BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Trekking a Montisola Tutte le meraviglie della perla del lago d’Iseo fotogallery

Passeggiata tra le meraviglie di Montisola, l’isola lacustre più grande d’Europa: Prealpi e Andrea Morini ci accompagnano, in un’atmosfera d’altri tempi, alla scoperta della perla del lago d’Iseo.

Più informazioni su

a cura di PREALPI in collaborazione con Andrea Morini

Montisola, l’isola lacustre più grande d’Europa, la perla del lago d’Iseo o lago Sebino, in mezzo alle province di Bergamo e Brescia, è meta di turisti italiani e stranieri. La percorreremo a piedi partendo da Peschiera Maraglio, il più grande dei suoi paeselli, fino al Santuario della Cerinola, punto più alto raggiungibile, immersi tra boschi e terrazze coltivate, tra uliveti e fiori coloratissimi, accompagnati da una lunga storia di contadini e pescatori.

Numerosi i punti della costa da cui è possibile raggiungere Peschiera Maraglio con pochi minuti di battello, Iseo, Sulzano, Sale Marasino, e già durante la breve navigazione possiamo adocchiare i luoghi che attraverseremo e raggiungeremo. Toccare la terra isolana ci porta a fare un salto nel passato recente, ai tempi dei nostri nonni, con le casette basse di roccia e stucco, i panni stesi ai fili esterni, le signore che si fermano per strada a salutare tutti, perché ovviamente ogni isolano conosce i suoi vicini e vige ancora la buona abitudine del saluto cordiale e gioioso. Dunque prendiamoci qualche attimo per entrare in quest’atmosfera “d’altri tempi”, per imparare nuovamente a sorridere alla vita e alle persone. Un respiro profondo e siamo pronti a partire seguendo un itinerario che si svolgerà per la maggior parte su asfalto e ciottolato, lungo i viottoli che uniscono i paesi dell’isola, percorsi da biciclette, motorini e le vecchie Ape.

Come prima cosa è d’obbligo la visita a Peschiera Maraglio, il paese più grande dell’isola semplicemente per apprezzare al meglio le bellezze architettoniche, caratteristiche del luogo. La partenza del giro è verso Sensole (dando le spalle agli attracchi dei traghetti si prende a sinistra) seguendo il lungo lago; quasi rilassante, in piano, con poche curve che seguono il profilo dell’isola stessa. Lo sguardo segue la strada perdendosi nel lago e giungendo sulla costa della terraferma per apprezzare differenze e somiglianze.

Pochi passi e le ultime case di Peschiera lasciano spazio al verde, alle piantagioni di ulivi intervallate a ristoranti vista lago. Lentamente la strada piega a destra e davanti noi, osservando il lago, si apre la vista sulla piccola isola di San Paolo, isola privata posta a sud rispetto Montisola, mentre lasciando correre lo sguardo sulla costa possiamo scorgere il paesello che dovremo raggiungere e sulla cima dell’isola la costruzione della Rocca Martinengo, che osserveremo solo dal basso.

Proseguendo a camminare, all’ingresso del paese di Sensole, la strada si biforca, la via di destra punta decisamente in salita mentre quella di sinistra continua lungo la costa, in piano. Noi imbocchiamo la via in salita ovviamente, quella di destra, ma per il semplice motivo che qualche centinaio di metri più avanti le due vie tornano a ricongiungersi e quella che sale dalla costa ha la pendenza concentrata in pochissimo spazio. Continuiamo a salire finché la strada svolta nuovamente a destra seguendo le curve dell’isola pensando che ci vorrebbe proprio una pausa e, come se qualcuno ci avesse pensato, davanti i nostri occhi si apre una bella piazzola di sosta dove poter ammirare il panorama della costa bergamasca poco distante e, nelle giornate limpide, il Monte Trenta Passi e la catena dell’Adamello. L’unica pecca sullo scenario è il cementificio di Tavernola proprio nel centro della bella fotografia.

Pochi minuti di pausa e si riparte nuovamente lungo la strada principale asfaltata verso i paesi di Menzino e Sinchignano che attraverseremo salendo un poco di quota.

Dopo un’ora circa di cammino totale arriviamo al paese di Siviano, dove parte la strada ciottolata che sale verso il centro dell’isola; entriamo nel paese seguendo la strada asfaltata fino ad arrivare alla piazza principale (c’è un bar sulla sinistra, vista lago), la oltrepassiamo e pochi metri dopo imbocchiamo un viottolo ciottolato che sale a destra decisamente più stretto e ripido della principale e che porta alla chiesa del paese e la oltrepassa.

La partenza di questo secondo tratto è abbastanza impegnativa rispetto il precedente, ma dura ben poco perché la pendenza della via si smorza appena sbuchiamo dalla cima del paese, nei campi coltivati, ma guardandosi attorno ci possiamo accorgere di essere saliti non poco di quota. Meglio non fermarsi però, ma proseguire spediti per non perdere il bel ritmo preso.

Proseguendo lungo il ciottolato arriviamo a un bivio, nel centro è posta la statua della Madonna e sulla sinistra un grosso masso con dipinto il segnale rosso-bianco che indica che la via è giusta: noi proseguiamo a destra continuando a salire fino a incrociare nuovamente la strada asfaltata. Ma la attraversiamo appena per proseguire dritti entrando nel paese di Masse, decisamente affascinante. Nella piazzetta del paese dobbiamo svoltare a sinistra (la via passa vicino una fontanella) per un sentiero che finalmente diventa sterrato e attraversa i campi coltivati. Proseguiamo dunque, uscendo anche da Masse e salendo verso il boschetto di castagni. Dopo pochi minuti di percorso giungiamo a un nuovo bivio, nei pressi di una baracca di qualche contadino; noi svoltiamo a destra lasciando a se il sentiero che indica la discesa a Peschiera M. per una via difficile e pericolosa.

Continuiamo a salire con tranquillità passando accanto a campi coltivati e pecore al pascolo fino a giungere nuovamente, dopo una nuova ora di cammino, all’incrocio con la strada ciottolata che questa volta però dobbiamo riprendere per l’ultimo tratto di salita al Santuario. In mezz’ora, seguendo la via, giungiamo ai piedi del monastero, agli ultimi gradini che ci porteranno alla nostra meta.

Dopo 2 ore e mezza totali di cammino (3 ore se proprio ce la vogliamo prendere comoda) possiamo finalmente fermarci e osservare Montisola dall’alto, il lago d’Iseo attorno noi e le coste bresciana e bergamasca.

È tempo di concederci una meritata pausa pranzo prima di ripartire per la discesa; questa segue per il primo tratto la via dell’andata, fino al paese di Masse, lungo il sentiero. Attraversato il paese però non riprendiamo il viottolo ciottolato che ci porta a Siviano, ma rimaniamo su asfalto, svoltando a destra, per il paese di Olzano. Lungo la via possiamo scorgere di fronte a noi la terza piccola isola del Lago d’Iseo, Isola di Loreto, privata anch’essa, prima di immergerci nelle case di Olzano. Da qui proseguiamo per un sentiero che ci conduce a Carzano e poi, lungo la strada asfaltata che costeggia il lago, torniamo a Peschiera Maraglio stanchi ma soddisfatti, pronti per tornare al presente traghettando nuovamente verso la terra ferma.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Alex

    Diciamo che, nonostante sia uno dei borghi più belli d’italia, in diversi punti è stata rovinata da costruzioni orribili, condomini e villette che nulla hanno di “lacustre”.
    Però i sentieri che portano al castello e al santuario sono spettacolari. Ad agosto, poi, si alternano diverse feste all’aperto dove fermarsi a mangiare (a Peschiera maraglio è la settimana di ferragosto), ma ci sono anche ottimi ristoranti x gli amanti del pesce.. e delle viste mozzafiato.

  2. Scritto da giobatta

    isola meravigliosa, ideale per il trekking o la mountan bike. una vacanzina di almeno tre giorni a settembre e’ da fare assolutamente. (tra l’altro e’ nel novero dei “borghi piu’ belli d’italia)