BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Automobilista esasperato: la strada è di chi se la prende

Pubblichiamo la lettera di un residente a Bergamo che elenca una serie di piccoli-grandi soprusi automobilistici. E che arriva a una conclusione amara.

Più informazioni su

Pubblichiamo la lettera di un residente a Bergamo che elenca una serie di piccoli-grandi soprusi automobilistici. E che arriva a una conclusione amara. 

 

Buongiorno,

sono un cittadino di Bergamo, ogni giorno transito per via Carducci per accompagnare i miei figli a scuola e ogni mattina, fra le 8 e le 8.30 mi trovo bloccato fra la nota rotonda "delle Palme" e via san Bernardino perché gli autoarticolati che devono consegnare a una ditta occupano per 15 minuti le due corsie della sede stradale di via carducci per fare manovra.

Oltre al fatto di dover sperare che l’autista di turno sia un fenomeno della manovra, altrimenti i tempi si prolungano con ripetuti tentativi d’ingresso, la manovra occupa anche il marciapiede, con relativa devastazione delle aiuole.

Il mio sfogo non vuole essere una mera presa di posizione o una miope voglia di rompere le scatole a chi lavora ma, anche io e le centinaia di persone che tutte le mattine restano ferme in via Carducci con conseguente blocco della rotonda siamo in procinto di recarci al lavoro o già in auto per lavoro, e il diritto della ditta in questione a lavorare non deve ledere il diritto degli altri lavoratori.

In tutto ciò i due vigili o presunti tali che ogni mattina sostano per ragioni di "sicurezza" sullo scellerato attraversamento pedonale della rotonda "delle Palme", più volte interpellati dal sottoscritto sulla possibilità di tale manovra, hanno sempre sorvolato evitando a bella posta di fare i 100 metri che li separano dal mattutino problema (non loro!).

Lungi da me voler creare problemi a una azienda che lavora (per fortuna sua e dei dipendenti) ma oggi ho scoperto, parlando con una vicina, che il problema non è la larghezza dell’ingresso ma il fatto che avendo un pergolato molto bello che limita i movimenti dentro al lotto, il camion deve entrare dritto altrimenti rovina tutto.

Inaccettabile!!!

Tempo fa ho letto sul vostro giornale che i commercianti di via Spino, in prossimità della nuova rotonda suo raccordo autostradale (quella fatta dalla Coop) si sono lamentati con vigore perché tale opera ha aumentato il traffico su via Spino creando situazioni di pericolosità.

Ancora una volta mi vedo costretto a rilevare che ognuno vede solo i suoi interessi, i signori che si lamentano, impegnano costantemente la sede stradale con i propri veicoli, quelli in riparazione parcheggiati in mezzo alla strada evidentemente considerata come un naturale prolungamento della propria attività con veicoli in divieto e manovre di ingresso uscita quantomeno bizzarre, meccanici in mezzo alla strada per estemporanee riparazioni con portiere aperte sino a metà carreggiata e via dicendo.

Anche in questo caso nulla da dire, meno male che hanno lavoro ma quando provochi un incidente perché "loro" sono in mezzo alla strada e provi a dire qualcosa di prendi dei sonori "vaffa…" alla Grillo (si vede che va di moda).

In più di una occasione ho fermato macchine della polizia urbana (spesso ferme in tali attività) per lamentare il fatto ed in tutti casi, con un gradevole sorriso sono stato invitato a fare reclamo o segnalazione….

 lo stavo facendo in quel momento ma si vede che nonostante la divisa, l’auto di servizio, l’orario di servizio attivo ed il fatto che fossero già li, non era sufficiente per far schiodare i loro sederi dal sedile dell’auto.

Io non sarò l’automobilista perfetto ma quando vado al centro commerciale parcheggio nei posti con le righe e non davanti all’ingresso, certo sarebbe comodo, piacerebbe a tutti arrivare davanti ai negozi od alle proprie attività con la propria vetturetta ma, ci sono delle regole ed io cerco di rispettarle.

La sensazione di essere abbandonati a chi si piglia i diritti che non ha è sempre più forte, quando percorri una rotonda in auto rischi un incidente, quando sei in moto ti conviene prenotare il posto al pronto soccorso e se per caso sei in bicicletta ti conviene prenotare con anticipo il posto al cimitero.

Tempo fa ho subito una mancata precedenza nella rotonda "delle palme" che purtroppo percorro ogni mattina, una signora non sapeva che i triangoli bianchi con il bordo rosso significano che si deve dare la precedenza e, nonostante la mia frenata, mi ha sfiorato il paraurti rigandomelo per poi proseguire fregandosene e quando ho suonato il clacson per attirare la sua attenzione e per protesta (scusatemi), nella speranza di fermarla, il vigile presente mi ha fermato…. Ha fermato me!!!!!

Per fortuna non mi ha fatto la multa per disturbi alla quiete pubblica……

Ho letto su una rivista scientifica che la rabbia dell’automobilista sta diventano una malattia riconosciuta e che i fenomeni di esplosioni d’ira fra automobilisti si stanno moltiplicando; forse basterebbe sentirsi tutelati e vigilati da chi, con la divisa addosso, dovrebbe essere al servizio dei cittadini (tutti) e non esclusivamente dediti alla raccolta fondi per conto del Comune.

Flavio Oreda

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da pedone

    non c’è lo stato, non c’è il comune, siamo in una giungla….. provate ad andare in giro a piedi alle 8 del mattino su via garibaldi e dintorni, e vedrete tante di quelle infrazioni di tutti i generi da far rabbrividire…. quando ci si mette al volante, l’italiano medio diventa maledettamente maledutato ed arrogante, piu l’auto che guida è grossa, e piu è grande la mal’educazione.

  2. Scritto da nino cortesi

    E’ da 50 anni che vorrei segare il semaforo di Verdello. Va bè che siamo nel pais di quadrèì.

  3. Scritto da pinp

    approfitto per fare un appello alle donne al volante: quando siete in mezzo alla steada per svoltare e l` auto piu` lontana e` a cento metri andate , non fatela avvicinare svoltando quando e’ a dieci mt. Invece quando vi immetete in una strada potete andare quando arriva nessuno alle spalle, non quando davanti a voi la strada e` libera grazie saluti

    1. Scritto da Antonietta

      Vale anche per gli uomini….. Giovani e anziani compresi

      1. Scritto da Driver

        Nossignora: vale soltanto per le donne! Lo dice anche il proverbio!

  4. Scritto da Alex

    La pazienza sarebbe meglio usarla per qualcosa di più importante che per sopportare chi si crede più furbo degli altri… E anche il problema dei camion in centro va risolto, non semplicemente tollerato: la logistica cittadina delle merci dovrebbe essere effettuata con mezzi adeguati (possibilmente elettrici) e in luoghi predisposti alla loro sosta e manovra, non in mezzo alla strada. Se ora avviene così è per un’errata pianificazione e progettazione degli spazi, ricordiamocelo.

  5. Scritto da freghiamocene

    bisogna portare pazienza e basta.
    rivolgersi ai vigili (i quali dovrebbero regolare il traffico,o almeno cosi era prima che venissero dotati di revolver) è pressoché inutile ,lavorare stanca, andare in comune è pressoché inutile ,oltre che lavorare stanca hanno cose più importatnti da fare perciò ….

  6. Scritto da AsparagA

    Diciamo che in tutto questo la figura piu “da barboni” la fa la polizia locale.
    E conferma quello che da anni sto vedendo anch’io per strada.
    Ma i vigili ci stanno a fare, se quando li fermi o gli chiedi informazioni si inalberano contro di te o se ti va di lusso ti voltano le spalle e se ne vanno ?

  7. Scritto da il polemico

    l’autista se la prende con i camionisti che per lavoro rendono temporaneamente difficoltoso il traffico,i camionisti forse se la prendono con gli automobilisti che instasano le strade anche per farsi 100 metri..siamo in molti a viaggiare,quindi armiamoci di pazienza e di buon senso,perchè siamo tutti sulla stessa barca.però il signore in questione non ha elecanto situazioni dove era lui a fare torti agli altri…mai fatti?

    1. Scritto da Polemica del menga

      E allora, tanto per rubare il mestiere al polemico che polemizza per il gusto di polemizzare, perché lui, il polemico, non elenca i torti che ha fatto agli altri?