BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

La centrale di Malpaga brucerà liquami animali Ghisalba sul piede di guerra

La Provincia ha approvato la modifica dei materiali che possono essere bruciati nell'impianto di Malpaga. Critiche da parte del vicino Comune di Ghisalba che ha presentato un ricorso al presidente della Repubblica e dal comitato ambientalista F9: "Non vogliamo un'altra Seveso"

È stata approvata nei giorni scorsi dalla Provincia, con determinazione dirigenziale, la modifica dei materiali che possono essere conferiti alla centrale a biogas di Malpaga. Una decisione che fa molto discutere nella Bassa.

La Provincia ha stabilito che la Società Agricola Malpaga s.r.l. potrà utilizzare nuove matrici, in particolare reflui zootecnici, (in concreto liquami bovini) provenienti da Cassinone, pollina (concime derivato dalle deiezioni degli allevamenti avicoli), biomasse costituite da cereali per la prima colazione e simili provenienti da Costa Mezzate, oltre alla sansa di oliva (un sottoprodotto del processo di estrazione dell’olio d’oliva composto dalle buccette, dai residui della polpa e dai frammenti di nocciolino).

Dal comune di Ghisalba, che si trova al confine con la centrale di Malpaga, arrivano malumori da parte del sindaco Samuele Vegini: “Siamo assolutamente contrari a questa decisione –spiega il primo cittadino- per diversi motivi come gli odori che dovremo sorbirci e il traffico che si formerà lungo le strade circostanti. Inoltre l’azienda si è comportata in modo scorretto, non avendoci nemmeno interpellato per un incontro in cui si sarebbe potuto trovare una soluzione. In ogni caso noi abbiamo presentato un ricorso al presidente delle Repubblica contro la decisione. Conoscendo i tempi in Italia sarà una questione lunga, ma non intendiamo fermarci”.

Nessun commento dal Comune di Cavernago, direttamente interessato alla vicenda, che in precedenza si era dichiarato contrario per via delle “molestie olfattive potenzialmente derivanti dai composti di origine zootecnica da inserire nel ciclo produttivo della Società Agricola Malpaga”, ma non si era presentato alla conferenza dei servizi dello scorso marzo in cui si era discusso di questa vicenda con le parti in causa.

Il Comitato f9, nato per far rispettare le zone adibite a verde vincolato (F9), tutelare e promuovere la qualità della vita e la salute dei cittadini di Cavernago, passa subito all’attacco: “Materiali che una volta venivano considerati rifiuti ora vengono fatti passare come energia utile –le parole del presidente del gruppo, Adriano Carolo- ma in realtà rendono l’aria appestata. Penso che il Comune di Cavernago, invece di organizzare feste a castello che rievocano stragi dell’antichità, debba pensare ad evitare che stragi simili si ripetano. E queste non sono sensazioni nostre, ma dati scientifici. Il territorio di Cavernago è già abbastanza bersagliato da questo punto di vista, non peggioriamo la situazione. Non vogliamo ritrovarci con un’altra Seveso tra qualche anno. Promuovere un’azione incisiva per dire no alla decisione della Provincia, con un volantinaggio e, se il Comune di Cavernago si sosterrà, un incontro pubblico con i cittadini”.

Giorgia Latini

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da cavernaghese

    Ma il sindaco nn poteva andare in provincia se è già d’accordo con quelli della centrale… Eh !

  2. Scritto da poeraITALIA

    ma in Bergamasca non ne abbiamo abbastanza di
    inceneritori termovalorizzatori discariche ora anche questa ma
    i famosi AMBIENTALISTI dove sono ?? forse dove non ci sono
    problemi seri

    1. Scritto da Eh Eh

      Per chi hai votato ?

      1. Scritto da poeraITALIA

        penso siano circa 25 anni che non voto più e non penso che tornerò a votare.
        a cosa serve voti Piero governa Paolo guardi la situazione attuale
        il PD con il PDL governano assurdo tutto lecito???

  3. Scritto da Ales

    Viva l’ignoranza tipica del Medio Evo. I falsi ecologisti dovrebbero sapere che i riufiuti sono essicati sotto vuoto e quindi inodori. Avanti con i comitati tipici di questa ignoranza.

    1. Scritto da ..

      Se abitasse qui capirebbe i disagi e gli odori…sullo stesso territorio c’è una centrale a olio di colza (in mezzo alle case!!) al momento ferma e una discarica di rifiuti industriali………direi che siamo già saturi!!!!!

      1. Scritto da Bill

        Dopo che hanno ampliato la discarica hanno cosrtuito molte case e gli imprenditori locali ne sanno qualcosa !

    2. Scritto da cicciobg

      la tua invece è ignoranza di che epoca?
      i materiali in ingresso assolutamente maleodoranti non vengono essicati sottovuoto ma fermentano in ambiente chiuso in leggera pressione (digestori) dopodichè in uscita hanno di molto ridotto (no azzerato) il loro odore.La domanda è :Finchè tali materiali non sono all’interno dei digestori (trasporto,caricamento e imprevisti) siamo CERTI che non si verifichino MAI molestie olfattive?

    3. Scritto da poeraITALIA

      scusi ma quello che scrive lei che attinenza ha con Seveso
      è a conoscenza di quello che era accaduto a Seveso?? gli odori
      non entrano in quel di Seveso
      poi non siamo tutti acculturati su tutte le tematiche sarebbe troppo
      bello

      1. Scritto da carlo

        l’elettricità che usi per scrivere questi commenti non cade dal cielo, ecologisti/integralisti se siete cosi convinti perché non vi staccate dalla rete elettrica, cosi serve meno energia e perciò meno centrali e meno inquinamento

        1. Scritto da poeraITALIA

          io rispondevo al signore che scriveva su Seveso comunque la rivolgo a lei che attinenza ha Seveso con Malpaga ???
          che elettricità produce un inceneritore o una discarica????
          non sono ne integralista ne ecologista vorrei solo capire semplice