BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Lago d’Iseo tra i bacini italiani più inquinati dagli scarichi fognari

C’è anche il lago d’Iseo tra i bacini italiani inquinati da batteri fecali, vale a dire che l’acqua è contaminata dagli scarichi delle fogne non depurati. Al primo posto quello di Como, al secondo quello di Garda. Legambiente: "Si rischiano gravi ripercussioni ambientali"

C’è anche il lago d’Iseo tra i bacini italiani più inquinati da batteri fecali. Vale a dire che l’acqua è contaminata dagli scarichi delle fogne non depurati. Questo e’ emerso nel 51% dei 104 campioni prelevati in 16 laghi italiani di dieci regioni, al Nord e Centro Italia, dalla ‘Goletta dei Laghi’ di Legambiente.

Maglia nera per inquinamento al lago di Como dove su 16 punti in cui sono stati prelevati campioni di acqua 12 sono risultati critici, 9 dei quali ‘fortemente inquinati’ e 3 ‘inquinati’. Segue il lago di Garda dove sono stati analizzati 20 punti e 11 sono risultati critici: 7 ‘fortemente inquinati’ e 4 ‘inquinati’. Fuori legge, quindi, in un caso su due, i valori batteriologici dei campioni e così ”foci dei corsi d’acqua, torrenti e fossi sono ancora una volta sul banco degli imputati”, afferma l’associazione ambientalista.

Tra i laghi del nord – spiega Legambiente – sono stati sette i bacini monitorati dai tecnici tra Piemonte, Lombardia, Veneto e Trentino Alto Adige: Garda (Verona, Brescia, Trento), Iseo (Bergamo, Brescia), Como (Como, Lecco), Lugano (Varese), Maggiore (Varese, Novara, Verbania), Varese (Varese) e Viverone (Torino). Un totale di 73 punti monitorati, di cui “ben 44 sono risultati inquinati o fortemente inquinati”.

“I risultati delle analisi – spiega Giorgio Zampetti, responsabile scientifico di Legambiente – mettono in luce anche quest’anno un sistema depurativo carente, che nel nostro Paese coinvolge ancora un quarto della popolazione e che rischia, oltre che gravi ripercussioni ambientali, di farci pagare pesanti sanzioni per le procedure d’infrazione dovute al mancato rispetto delle direttive europee”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da isa

    In primavera scrivono che il Lago d’Iseo e’ balneabile, poi arriva luglio e agosto e…chissa’ come mai il lago adesso e’ inquinato!

  2. Scritto da giorgio runchi

    Bisogna smetterla di dare le notizie in questo modo.
    1° nell’articolo emerge che il lago d’iseo è il 3° lago per “inquinamento”dopo il lago di Como e di Garda. Questo è scritto nell’articolo nma non nel titolo.
    2° come perfettamente fa’ Vito ci sono i dati di rilevamento dell’ASL che dicono che le acque dell’ISEO sono ECCELLENTI (ad esclusuione di Costa Volpino)
    COSI’ SI DEMOLISCE IL TURISMO LACUALE E NON SI FA UN’ INFORMAZIONE CORRETTA.

  3. Scritto da Vito

    Allego il link per la qualità delle acque del lago per la balneazione
    http://www.balneazionelagoiseo.it/

  4. Scritto da Vito

    Ma il lago d’Iseo non era stato dichiarato BALNEABILE in moltissimi punti 2-3 mesi fa????

  5. Scritto da Antonio

    E’ una strategia! Tra luglio e agosto, circola questa notizia sull’inquinamento del lago Sebino proprio nel periodo in cui i campeggi e gli alberghi segnano qualche presenza in più. Perchè non se ne parla ad “acque fredde” quando non si è nella stagione turistica? Più di quello che è stato fatto, per il collettamento delle sponde, non è possibile. Bisogna intervenire sugli affluenti (Oglio ovviamente in testa) ma è un’impresa titanica. Parliamone, ma nei tempi e nei modi corretti.

  6. Scritto da stefano

    Pès di terù. Bravi bravi.

    1. Scritto da fabio

      concordo con stefano, ricordate Tafazzi? quel personaggo che si picchiava masochisticamente sui c……i con una bottiglia? Regione, ASL, ARPA, Provincia e Autorità di Bacino dei Laghi, cioè gli organi preposti ad analizzare l’inquinamento del lago ci rassicurano di anno in anno sui continui miglioramenti, dovuti anche anche all’imponente opera di collettamento fognario dei paesi lacustri, mentre questi signori fanno terrorismo psicologico: a chi giova tutto ciò? I laghi vicini ringraziano!

      1. Scritto da Piero

        Veramente si parla anche dei laghi vicini, non messi troppo bene…