• Abbonati
Aeroporto

Voli notturni a Orio Legambiente: “La salute prima degli interessi”

Dopo la presa di posizione congiunta delle tre sigle sindacali Cgil, Cisl e Uil sulla necessità di non sospendere i voli notturni, interviene Legambiente: "La salute viene prima degli interessi corporativi"

Dopo la presa di posizione congiunta delle tre sigle sindacali Cgil, Cisl e Uil sulla necessità di non sospendere i voli notturni, interviene Legambiente: "La salute viene prima degli interessi corporativi". Pubblichiamo il testo del segretario di Legambiente, Dario Balotta.

 

"Sorprende che le tre principali sigle sindacali ritrovino l’unità perduta proprio a sostegno dell’attività notturna del Caravaggio. Poco importa, a quanto pare, se trattasi di attività fuori dalle regole, illegittima, e lesiva dei diritti fondamentali per migliaia di cittadini.

Cgil, Cisl e Uil antepongono gli interessi corporativi degli addetti al cargo e poi quelli della salute dei cittadini. La nuova confederalità sindacale mette in discussione il primo segno di vitalità dimostrato dalla politica bergamasca, davanti al drammatico e complesso problema della compatibilità ambientale dello scalo di Orio al Serio.

Dopo la sentenza con cui il Tar di Brescia ha annullato la zonizzazione acustica, da qualunque posizione la si guardi, la situazione rimane complessa e richiede equilibrio, lucidità, responsabilità, conoscenza della realtà, e non superficialità di giudizio, retorica e allarmismo. Sorprende invece, e delude, riscontrare un uso di toni così catastrofici e neocorporativi.

Se le organizzazioni sindacali segnalano preoccupazione e manifestano contrarietà, Legambiente ed il Coordinamento dei comitati aeroportuali condividono e sostengono la presa di posizione unanime del Consiglio Comunale di Bergamo, che ha finalmente colto il nodo centrale della questione: solo il rispetto del divieto di volare dalle 23 alle 7 (ad est come ad ovest) può aprire spiragli credibili di mitigazione dei disagi causati dallo scalo, senza per questo minarne le potenzialità.

Quando un anno fa il tribunale dell’Assia decise di vietare i voli notturni nell’aeroporto di Francoforte, Lufthansa cargo ed i sindacati gestirono il trasferimento delle attività e degli addetti nello scalo di Colonia, a 195 Km di distanza. Perché non sarebbe possibile fare la stessa in uno dei più vicini scali seguendo le indicazioni del Piano Aeroportuale Nazionale? Se non si considera degno di tutela primaria il diritto alla salute di tutti i cittadini si rischia di essere schiacciati sulle politiche degli azionisti di Sacbo che non hanno saputo gestire lo sviluppo caotico dello scalo, che rendono Orio al Serio l’aeroporto più stressato della Lombardia.

Legambiente Bergamo Coordinamento dei Comitati Aeroportuali

Vuoi leggere BergamoNews senza pubblicità?   Abbonati!
leggi anche
Generico
Legambiente
“Francoforte vieta i voli notturni, e Orio?”
Generico
L'allarme
Cgil, Cisl e Uil: “Orio, lo stop ai voli notturni mette a rischio lo scalo”
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI