BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Stl risponde all’opposizione: “Abbiamo sempre operato con trasparenza”

Il consiglio di amministrazione della Stl, Sviluppo Turistico Lizzola Spa, (società di cui il Comune di Valbondione detiene il 41,08%) interviene e risponde alla richiesta dell'opposizione di Valbondione di fare chiarezza dopo la sospensione del sindaco Benvenuto Morandi dalla direzione di Intesa Sanpaolo Private Banking di Fiorano al Serio

Più informazioni su

Il consiglio di amministrazione della Stl, Sviluppo Turistico Lizzola Spa, (società di cui il Comune di Valbondione detiene il 41,08%) interviene e risponde alla richiesta dell’opposizione di Valbondione di fare chiarezza dopo la sospensione del sindaco Benvenuto Morandi dalla direzione di Intesa Sanpaolo Private Banking di Fiorano al Serio.

Pubblichiamo l’intervento integrale del Consiglio di amministrazione della Stl e del presidente Walter Semperboni. Proprio Semperboni nei giorni scorsi aveva dichiarato a Bergamonews il proprio "appoggio al sindaco Morandi e di aver piena fiducia nel suo operato professionale. E’ un uomo che stimo e di cui ho piena fiducia. La Stl è una società sana che continua ad operare e a pagare i propri dipendenti, rispettando tutte le scadenze e gli impegni presi". 

LA NOTA DELLA SOCIETA’ STL

Visti gli articoli pubblicati di recente sul Vostro giornale, che parlano anche della nostra società, ci risulta doveroso comunicare anche la nostra posizione in merito, non lasciando troppo adito alle idee, che se urlate con forza, appaiono quasi vere. Partiremmo dal fatto che la nostra società, a maggio 2012, ha dato disponibilità al consiglio comunale di inserire nel nostro C.d.A. anche un membro della minoranza. Questo gli avrebbe permesso di avere non solo visibilità sulla società, cosa già garantita dalla partecipazione azionaria, ma anche potere decisionale. Tale possibilità è stata declinata dai componenti di minoranza dopo ben due mesi di tempo. Ora la minoranza vuole chiedere controlli al Co.re.co., e premettiamo che non abbiamo opposizioni in merito, ci chiediamo solo se la minoranza sia rimasta ferma al 2001, tempo in cui l’organo in oggetto ha smesso di funzionare.

"ABBIAMO OPERATO IN TRASPARENZA"

In secondo luogo, il nostro amministratore delegato ha presentato a Novembre 2011 una corposa relazione, allegata alla delibera di Consiglio Comunale, nella quale è stata riassunta l’attività svolta dalla società dal 2001 al 2011, commentando per ogni esercizio sociale gli investimenti fatti, i finanziamenti ricevuti e tutti i passaggi societari, quindi compresi cessione di rifugi, creazione di società e aumenti di capitale. Ci sentiamo perciò sicuri nel dire che la trasparenza della nostra amministrazione è sempre stata totale. Ci chiediamo dove fosse questa minoranza allora. In merito alle “scatole cinesi” ci preme sottolineare che tutti i passaggi societari o immobiliari han sempre avuto l’avvallo e quindi la firma di un notaio, sotto la luce del sole. A noi le “scatole” sembrano tutte aperte e ben distinte, certo è che bisogna aver voglia di guardarci dentro. Vorremmo aggiungere inoltre che, della citata vendita della partecipazione comunale, la minoranza dovrebbe ben sapere che il valore a base d’asta non è ancora stato deciso (e quindi non ci sono le tanto conclamate perdite per il comune) bensì una commissione, della quale fanno parte, ne sta definendo il valore su mandato di tutto il consiglio comunale, maggioranza e minoranza. Certo è che se la minoranza partecipa a queste assemblee sperando di definire un valore mediante i numeri di cellulare attivi, i compensi degli amministratori e l’organigramma (documenti richiesti alla società), ci chiediamo come un valore realistico possa essere determinato.

I TERRENI CEDUTI E LA RICAPITALIZZAZIONE

Per ciò che concerne appunto i terreni oggetto della ricapitalizzazione, ci teniamo a sottolineare che non sono stati venduti bensì conferiti alla società di cui il comune è comproprietario. Differenza forse sottile per i neofiti dell’economia, ma sostanziale nella realtà. Ben diverso fu anni addietro, prima della nostra amministrazione societaria, quando dei terreni comunali (con annessa capacità edificatoria) vennero realmente venduti ad una società immobiliare, al fine di avere liquidità nel comune e rilevarne quindi le quote. Ci teniamo a sottolinearne la differenza. I terreni di cui parliamo ora sono quelli su cui gli impianti di risalita sono stati costruiti, di nuovo da una amministrazione aziendale di cui non facevamo parte, senza la cura di verificare la proprietà dei fondi. Un pasticcio che il conferimento dei terreni ha semmai sanato.

IL PRESUNTO CONFLITTO DI INTERESSI 

Per ultima la situazione di conflitto d’interesse tanto sventolata tra la proprietà di Mountain Security, nostro azionista di maggioranza, e l’assessore Semperboni Sabrina. Siamo certi che se confermata, la situazione verrà immediatamente riportata allo stato nativo, perché la correttezza della nostra azienda non è mai venuta meno. Nei consigli comunali che vedevano la discussione di punti concernenti la nostra società, il nostro amministratore delegato nonché consigliere comunale Claudio Conti, si è sempre astenuto dal prendere decisioni e in più di un’occasione ha abbandonato l’aula. Lo stesso non è avvenuto invece per il consigliere di minoranza Chiodelli Dario, che ci risulta essere collaboratore della SIRPA per l’ambito marketing. Non dimentichiamo che SIRPA gestisce gli impianti di risalita di Colere ed è concorrente commerciale di STL. Questa a nostro avviso è un’incompatibilità forte, parlando di un’azienda che stimola l’economia non solo di Valbondione, ma della vallata intera, il signor Chiodelli penserà al bene della Val Seriana o della Val di Scalve?

Il Cda e il presidente di Stl Spa

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da LizzolaMia

    Quando non c’erano questi enti, decenni fa, Lizzola prosperava, coi suoi dignitosi cittadini che, fin dove lo permetteva il turismo, ci campavano, altrimenti scendevano a valle a fare altro. Possibile che adesso, siamo pieni di esperti, di tecnici, di politici, di commissioni di sapienti che ci dicono come fare le cose, si vada peggio? Non è che per caso paghiamo degli incompetenti? E se sono degli incompetenti, cosa ci fanno in un posto dove si maneggiano i soldi della gente?

  2. Scritto da Strano

    “Il signor Chiodelli penserà al bene della Val Seriana o della Val di Scalve?” Effettivamente, non ho mai capito la forzatura operata da questi enti pubblici: farci credere che gli interessi di due valli distinte e separate possano coincidere sotto un unico nome… Ghè èrgot chè’l và mia… Di sicuro, sappiamo che nella politica e nelle strutture pubbliche si fanno le mega alleanze e persino emulsioni centrifugate, pur di mungere la vacca pubblica…

  3. Scritto da Oltre la verità

    Comunque qua nn sono state chiarite molte cose….A partire da dove sono arrivati i soldi investiti negli impianti negli ultimi anni?

  4. Scritto da Coreco

    Ma in che mani siamo! La minoranza non sa che il coreco non esiste più?!? Per fortuna che fa la minoranza ma, mi chiedo, che presuntuosi sono se così incompetenti hanno pensato di poter essere maggioranza e quindi di governare? Meno male che non li hanno votati!

    1. Scritto da Aladino

      E’ più frequente trovare ladri, o ignoranti, nella “cosa pubblica”?

    2. Scritto da Geo

      Andiamo alla sostanza, lo stato avrà pure chi controlla i conti e l’operato della pubblica amministrazione, no ? Si faccia , dopo di che se tutto va bene siamo tutti tranquilli, no ?

  5. Scritto da il cicalotto

    eh si……che qualcuno si sia voluto vendicare?

  6. Scritto da marco

    Ma semperboni è quello che accusò l’allora onorevole Piffari con tanto di segnalazione a Striscia? ……….

    1. Scritto da walter Semperboni

      Certo che sono io il Semperboni che fece una segnalazione a Striscia,mi pare andata a buon fine,vorrei sapere cosa intende dire e allora le rispondo che Walter Semperboni è da pochi mesi che come Presidente Stl percepisce 500euro,non ha nulla da nascondere e non è indagato di nulla;detto questo ho piena fiducia in Benvenuto Morandi che ritengo essere una persona onesta ed un Amico!!!

      1. Scritto da il cicalotto

        Ecco. Bravo. Continua pure a percepire i tuoi 500 euri al mese (per fare cosa poi?). Ma attenzione che i boomerang che tiri tornano indietro. Ora colpiscono i tuoi amici. Fra poco colpiranno te…

        1. Scritto da walter Semperboni

          Forse li percepisco per l’onestà e per il bene che voglio al paese o forse perchè l’essere Presidente comporta avere responsabilità???Ripeto ne dovrei percepire ben di più quindi nulla ho da rimproverarmi o per cui vergognarmi;per altro ripeto ben vengano tutti i controlli anche sulla mia persona,non ho assolutissimamente nulla da nascondere,sicuramente tu che non ti firmi qualche cosa avrai,salutoniiiii;-)))

          1. Scritto da Marino

            Signor Semperboni, lei sarà la persona più onesta e specchiata del mondo, ma non può sostenere che le responsabilità comportate dal suo ruolo, qualora lei lo svolgesse male, le verrebbero imputate e le verrebbero “fatte pagare”. Semplicemente, cambierebbe poltrona pubblica e via tranquillo. Le viene pagato il disturbo di metterci la faccia, non ha obblighi di produttività o di qualità…

          2. Scritto da walter semperboni

            Signor Marino,non sono alla ricerca di sedie ne in società private ne tanto meno in quelle pubbliche,ho accettato molto volentieri la presidenza di Stl perchè credo nel progetto dell’amico e Sindaco Benvenuto;è vero non ho obblighi di produttività,ma usare coscientemente soldi non miei può essere anche più difficile e mi creda che con tutto il cda lo stiamo facendo!!!La ringrazio per il suo commento educato

          3. Scritto da walter semperboni

            Signor Marino se lei mi conoscesse forse capirebbe che quando mi impegno in una cosa la svolgo bene e se non la sapessi svolgere toglierei senza pensarci due volte,il disturbo,ma non per un altra poltrona ma me ne starei tranquillamente a casa;.La ringrazio per il suo commento educato,poi le opinioni possono anche non essere concordi,buona serata

        2. Scritto da walter Semperboni

          Forse li percepisco per l’onestà e per il bene che voglio al paese o forse perchè l’essere Presidente comporta avere responsabilità???Ripeto ne dovrei percepire ben di più quindi nulla ho da rimproverarmi o per cui vergognarmi;per altro ripeto ben vengano tutti i controlli anche sulla mia persona,non ho assolutissimamente nulla da nascondere,sicuramente tu che non ti firmi qualche cosa avrai,salutoniiiii;-)))