BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Caso Alfano, a Bergamo la protesta di OccupyPd “Mobbasta, misura colma”

L’ultima azione di OccupyPd è stata lanciata sabato, con l’affissione dell’appello “Italia bene comune” sottoscritto dai partecipanti alle primarie. “La prossima volta firmatevela voi. Mobbasta”. E’ stato appeso anche sulla porta della segreteria provincia di Bergamo.

Più informazioni su

I 101 traditori, il governissimo a braccetto con il Popolo della Libertà, il voto sugli aerei F35, la mozione Giacchetti, la sospensione dei lavori alla Camera e, ultimo, il caso Alfano. In casa Partito democratico s’è fatta indigestione di rospi nelle ultime settimane. Ne sono consapevoli i militanti che faticano a giustificare ogni giorno le mosse decise dai vertici e dall’assemblea dei parlamentari. La priorità è salvare il governo per salvare il paese, ma l’obbiettivo costa molta fatica. Molti sopportano, altri proprio non ce la fanno: tra questi anche i ragazzi di OccupyPd, una rete di “dissidenti” che fin dal voto per l’elezione del presidente della Repubblica ha lanciato iniziative in tutta Italia per protestare contro le scelte della dirigenza democratica.

L’ultima azione è stata lanciata sabato, con l’affissione dell’appello “Italia bene comune” sottoscritto dai partecipanti alle primarie. “La prossima volta firmatevela voi. Mobbasta”. E’ stato appeso anche sulla porta della segreteria provincia di Bergamo, in via San Lazzaro. “I 101 traditori – scrivono gli OccupyPd – il governissimo, la mozione Giachetti, gli F35, la sospensione dei lavori della Camera, il caso Alfano… ‪#‎mobbasta‬. Fino a che punto dobbiamo rinnegare noi stessi? Oggi molti di noi in segno di protesta appenderanno sulla porta dei propri circoli in tutta Italia questo foglio, che tutti ricordiamo con amarezza e che rileggere oggi fa solo rabbia. Noi abbiamo firmato, ma la nostra dirigenza? Fatelo anche voi, nei vostri circoli di tutta Italia, che siate iscritti delusi o elettori inferociti”. Ci sono anche le istruzioni: “Stampate il foglio, strappatelo, appendetelo alla porta di un circolo, fotografatelo, postate la foto su questa pagina Facebook e su twitter usando l’hashtag #mobbasta e scrivendo di che circolo si tratta”.

“Abbiamo deciso di aderire perché è un’iniziativa che non ha un’organizzazione particolare, è stata spontanea – spiega Giovanni Gambaro di Bergamo per Civati – è un altro segnale lanciato per diffondere la volontà di cambiamento all’interno del Pd”. Venerdì sera si è tenuto al Circolino basso il primo incontro dei sostenitori di Pippo Civati, candidato alla segreteria nazionale del Pd. Una cinquantina di persone, presenti anche il parlamentare Giuseppe Guerini e il consigliere regionale Jacopo Scandella. “E’ stato un confronto molto interessante – continua Gambaro -, hanno partecipato anche molti giovani, alcuni non iscritti al Pd. C’è entusiasmo e voglia di cambiare radicalmente. Molti esponenti del partito accusano Civati di esporsi in modo così esplicito solo per ottenere visibilità, ma Pippo porta avanti le sue idee da tre o quattro anno. Dietro di lui non c’è nessuno di spicco, è un’operazione trasparente con un progetto chiaro, fatto di idee e non sulla base di appartenenze o gruppi”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da nino cortesi

    Il Pd ormai è un corpo unico con Pdl e quindi siamo alla vecchia Democrazia Cristiana. Gli iscritti Pd invece sono dei polli spennati che pensano di avere una loro dignità, una coerenza, pensano di essere il contrario dei voltagabbana e per questo fanno piangere o meglio fanno venire il latte alle ginocchia. Quanto vorrei aiutarli, ma non la capiscono che devono balzare armi e bagagli nel M5*.

    1. Scritto da Zorro

      Stai parlando dei seguaci del capo assoluto che corre sulle spiagge mascherato in nero ? Di quelli che in campagna elettorale ne sparano peggio che bertoldo ? Quelli degli scontrini ? Quelli dello streaming “che ce l’hanno solo loro” , che non si alleano con nessuno su nessun obiettivo per cui votare loro è come gettare il voto e ….. poi tirare lo sciacquone ? Quelli che gli stanno sulle scatole , l’europa, i sindacati , equitalia ecc ecc Quelli ?

  2. Scritto da Luciano Avogadri

    Penso non interesserà, ma io preferisco senza nessun dubbio un Governo con il PdL che uno con Grillo e i suoi. Sono contrario ad un pacifismo sulle spalle degi altri. Penso che la sospensione concessa ad PdL fosse un atto dovuto di cortesia istituzionale, e penso che invece di prendersela con Alfano sarebbe più utile capire la catena di comando all’interrno della Magistratura e la Dirigenza pubblica che ha portato al caso Shalabayeva.

    1. Scritto da Jim

      Vada per la sospensione , ma in tutti i paesi civili, in tutte le democrazie occidentali, episodi come quelli di Alfano e Calderoli determinano le dimissioni immediate. Su questo non esiste alcuna ombra di dubbio o incertezza.

      1. Scritto da La verità fa male

        In Brasile non si è dimesso nessuno nonostante le rivolte (con morti) in piena Confederation Cup, e le immagini in mondovisione. In Spagna prima di andarsene Zapatero ha aspettato che la nazione arrivasse a un passo dal baratro. Strauss Kahn se non lo arrestavano diventava presidente francese nonostante decenni di follie con le donne. Mi spiace, ma non in tutte le nazioni civili ci si dimette: i politici di qualunque nazione restano inchiavardati alla poltrona fino a quando è possibile

        1. Scritto da Facce Ride

          I casi da lei citati c’entrano come i cavoli a merenda con il tema che stiamo trattando ! Ma … “la verità” , lei pensa di giustificare qualunque cosa di Pdl lega citando qualunque tipo di fatto accaduto in ogni angolo del mondo e totalmente fuori tema ? Che c’entra strauss kahn ? quando è emerso qualcosa è sparito. Zapatero ? Cosa ha commesso ? Per altro non c’è più.Il ministro degli interni brasiliano che usa la mano dura ? Ma di cosa stiamo parlando ?

      2. Scritto da Luciano Avogadri

        Nella sua mancanza di ombre e certezze ricorda l’episodio di Pertini e Ghirelli?

    2. Scritto da Finalmente

      Finalmente uno che usa il cervello e non la pancia nei suoi ragionamenti.

  3. Scritto da L76BG

    solo applausi per chi DAVVERO vuole un PD sano.. e non solo per chi fa il tifo da ultras al solito partito perché “tiene famiglia” (che sia PD, PDL o quant’altro)

  4. Scritto da Alternativa?

    Questi sono cotti. Va bene così, su questa alternativa si campa cent’anni. Peccato

  5. Scritto da Marinetta

    Il problema è che i vertici non vogliono ascoltare la base e pagheranno caro questo la mozione Civati ribalta in modo radicale questo modo vecchio di fare politica e Civati rappresenta il nuovo ed è seguito dalla gente anche se tv e giornali lo snobbano proprio per questo è visto come la grande svolta altri che i rottamatori da strapazzo

    1. Scritto da Gente

      Ma di quale gente parla la Marinetta?