BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Italia campione del mondo Sul podio austriaco pure il bergamasco Ghidini

Il loverese della SC Sebino ha trionfato nella finale mondiale che si è disputata sabato a Linz, in Austria. L'equipaggio azzurro ha chiuso davanti ai rivali francesi e tedeschi che si sono dovuti accontentare di secondo e terzo posto.

Più informazioni su

Con la giornata di sabato la Canottieri Sebino ha scritto una nuova pagina della sua gloriosa storia: nelle finali concluse sul torrido campo di regata del Campionato Mondiale U23 di Linz, in Austria, l’equipaggio 4 di coppia Pesi Leggeri formato da Paolo Ghidini-SC Sebino Lovere, Michele Quaranta, Francesco Pegoraro-Sisport FIAT, Matteo Mulas-Lavoratori Terni, ha conquistato l’oro, portando alla nazionale un magnifico risultato che viene condiviso con orgoglio dalle società di provenienza dei quattro atleti, fusi in un fluido e vigoroso equipaggio sui campi di allenamento di Sabaudia grazie alla direzione del tecnico federale responsabile del settore maschile Spartaco Barbo.

L’equipaggio ha dimostrato una maturità straordinaria e la capacità di gestire il campo di gara con lucida determinazione, riuscendo in poche battute a cambiare le coordinate agli avversari e a trasformare radicalmente gli esiti delle eliminatorie di giovedì scorso.

A dare una precisa idea dell’intensità della finale, ecco la cronaca riportata dalla Federazione Italiana Canottaggio:

"E’ nel gruppo il quattro di coppia azzurro e alla prima rilevazione del tempo transita terza dietro a Francia, prima, e Germania, seconda. Ma la barca azzurra non ha difficoltà e, non paga del terzo posto, porta il ritmo a 37 colpi e appaia la Germania ai 700 metri, anche se mantiene la terza posizione. Ai 1300 metri la barca azzurra è già seconda mentre viene risucchiato anche il distacco dalla Francia che entra in difficoltà e ai 1500 metri l’Italia passa in vantaggio con autorevolezza al punto che sul finale transita in solitaria davanti a tutte con un distacco abissale sugli avversari. Italia campione del mondo con 5.55.14. 2^ Francia con 5.58.06. 3^ Germania con 5.59.23. Seguono Argentina, Danimarca e Stati Uniti".

Grazie a questa vittoria l’Italia conserva il titolo di specialità, del quale si era fregiata già lo scorso anno, e raggiunge un palma res di 3 ori (4+ maschile e 2- maschile, oltre a questo 4x PL) che procura grande soddisfazione già con questa prima giornata di finali. Dal canto suo la Canottieri Sebino, con Paolo Ghidini sul podio mondiale, vive una nuova puntata di un racconto di successi internazionali che parte dal primo dopoguerra, passando dal bronzo singolo di Francesca Bentivoglio ai mondiali del 1987, per arrivare sino al più recente bronzo di Matteo Macario in 8+ ai mondiali del 2010.

Una nuova puntata che, grazie al più alto gradino del podio toccato in campo mondiale, rimarrà sicuramente nella memoria del sodalizio come la puntata più avvincente. L’esultanza di Paolo si trasferisce in pochi secondi alla sede sociale e al paese di Lovere dove Paolo è nato e cresciuto, dividendo il proprio impegno tra studio e canottaggio, con una costante presenza in Sebino dove l’atleta, sotto la guida del direttore Tecnico Carlo Babaglioni, ha percorso una lunga e proficua strada di crescita sportiva, sino a divenire uno degli atleti di spicco della ben fornita scuderia biancazzurra. Al rientro festaggiamenti assicurati prima delle meritate vacanze

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Brembilla Gianni Antonio

    Trovo ogni giorno un sacco di commenti, anche fuori luogo, in merito alle più disparate notizie; mi rammarica il nulla di oggi relativo alla bellissima impresa di ragazzi che vanno a letto presto, si alzano presto e con caparbietà inseguono sogni meravigliosi. A volte li raggiungono; vanno onorati e portati ad esempio a tanti ” persi”. Bravi,conosco la fatica dello sport e voglio che sappiano che, in tanti, li ammiriamo.