che tentano in tutti i modi di inchiodare Berlusconi, non si riesce a sconfiggerlo in campo politico e allora si tenta la scorciatoia dei processi”.

Onorevole c’è il timore di una sentenza che metta fuori gioco Berlusconi?

“Ho paura che questa volta non riescano a trattenersi, l’occasione è ghiotta: far fuori Berlusconi con una sentenza. Se da una parte ho questo timore, dall’altra, da uomo delle istituzioni e da cittadino ho fiducia nella giustizia e credo nelle motivazioni logiche che ha presentato la difesa. Mi auguro che prevalga la giustizia, non solo per il cittadino Berlusconi, ma per la democrazia di questo Paese”.

Se Berlusconi fosse condannato che cosa cambia? È davvero fuori dai giochi della politica?

“Comunque vadano le cose, io credo che Berlusconi non si tirerà indietro. Se qualcuno ha fatto i calcoli che con le sentenze si potesse sbaragliare politicamente Berlusconi, ha sbagliato i conti. La prima volta che ho sentito di questa possibilità, che l’attuale leader del Pdl venisse condannato da un tribunale e sarebbe finito politicamente, era il novembre 1994: siamo all’agosto 2013 e Berlusconi politicamente è più vivo che mai”.

Diciannove anni di processi. Crede che ci sia un accanimento giudiziario nei confronti di Berlusconi?

“L’accanimento di una parte minoritaria e di alcune procure verso Berlusconi non è contro l’uomo, il cittadino, ma contro il politico. Ciò che rappresenta, per le sue convinzioni in materie economica, per le sue battaglie a favore dei cittadini. Io credo che debba esserci una divisione tra politica e magistratura, e non lo dico per il caso Berlusconi, lo sostengo per il bene dell’Italia”.

Da politico e dopo anni al governo, non era il caso di intervenire e rinnovare la Giustizia? Dopo questa sentenza proporrete una riforma?

“Il problema della Giustizia in Italia c’è. È evidente, non solo per il caso Berlusconi. Ogni volta che si è tentato di mettere mano ad una riforma si sono sollevate da più parti scudi, ma i cittadini che si sono imbattuti nella macchina della giustizia sanno che c’è un problema. È un po’ come gli incidenti stradali, solamente quando ci si trova in mezzo si comprende il calvario. Dopo questa sentenza continueremo il nostro impegno raccogliendo le firme per alcuni referendum come la separazione delle carriere e sulla responsabilità civile dei giudici. Questi temi li sottoporremo anche all’attenzione del Parlamento”.

Ha sentito o incontrato Berlusconi in queste ore?

“L’ho sentito e visto ieri”.

È preoccupato?

“È sereno, fiducioso, da cittadino confida nella Giustizia e che gli vengano riconosciute le sue ragioni”.

In caso di un verdetto che confermi la sentenza dell’Appello, ci saranno ripercussioni sulla maggioranza di Governo?

“Non ne abbiamo discusso. Vedremo”.

In un’intervista il cantautore Francesco De Gregori ha sostenuto che il governo Pdl-Pd era l’unica soluzione per uscire dopo l’esito delle elezioni e ringrazia Dio perché il Pd non ha stretto alleanze con i Grillini.

“Era ed è una scelta di responsabilità. L’idea dell’alleanza con il Pd l’abbiamo avuta e voluta noi. È il Pd che ha impiegato settanta giorni per maturarla perdendo tempo con i Grillini. È una scelta fatta nell’interesse dei cittadini, mi creda sarebbe stato più comodo stare all’opposizione. Governare è più difficile, abbiamo preso un onere grave ma siamo stati spinti dal senso di responsabilità e che ci auguriamo che questo ci venga riconosciuto. Ora, al di là della sentenza di Berlusconi, abbiamo preso un impegno per affrontare i problemi dell’Italia che non possono aspettare. Ci sono necessità economiche a cui il nostro Paese deve rispondere. Berlusconi per primo ha tracciato questa strada che abbiamo intrapreso e che seguiremo”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da il polemico

    se viene condannato mentre il presidente del gruppo,confalonieri, è gia stato assolto per lo stesso reato,si griderà che i giudici usano 2 pesi e 2 misure allo scopo di incriminare a tutti i costi il berlusca,se verrà assolto si accuseranno i giudici di persecuzione giudiziaria prolungata in 20 anni di processi,diciamo che è una bella gatta da pelare e molto costosa,se il berlusca viene assolto,si dovrebbe licenziare chi ha iniziato tutto,dalla rossa agli altri.tutti a casa

  2. Scritto da poeraITALIA

    Tutti commenti rispettabili ma io mi sono posto una domanda
    visto che è dal 1994 che lo stanno processando e sicuramente non sarà l’ultima ma chi paga tutti questi processi che lui si paghi i suoi avvocati fatti suoi ma chi lo accusa paghiamo noi vero mi piacerebbe sapere quanto si è speso fino ad oggi comunque non serve a nulla
    E DICONO LA LEGGE E’ UGUALE PER TUTTI : LORO però

    1. Scritto da GODOOOO

      IL PREGIUDICATO E’ STATO CONDANNATO
      PS FORSE TI SFUGGE CHE I SUOI AVVOCATI SONO IN PARLAMENTO E QUINDI LI PAGHIAMO NOI!!!

  3. Scritto da Carlo

    E’ pronta a scendere in campo la Piersilvia. Alla faccia della meritocrazia e alla faccia della libertà.

    1. Scritto da Democrazia

      Dove sta il problema se qualcuno la vota. È la democrazia, bellezza. Ma tu non hai ancora capito cosa è la democrazia. È quella cosa che permette anche a chi ciancia come te di scendere in campo. Poi, se sei credibile, diventi Berlusconi, o forse, la Piersilvia.

      1. Scritto da Kurt Erdam

        E’ questo il problema della vostra finta democrazia.con tre televisioni e un po’ di giornali e qualche ferrara/belpietro/sallusti/feltri e compagnia a libro paga si raccontano tante di quelle palle che di ciula che ci credono e votano per lui se ne trovano tanti che uniti a tutti i farabutti che lo votano perché garantiti dalle leggi che fa poi fra scudi,sanatorie edilizie e fiscali depenalizzazioni del falso in bilancio ecc..riescono a mandarlo su a distruggere l’Italia (come ha fatto)

  4. Scritto da poverinoi

    B. ha sempre avuto nella spregiudicatezza, e non certo nell’onestà, la sua “arma” in piu PDL e media hanno concentrato l’attenzione su questa sentenza cosicche’, in ogni caso, ci sara’ una sicura vittima e tanti cattivi “carnefici” (i giudici). Ma nessuno si deve scordare che questo signore aveva in casa un mafioso pluriomicida,ha corrotto giudici e GDF scampando a precedenti condanne grazie a leggi da lui stesso promosse!Se anche lo votasse il 90% degli italiani rimane un poco di buono

    1. Scritto da Sentenze

      Ma chi cavolo sei tu per sparare queste sentenze?
      Un poverino?

      1. Scritto da poverinosi

        poverino forse si, stupido sicuramente no. Non ho bisogno di una sentenza per giudicare una persona in base a fatti appurati, noti ed ammessi da B. stesso. Non serve essere ricchi per fare questo, basta avere un minimo di cervello ed essere obiettivi. Le chiedo quanta gente onesta conosce che ha societa’ in paradisi fiscali? Ecco B. e mediaset ne avevano la bellezza di 67 (fonte La Padania 1999)… secondo lei a cosa servivano? A commerciare cibo per boccaloni italici?!?

  5. Scritto da ex elettore

    Comunque vada….loro diranno che la colpa è sempre dei giudici…….paese marcio questo

    1. Scritto da elettore

      comunque vada……tu l’hai già condannato….

      1. Scritto da non elettore

        comunque vada…. tu l’hai già assolto….

        1. Scritto da elettore

          Può essere una possibilità’ oppure sono un cittadino che ha fiducia nella magistratura …

      2. Scritto da lettore

        leggendo il commento precedente, non sembra proprio. Ma la paranoia, ormai la fa da padrona tra i devoti di silvio.

        1. Scritto da Paranoico

          Qui l’unico paranoico sei tu che esprimi giudizi di pancia. Prendi un bicarbonato che ti passa

      3. Scritto da gigi

        è colpevole. e cmq un personaggio del genere non sarebbe in politica neppure nella repubblica più infame

        1. Scritto da Agigi

          Gigi grazie per la tua sentenza. Questa e’ democrazia.

          1. Scritto da doctor

            no….quella di Gigi e’ una semplice constatazione…per i ciechi e i sordi e…per quelli che vivono nel mulino bianco, invece e’ una sentenza…

          2. Scritto da gigi

            la sentenza non l’ho emessa io, i reati non li ho commessi io, io non ho 3 televisioni e uno stuolo avvocati che intralciano la giustizia. accontentiamoci anche al capone era un perseguitato dai giudici era innocente, solo per reati fiscali l’hanno condannato per il resto era un santo

      4. Scritto da ex elettore

        Io condanno chi lo vota……

  6. Scritto da porcellum

    tanto chi vota a destra voterà lo stesso , berlusconi o meno ..!

  7. Scritto da news

    ma a parte tutto , che vada in pensione e lasci il posto ai giovani del suo partito

  8. Scritto da corruttore

    in un paese normale quest individuo starebbe gia da un pezzo nelle patrie gale

    1. Scritto da Tasse

      Perchè? Con quel che paga di tasse

  9. Scritto da gio

    ovvio che la sentenza non lo farà fuori, finché il suo enorme elettorato sarà sempre come lui e la sua condanna…

    1. Scritto da Gio

      caro gio, nei paesi democratici tutto il popolo è sovrano, non solo quelli che la pensano come te. Impariamo ad avere rispetto della maggioranza e vivremo tutti più sereni….

      1. Scritto da al

        Tranquillo, c’è anche chi, come me, rispetta te che lo voti e rispetta la legge che lo assolve o lo condanna.Nei paesi democratici il “popolo sovrano” non può assolvere o condannare fortunatamente nessuno.

      2. Scritto da Riccardo

        Se voto qualcuno posso pensare che non abbia nessuna colpa, ma questo non ha nessun significato di fronte al giudizio della magistratura. Io ho rispetto per il voto anche da chi non la pensa come me, ma il voto non giustifica chi infrange la legge. Impariamo ad avere rispetto da chi è stato messo a giudicarci e vivremo tutti più sereni…

        1. Scritto da Pino

          Si, ma se chi è stato messo a giudicarci lo fa con fini politici e poi scende in politica, come tanti magistrati, a me non va bene.
          Di Pietro, Ingroia, De Magistris, e tanti altri docet

      3. Scritto da ruz

        Vero. Però ci vorrebbe anche una giustizia che funzionasse. In altri paesi civili – da Bill Clinton a seguire – per MOLTO MENO, i leader si sono dimessi. Solo i dittatori de facto fanno come Silvio.

        1. Scritto da giorgio

          ..o come Calderoli…anche se magari l’es nel suo caso è un po’ diverso…il significato non cambia

  10. Scritto da Sul pezzo

    Ottimo puntuale preciso, sul pezzo , dovrebbe esserlo anche per le vicende interne del Pdl , dove il suo coordinatore ( protetto da lui ora) ha tentato di strumentalizzare assemblea uniacque ( con pochissimo risultato : eh si che lui è del territorio) in antagonismo alla lega trascinando ci nel ridicolo .
    Non da ultimo vanno ricordate le posizioni antiberlusconi del coordinatore e anti onorevoli romani ( avevamo solo fontana ) sempre per coerenza

  11. Scritto da giobatta

    le sentenze non servono a far fuori nessuno, servono solo a far giustizia nei paesi civili. e le sentenze vanno rispettate: parlando in generale, se l’imputato e’ assolto, dovremmo rallegrarci non di avere un delinquente in piu’; se e’ condannato in via definitiva, dovremmo rallegrarci di aver assicurato alla giustizia un delinquente; essa cerchera’ anche di rieducarlo ad un corretto comportamento sociale. amen.

    1. Scritto da Troppo Facile

      Mentre se viene rinviato all’appello e di conseguenza automaticamente scadono i termini ? Aggiungiamoci le leggi modificate in questi anni …… A questo punto che giudizio dai ? I fatti di questo processo sono platealmente visibili , significa che tutti potranno fare così ? Che la legge è uguale per tutti ?