BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Un’auto per l’indipendenza Ma oggi per comprarla si ricorre a mamma e papà

All'auto sono legati tanti ricordi degli italiani ma, se prima era sinonimo di indipendenza, adesso, secondo Direct Line, per comprarla serve sempre più spesso un aiuto economico dai genitori.

L’auto, nuova o usata, è la migliore amica degli italiani. La prima, poi, quella in cui si è stati al volante subito dopo aver preso la patente, non si scorda mai. Se però, fino a qualche anno fa, comprarla era sinonimo di indipendenza, adesso non è più cosi. Secondo l’ultima indagine del Centro Studi e Documentazione della compagnia di assicurazione auto Direct Line, infatti, per acquistare l’auto oggi si ricorre sempre più spesso all’aiuto economico dei genitori.

Dai dati raccolti da Direct Line emerge infatti che le mamme e i papà di oggi hanno spesso contribuito all’acquisto dell’auto per i propri figli, mentre ai loro tempi era possibile fare da sé. Il 28% degli intervistati diventava automobilista grazie al mercato dell’usato, il 29% poteva acquistare un “bolide” nuovo, e solo il 26% ereditava l’auto più vecchia di famiglia.

L’attaccamento alla prima auto è dimostrato anche dalla ampia percentuale che ritiene che quel veicolo fosse perfetto (46%); con una parte del campione (16%) che addirittura non avrebbe voluto condividerla con nessun altro familiare. Solo l’11% avrebbe voluto che la propria quattroruote fosse un po’ più spaziosa.

Il Centro Studi e Documentazione Direct Line, la nota compagnia diretta di assicurazioni auto, ha redatto uno studio nel tentativo di fotografare il rapporto tra gli italiani e la loro prima automobile. Tra i soggetti intervistati il 42% ha dichiarato di essere stato talmente affezionato alla propria prima macchina da ritenerla perfetta, il 25% ha confessato che avrebbe volentieri sfruttato un’auto più nuova, il 16% avrebbe voluto una vettura tutta per sé (senza doverla dividere con nessuno), mentre l’11% avrebbe desiderato un veicolo più spazioso.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.