BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Trofeo Bortolotti, giusto intitolare lo stadio ad Achille e Cesare fotogallery

Luciano Passirani commenta la prima vera partita stagionale dell’Atalanta, che ha segnato ben cinque gol all’Udinese di Guidolin nel trofeo dedicato ad Achille e Cesare Bortolotti.

Più informazioni su

Luciano Passirani commenta la prima vera partita stagionale dell’Atalanta, che ha segnato ben cinque gol all’Udinese di Guidolin nel trofeo dedicato ad Achille e Cesare Bortolotti.

di Luciano Passirani

Nel settembre 2007 il consiglio comunale della città di Bergamo, sindaco Bruni che a memoria si astenne, bocciò la proposta di intitolare lo stadio ad Achille e Cesare Bortolotti. Oggi a distanza di sei anni quella decisione sembra digerita, ancor più dimenticata dal tempo . Non se ne parla proprio più. Salvo per lo striscione di ieri sera, stadio Achille e Cesare Bortolotti, esposto dalla curva nord. Succede una volta all’anno. Infatti la stagione atalantina non offre nulla di meglio e di nuovo ma almeno come da copione degli ultimi anni riapre con il Trofeo dedicato ai “ Bortolotti “ , in uno stadio ahimè ancora intitolato agli “ Atleti Azzurri D’Italia“. Mai nessuna denominazione assunse i contorni del mistero della scelta, del tipo cosa centrasse con Bergamo ? Lo ha ricordato anche recentemente in una intervista lo stesso Umberto Bortolotti. Personalmente , come molti bergamaschi, sono cresciuto sentendo dire “vado all’Atalanta “, lessico unico e mai coniato in altre città d’Italia, a testimoniare come a Bergamo venga da sempre vissuta la fede atalantina.

Vero che se devo ricordare il nome dello stadio mi viene più spontaneo il Brumana, pur temendo di non fare felice l’amico Baraldi , rimasto probabilmente con pochi ad identificarsi nella attuale intitolazione. A Milano nessuno si scandalizza se qualche cronista parla ancora di San Siro, piuttosto che di Meazza, eppur “ Peppin “ con il calcio mi sembra avesse proprio a che fare .

Ritroviamo per il secondo anno consecutivo l’Udinese. Devo pensare che probabilmente viene gratis, grazie ai buoni uffici di Marino, mentre ben altri fuochi d’artificio erano stati annunciati da Percassi, al quale va comunque riconosciuto il merito di avere recuperato la manifestazione che prima del suo avvento si era quasi persa, quando non disputata come nel 1999 e nel 2005. Certo, quando vedo il trofeo Tim in uno stadio gremito con Juventus e Milan a soffrire con il Sassuolo, mi chiedo se a Bergamo il Trofeo Bortolotti non meriti attori diversi, pur rispettando i meno di 2.000 paganti venuti sicuramente solo per ricordare Cesare e Achille e sorpresi da una Atalanta pimpante, di certo più allegra di una Udinese troppo nervosa. Infatti si può parlare di calcio solo per i primi 45 minuti, poi ci pensa l’impalpabile portiere dell’Udinese Kelava che decide alla fine del tempo di farsi espellere per contestare un solare rigore decretato da un precisissimo Orsato.

Eravamo 2 a 1 , finisce in gloria con una splendida doppietta di Livaja e un gran gol di Baselli su punizione. Se sono rose fioriranno, per ora vale solo per l’Atalanta che si aggiudica il trofeo Bortolotti e almeno nella formazione iniziale svela le prime scelte di Colantuono. Bellini in attesa del giovane Nica, Yepes dall’inizio piuttosto che un seccato Lucchini, in odore di mercato, De Luca e non Maxi. Ma non sarà semplice lasciare fuori questo Livaja. Trovi Colantuono la soluzione tattica.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da gutembergem

    Lo scorso anno venne allo stadio un mio amico di Verona e mi chiese cosa c…o volesse dire stadio atleti azzurri d’Italia. Giro la domanda ai geni che hanno avuto questa formidabile intuizione.

    1. Scritto da Caio

      Bisogna chiederlo anche a Roby Facchinetti, che ha scritto “Atalanta Azzurra”.

  2. Scritto da Giovanni

    Lo avevano proposto i tifosi della curva nord qualche anno fa,ma la giunta di Bergamo(Bruni mi pare) non volle preferndo azzurri ditalia.Gli stessi tifosi misero a loro spese una tarega all’entrata della gradinata di viale G.Cesare.

  3. Scritto da nino cortesi

    De Luca è una punta, Moralez è un rifinitore. Che c’entrano fra loro i due? Maxi non si tocca, a rischio di figuracce.

  4. Scritto da nino cortesi

    Bartolomeo, Bortolo, Burtulì, Bortolotti per Bergamo è un po’ come intitolarlo alla polenta. Io lo intitolerei a Gardoni.

  5. Scritto da willer

    Concordo..anche se intitolare quella catapecchia a 2 persone che hanno dato tutto all’Atalanta….Ma con i politicanti che ci ritroviamo…

    1. Scritto da Tone

      Scrivi come un certo greatguy, che aveva giurato di non mettere più piede su bgnews…

      1. Scritto da greatguy

        dinataleeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee

        1. Scritto da Tone

          Su atalantini.com fai il gradasso sentenziando su bgnews, e poi sei lì che sbirci dalla serratura. Che spasso.

  6. Scritto da daniele

    “atleti azzurri d’italia” non c’entra niente con bergamo. meglio “achille e cesare bortolotti” o qualunque altro basta che si identifichi con bergamo.

  7. Scritto da sergio vero

    non potendo più attaccare marino per la mancanza di giovani(vedrai baselli passirani, vedrai…), al buon luciano non resta che inventare una polemica per l avversario non all altezza come nome, e inventando un caso lucchini…al limite della barzelletta

    1. Scritto da geco

      Peccato che Baselli non l’ha proprio portato Marino a Bergamo. Peccato, segio, ti devi ancora accontentare di Scaloni, Matheu e Parra.

      1. Scritto da sergio vero

        ah è vero l hai riscattato tu quest anno dal cittadella..di quei tre che parli caro mio non ce n è più uno in rosa…ma alla gente come te piace ricordare loro non denis cigarini stendardo livaya bonaventura. . su continua a rosicare

        1. Scritto da geco

          In realtà sei tu che rosichi con il Passirani. E fai bene, perchè di calcio ne capisce più di te. Per quanto riguarda Scaloni e Matheu, spiace dirti che sono ancora a libro paga dell’Atalanta, oltre a un mai dimenticato Troisi, la perla tra le perle di Marino. Per quanto riguarda Baselli, mi sa che il riscatto non l’ha proprio fatto il direttore irpino, e comunque non l’ha certo portato lui per la prima volta a Bergamo. Bonaventura poi è arrivato a Bergamo con la vecchia dirigenza. Studia.

          1. Scritto da sergio vero

            guarda a me tra le perle di marino viene in mente un certo denis, o un certo livaya più soldi per schelotto, a te vengono in mente i prestiti…poveretto. baselli l abbiamo preso alle buste per 800 mila quest estate,studia tu. per quanto riguarda passirani ,il confronto non è che devi farlo con me asilo,ma con marino…beh confronta i curriculum. io a farlo mi sono fatto belle risate.

          2. Scritto da geco

            A Matheu e Scaloni, anche se prestiti, lo stipendio va pagato anche quest’anno. Bello vero? Baselli è stato riscattato alle buste proprio perchè eravamo già proprietari dell’altra sua metà, e non era stato certo Marino a prenderla. Denis è stato un ottimo colpo di Marino, ma non basta certo quello a compensare i 5 milioni e mezzo per Moralez o i 2 e mezzo per Troisi. Per quanto riguarda Passirani, sembri ossessionato da un libero pensatore che non frequenta il catechismo.

          3. Scritto da sergio vero

            che pesante. ma glieli paghi tu gli stipendi??guarda che se non lo sai tutte le squadre hanno gente in rosa che alla fine della fiera non gioca mai anche la juve, l inter e il milan ..detto questo scaloni ha fatto tranquillamente la sua parte, matheu pagato tre mesi di stipendio(poi siena), moralez stai calmo, il primo anno ha fatto benissimo, occhio a darlo per finito vedremo. per concludere nel calcio contano i fatti. partiti da meno sei-salvi, partiti da meno due- salvi. mi spiace tanto.

    2. Scritto da riccardo

      anche la notazione sull’Udinese che viene gratis per i buoni uffici di Marino è una polemica di rara raffinatezza stilistica…

      1. Scritto da ALBERTO

        Riccardo mi sa che non capisci e non è la prima volta. Io leggo un elogio ai buoni uffici di Marino. Altra cosa è rilevare , e Passirani lo fa,, che ancora l’Udinese per il Bortolotti ha stancato.

        1. Scritto da riccardo

          ah,ah …, come dire, ognuno comprende quel che può o vuole comprendere.
          Guarda, gli articoli di Passirani li leggo sempre e a memoria non mi è mai capitato di leggere un solo apprezzamento sull’operato di Marino, ma tutto può essere, anche che capisca male, ma anche il contrario, mister.
          Prendo atto del fatto che la lettura degli articoli minestrone del Passirani è un esercizio di comprensione letteraria. Neanche si trattasse di Karl Popper…

    3. Scritto da d

      mi sembra che la polemica con Passirani sia una sua predilezione…

  8. Scritto da Doge

    X me Brumana e’ il ne migliore, ma anche Bortolotti andrebbe bene ! Certamente non il nome attuale , che non ha alcun contatto con Bergamo …..