BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Papa Francesco: “Chi sono io per giudicare un gay?”

Sul volo di ritorno in Italia dopo la Giornata mondiale della gioventù a Rio de Janeiro, papa Francesco rispondendo a una domanda sulla lobby gay in Vaticano ha detto: " si deve distinguere il fatto che una persona è gay dal fatto di fare una lobby. Se è lobby, non tutte sono buone. Se una persona è gay e cerca il Signore e ha buona volontà, chi sono io per giudicarla?"

Sul volo di ritorno in Italia dopo la Giornata mondiale della gioventù a Rio de Janeiro, lunedì 29 luglio, papa Francesco rispondendo a una domanda sulla lobby gay in Vaticano ha detto: "Si scrive tanto della lobby gay. Io ancora non ho trovato nessuno che mi dia la carta d’identità, in Vaticano. Dicono che ce ne siano. Ma si deve distinguere il fatto che una persona è gay dal fatto di fare una lobby. Se è lobby, non tutte sono buone. Se una persona è gay e cerca il Signore e ha buona volontà, chi sono io per giudicarla? Il catechismo della Chiesa cattolica dice che queste persone non devono essere discriminate ma accolte. Il problema non è avere queste tendenze, sono fratelli, il problema è fare lobby: di questa tendenza o d’affari, lobby dei politici, lobby dei massoni, tante lobby…questo è il problema più grave".

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da miky

    si, ma i ricchioni restano pur sempre dei ricchioni..

  2. Scritto da lotty

    niente di nuovo, solo parole, il catechismo non cambia, purtroppo.

  3. Scritto da Alberto

    Come al solito i giornali estrapolano testi e dichiarazioni secondo convenienza e creano ad arte una versione tutt’altro che veritiera. La frase completa è: “Se una persona è gay e cerca il Signore e ha buona volontà, chi sono io per giudicarla?” come scritto nell’articolo, che ha tutt’altro tenore rispetto a quanto evidenziato dal solo titolo a sensazione. Pennivendoli.

  4. Scritto da gio

    chi sono io per giudicare quello che dice papa francesco? essendo io un democratico, papa francesco non deve assolutamente giudicare quello che io, da ateo o da religioso, faccio…ho la mia morale e non ho bisogno di tutori e se sbaglio a livello civico, la giustizia penale mi giudicherà e ovviamente mi condannerà, ma a livello di giustizia terrena..

  5. Scritto da Non cambiate le carte in tavola

    Dal Catechismo (2357-9): l’omosessualità è “inclinazione, oggettivamente disordinata”; gli omosessuali “devono essere accolti con rispetto, compassione, delicatezza”, ma sono “chiamati alla castità” in quanto tali atti “sono intrinsecamente disordinati”, “precludono all’atto sessuale il dono della vita” e “non sono il frutto di una vera complementarità affettiva e sessuale. In nessun caso possono essere approvati”. Il Papa non ha detto nulla di diverso, per fortuna.

    1. Scritto da gio

      grazie; sei stato illuminante e solo ora ho capito perchè milioni di maschi hanno scelto la strada della castità religiosa con i voti al sacerdozio..

  6. Scritto da gigi

    che fine hanno fatto gli adulatori del Pastore Tedesco Ratzinger, quello che nei fondi de l’ Eco di Bergamo veniva definito il miglior Papa possibile in questo contesto storico ?

  7. Scritto da Arabella

    Bravo Papa Francesco, Tu interpreti il Cristo noi siamo fiduciosi in te , spero che con tutta questa ventata di pulizia sia solo Il Padre a chiamarti nella Sua casa e non qualche mercenario assoldato dalle lobby che tu combatti . io sono con te

  8. Scritto da il riflessivo

    dove ha letto la parola bigotti? mi sembra che sia lei a non accettare chi la pensa diversamente, ci rifletta

  9. Scritto da Luca Lazzaretti

    E’chiaro che una frase come questa è destinata a lasciare il segno nella chiesa e nei credenti…finalmene un papa che dice chiaro che lui non è Dio, che non usa la Croce per darla in testa a questi e a quelli…certo, i fondamentalisti cristiani ne resteranno delusi, ma è un buon segno per la chiesa.

    1. Scritto da Narno Pinotti

      A me sembra una dichiarazione del tutto in armonia con i suoi predecessori, con il catechismo e con la dottrina morale della Chiesa cattolica.

      1. Scritto da Luca Lazzaretti

        E son d’accordo! Ma domandiamoci come mai ha suscitato questo dibattito! E come mai il Santo Woytila e Ratzinger si son ben guardati dal fare un affermazione simile pure nella sua disarmante banalità?

      2. Scritto da Luca Lazzaretti

        E son d’accordo! Ma domandiamoci come mai ha suscitato questo dibattito! E come mai il Santo Woytila e Ratzinger si son ben guardati dal fare un affermazione simile pure nella sua disarmante banalità?

  10. Scritto da il polemico

    e chi sono i gay per giudicare bigotti chi non la pensa come loro?

    1. Scritto da il riflessivo

      non mi pare sia stata pronunciata la parola bigotto, si tratta invece

      di accettazione di chi la pensa diversamente, ma da parte sua. Mi sembra che lei dimostri incoerenza intervenendo in questo modo stizzito

      1. Scritto da il polemico

        dicasi bigotto la persona che rimane attaccata alle tradizioni e ne rifiuta l’ammodernamento.è da una vita che i gay pretendono che le persone si devono aggiornare con l’evolversi dei tempi,quindi non capisco il suo attacco…io sono fedele alla natura e sono orgoglioso di essere etero,quindi non accetto che un gay mi dica di stare al passo con i tempi e di accettarlo