BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Niente pediatri per i figli dei clandestini Maroni: “Giusto”, di’ la tua

Niente pediatra per i figli di immigrati irregolari. Dopo la bocciatura nell’aula del Consiglio regionale, anche il governatore Roberto Maroni approva la scelta da parte della maggioranza di non far passare la mozione presentata dall’opposizione.

Niente pediatra per i figli di immigrati irregolari. Dopo la bocciatura nell’aula del Consiglio regionale, anche il governatore Roberto Maroni approva la scelta da parte della maggioranza di non far passare la mozione presentata dall’opposizione. Una scelta che ha fatto molto discutere in Lombardia e non solo. A margine di un incontro a Lodi il numero uno del Pirellone ha risposto alle tante critiche arrivate da molte associazioni di pediatri: "Rispetto le idee di tutti ma ci sono delle leggi che noi applichiamo – spiega -. C’e’ stato un pronunciamento del consiglio regionale, che e’ la sede della democrazia, non pretendo che le nostre decisioni accontentino tutti, pero’ io devo dare esecuzione alle deliberazioni del consiglio regionale che peraltro condivido".

Anche i medici cattolici italiani hanno fortemente criticato la bocciatura del documento: “Leggere che alcuni autorevoli esponenti che siedono nel parlamentino lombardo invitano noi medici a redigere ‘liste di proscrizione’ per denunciare i bambini irregolari alle autorità ci fa semplicemente orrore – si legge in una nota diffusa dal presidente della sezione milanese dell’Associazione medici cattolici italiani (Amci), Giovanni Meola -. Non è questione assolutamente tollerabile in un Paese che si intende civile: l’assistenza e la cura vengono prima di qualsiasi cosa, specie se si tratta di minori. Come medici e come cattolici non vogliamo venire meno al giuramento che ad inizio della professione abbiamo esercitato, e ci auguriamo che da parte di Regione Lombardia si riveda questa decisione così assurda e per nulla lungimirante”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da claude

    Ma di che stiamo parlando? I clandestini non dovrebbero nemmeno starci sul territorio italiano.

  2. Scritto da maria

    non vi scaldate ..qui da noi nessun immigrato clandestino e non resta senza cure,.conoscono bene tutti i loro diritti. portano pure i parenti lasciati in patria per farli curare a nostre spese riescono pure a farli passare non autosufficenti per prendere l accompagnamento e se volete fare qualche esame urgente (ma solo perche avete fretta di andare al mare) VI DANNO LORO LE DRITTE GIUSTE..non scaldatevi state calmi ,si sanno difendere bene gia dopo 2 giorni che sono in italia poverini siamo noi

  3. Scritto da Meglio clandestino che Maroni

    Razzismo, ignoranza, follia. Questa gente è talmente stupida da non riuscire nemmeno a capire che decisioni del genere, oltre a negare un diritto umano fondamentale, comportano ovviamente gravi rischi anche per tutti i “regolari” dal sangue padano, visto che si esclude dalla corretta profilassi un’intera categoria di persone. E a coloro che si lamentano per i costi degli immigrati a carico del SSN, consiglio di andarsi a leggere i dati Ocse: in Italia gli immigrati sono contributori netti.

    1. Scritto da dd

      parli di razzismo e di ignoranza con la bocca sporca di buonismo e ipocrisia… la Lega sarà in buona parte composta da gente stupida, ma tu caro Robin Hood mangiaparticole o chicchettone di sx con i soldi del babbo in tasca, ti sei mai chiesto se l’OCSE che tu citi ha mai avuto in vita sua interesse ad ammettere che l’immigrazione clandestina sta diventando un “piaga” per un paese come il nostro che non ha più un soldo a causa della crisi e della politica dei buffoni?

  4. Scritto da beo

    cari medici cattolici e non ho visto tantissimi casi di medici cordialissimi con gli etracomunitari e zingari e scocciati con italiani….siate più umani con tutti !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! altro che cattolici

  5. Scritto da Gioanpadan

    Giusto, non ci sono ideologie.Un clandestino per definizione non paga le tasse, quindi se stiamo togliendo i servizi ai cittadini italiani che da generazioni pagano per il proprio stato, come sarà mai possibile accettare che si offrano gratuitamente servizi a chi è in uno status per cui non è in condizioni di pagare le tasse. Un conto i regolari, benvenuti, ma un ente dello stato come la Regione non può dire che gli irregolari che violano le leggi hanno gli stessi diritti senza contribuire.

  6. Scritto da emma

    E’ più che giusto…..finiamola di far finta di essere dei samaritani. Per avere il servizio sanitario chi è cittadino italiano paga le tasse. Chi non le paga non ne usufruisce e basta!

    1. Scritto da Rob

      Ah sì? Chi è cittadino italiano e non paga le tasse quindi non accede al servizio sanitario? Che notizia bomba! Da prima pagina! Bgnews come mai non siamo stati informati?

  7. Scritto da Sergio

    a pagare sono sempre i più deboli, poveri, vecchi, bambini, mentre ad ingrassare sono sempre i più cicciotti, vedi il compenso e il rimborso dei Consiglieri Lombardi, che ridimensionati a loro farebbero curare milioni di bimbi con un po di meno spreco dei cicciotti….iniziate da questi, da noi e poi ne parleremo anche dei bimbi in difficoltà di salute..

  8. Scritto da Kurt Erdam

    Perché da Maroni che prendeva le impronte ai bambini Rom (cittadini italiani) cosa vi aspettavate?Io per lui non ho votato e non voterò mai per la lega(e i suoi compagni di merende/vacanza/crociere).Prima o poi ci arriverete anche voi,i soldi continuano a metterseli in tasca e con la riduzione delle attività produttive tranquilli che arriverà anche il momento dei padani,già quando vai a prenotare un esame(magari richiesto dai medici)sembra che ti vogliamo scoraggiare.per mandarti al privato

  9. Scritto da lisa64

    vi giuro che e’ vera,un mio cliente bulgaro mi ha detto che la mamma residente in bulgaria era stata operata presso la Gavazzeni a Bergamo.Io ho chiesto come e’ potuto succedere
    visto le liste di attesa mi ha risposto che atterrata all’aereoporto
    ha chiamato l’ambulanza dicendo di sentirsi male

    1. Scritto da Rob

      Questo perché le cure d’urgenza sono garantite a tutti.Di conseguenza, aggirando il primo livello di cure (il meno costoso, ma stupidamente l’unico che viene negato ai clandestini),chiunque può accedere alle cure.Solo a costi molto maggiori per la comunità.Questa è l’assurdità del provvedimento. Allora, o siamo una nazione civile e offriamo l’assistenza a tutti,oppure siamo coerenti nella nostra disumanità e lasciamo morire i clandestini per strada.Le cose fatte a metà sono sempre inutili

      1. Scritto da francobir

        sono per la seconda possibilità per un motivo molto semplice:
        per curare un clandestino ci rimette un italian!!!!!!!!!!!!!!

  10. Scritto da Asterix

    Non ha niente da invidiare alla cultura, allo stile, alla sensibikità di Calderoli; in più ha l’arroganza del potere. In che mani siamo caduti!?!

  11. Scritto da me ne frego

    GIUSTISSIMO.
    se i medici sono veramente altruisti e decidono di visitare GRATUITAMENTE i bambini extracomunitari possono benissimo dare il loro nome cognome e indirizzo a chi di dovere e non far pesare il loro “buonismo” sugli altri.

    1. Scritto da Ciccio Bello

      L’assistenza sanitaria andrebbe tolta agli evasori, tu come sei messo ?

      1. Scritto da me ne frego

        io molto bene (lavoratore dipendente) lei invece che parla tanto?

    2. Scritto da Rob

      Vorrei vedere lei come si sentirebbe a negare le cure a un bambino. Un conto è parlare e scrivere come se si fosse al bar (Maroni ai bar dev’essere molto avvezzo) e un conto è metterci la faccia, e chiudere la porta davanti a una madre che chiede aiuto per il suo bambino. Se non le crea problemi questo dovrebbe fare il medico in Lombardia: non so se ne sarebbero felici i suoi pazienti. Di certo i politici farebbero salti di gioia. Saluti

      1. Scritto da me ne frego

        non ci sono problemi ,tutti i clandestini vanno rimpatriati cosi come tutti quelli che sono presenti sul suolo italiano ma non hanno un reddito e quindi non possono contribuire alle spese dello stato , sanità compresa , si potrebbe benissimo , su un suo ,e di chi come lei, contributo volontario per poterli curare a casa loro senza sbattere la porta in faccia a nessuno

  12. Scritto da aisognatori

    qui c’è gente che ancora non ha capito che questi si portan dietro mogli incinte e figli come passaporto, come visto illimitato, come ricatto compassionevole per i cuori patetici degli occidentali, verso i quali provano nel 98% dei casi, provano solo disprezzo e odio.

    1. Scritto da rrtmoranda

      ma perchè ai clandestini togliamo l’assistenza sanitaria ed invece agli evasori fiscali ed ai ladri(vedi trota)no?in fin dei conti manco loro pagano le tasse

    2. Scritto da che pena mi fai

      non ti senti un po’ verme a scrivere frasi così squallide e cattive che fanno di tutt’erba un fascio? No, probabilmente non sai cos’è il sentimento di umana pietas nei confronti di chi ha molto molto meno di te

  13. Scritto da daniela

    Non ho capito se i pediatri devono fare le liste (comunque bestiale) o anche rifiutarsi di curarli. Si tratta comunque di logiche da esseri che di umano pare non abbiano alcunchè. Ma, nella seconda ipotesi non è anticostituzionale?art.32 della Cost. “La Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell’individuo (non del cittadino italiano!) e interesse della collettività (mica scemi i nostri Padri) e garantisce cure gratuite agli indigenti….”

    1. Scritto da Angioletti

      Condivido il diritto alla salute, ma è giusto che una persona si faccia mantenere e non contribuisca alla crescita sociale ed economica dello Stato?
      La costituzione fonda la cittadinanza sul lavoro, non sul parassitismo. In questo caso andiamo ad avvantaggiare i clandestini rispetto a chi fatica ad arrivare a fine mese e fa i salti mortali per pagarsi medicine, asilo, ecc…

      1. Scritto da Diavoletti

        Più parassiti dei politici, che intascano pacchi di soldi per rovinare il Paese. Ah, secondo te sarebbero i bambini clandestini, col loro “parassitismo”, a farci del male? Poerèt a té!!!

      2. Scritto da Daniela

        La costituzione non fonda sul lavoro la “cittadinanza” bensì la Repubblica. Altrimenti mia madre,che in vita sua non ha mai lavorato (sotto padrone intendo, che ha cresciuto figli e nipoti) non sarebbe degna della cittadinanza. Sic!E in quanto a salti mortali, chieda ai lavoratori immigrati che lavorano in nero come se la passano. E i padroncini che si arricchiscono alle loro spalle? Cosa sono? Contribuenti, onesti cittadini italiani? Suvvia

  14. Scritto da Daniele

    Direi che ha senso, specialmente se detto da uno che considera un’innocente battuta dare della scimmia ad una persona di colore.

  15. Scritto da angelo f.

    Con la moglie abbiamo posto la firma sull’iniziativa di “Famiglia Cristiana” per l’abolizione del reato di clandestinità (www.famigliacristiana.it). Come numero valgono tanto quanto quelle del “famoso” giornalista a Ponteranica. I sedicenti cattolici, quelli del Crocifisso, della lega non hanno fatto un pensierino al papa e al suo viaggio a Lampedusa?

  16. Scritto da al

    proprio vero che il razzismo e’ figlio dell’ignoranza: in questo caso si ignora che per noi indigeni non curare una malattia contagiosa importata potrebbe essere estremamente pericoloso.

  17. Scritto da kazakistano

    curiamoli e cresciamoli, che poi da grandi andranno a chiedere consiglio all’imam di turno se costituirsi o no …

    1. Scritto da Luca

      Perché, tu davanti a un bambino malato, prima chiedi il passaporto, e se non lo ha ti volti dall’altra parte e non lo curi? Peggio degli imam…

      1. Scritto da maxb

        se sei un medico lo mandiamo da te. basta che specifichi dove svolgi la professione, così ci vengono loro direttamente.

        1. Scritto da Kurt Erdam

          Io non sono un medico,però faccio del volontariato (in Italia siamo in tantissimi) e quando aiutiamo qualcuno non verifichiamo mai se è uno stronzo razzista,lo aiutiamo e basta (anche se a voler guardare bisognerebbe prenderlo a pedate nel popò)

        2. Scritto da Rob

          Vorrei vedere lei come si sentirebbe a negare le cure a un bambino. Un conto è parlare e scrivere come se si fosse al bar (Maroni ai bar dev’essere molto avvezzo) e un conto è metterci la faccia, e chiudere la porta davanti a una madre che chiede aiuto per il suo bambino. Se non le crea problemi questo dovrebbe fare il medico in Lombardia: non so se ne sarebbero felici i suoi pazienti. Di certo i politici farebbero salti di gioia. Saluti

        3. Scritto da Rob

          Caro maxb, forse non sa che un medico degno della Professione che svolge non chiede il passaporto a un malato. Questo provvedimento della regione non fa altro che complicare la vita ai medici, comunque responsabili della vita dei pazienti (per di più minori) che a loro si rivolgono.

        4. Scritto da Luca

          Ripeto la domanda: “Perché, tu davanti a un bambino malato, prima chiedi il passaporto, e se non lo ha ti volti dall’altra parte e non lo curi?” Guarda che il problema non è dei medici, è di chi fa le regole… I medici giurano di non negare l’assistenza a nessuno e lo fanno.

          1. Scritto da Angioletti

            I medici giurano che hanno l’obbligo di curare chiunque a priori che la legge dica diversamente, per cui è tutto fiato sprecato.

            Se poi vogliamo tutelare gli schiavi di persone e delinquenti vari (spiegami perchè non devono chiedere di star qua legalmente) è un altro discorso

          2. Scritto da renato

            con i soldi loro, o attingendo anche alle mie tasse? …. e basta con questo pietismo demagogico …. i 4 marocchini che non si sono presentati al processo, anche loro a consulto dall’imam? (adesso in prima pagina) …. non sono nati adulti …

          3. Scritto da Oreste

            Ah, allora ammazzali da piccoli, è questo che vuoi dire? Ma sei cento? Pietismo di cosa: curare dei bambini? Redazione, chiamate il 118 in codice rosso per la psichiatria!

  18. Scritto da Alberto

    Ma non sarebbe meglio buttar fuori all’istante gli stranieri che delinquono e curare invece i bambini, anche clandestini (che poi, che ne sanno i bambini di clandestinità o regolarità)?

    1. Scritto da Damiano

      Sono d’accordo! Non capisco perché attuino questi provvedimenti insulsi sui bambini (che, come dice lei, non c’entrano nulla) e non sbattano fuori all’istante tutti gli adulti delinquenti e coscienti!

  19. Scritto da vincenzo

    cavoli, ma ci risiamo?ancora con queste porcate contro i bambini? aie prope di inpustur catolec, ma cacciamoli dal pirellone!

    1. Scritto da Alberto

      Oddio, catòlec… Veramente Gesù diceva altro… “Allora, sedutosi, chiamò i Dodici e disse loro: se uno vuole essere il primo, sia l’ultimo di tutti ed il servo di tutti. E preso un bambino lo pose in mezzo e abbracciandolo disse loro: chi accoglie uno di questi bambini nel mio nome, accoglie me”.

  20. Scritto da bruna

    non sono d’accordo con questa scelta i bambini non si toccano perche’ sono il nostro futuro pero’ sono convinta che qualcosa d’importante dobbiamo fare per i troppi clandestini che ci sono in Italia cosa che in nostri politici non riescono a fare.

  21. Scritto da simone

    Bisognerebbe trattarli come loro trattano qualsiasi persona che é nel loro paese di origine, semplice. Io sono in Nigeria per lavoro, la prima cosa che trovi all’ingresso di una struttura sanitaria é la cassa, gli lasci 2500 euro e solo dopo puoi incontrare un medico.

    1. Scritto da omar

      e che lavoro fai per permetterti di pagare 2500euro per vedere un medico? in proporzione sarebbe come se un Nigeriano arriva in Italia e si possa permettere di pagare 100000 euro per vedere un medico, avesse questa possibilità non avrebbe bisogno di essere “illegale” ed i suoi figli avrebbero assistenza a pagamento, non credi Simone?

    2. Scritto da Luca

      Ma tu non sei un bambino e puoi (essendo lì con un posto di lavoro) pagarti l’assistenza. Se non ne avessi convenienza, non andresti in Nigeria. Mica si stà tifando per i clandestini: però, i bambini bisognosi si curano, senza guardare in faccia a nessuno.

  22. Scritto da Simona

    La regione Lombardia non riconosce la Convenzione ONU per i diritti dell’infanzia e dell’adolescenza?!? Comunque ci penserà la corte Costituzionale a vanificare i deliri dei nostri politici da strapazzo… e non sarebbe nemmeno la prima volta!
    Il “povero” Maroni non si lascia proprio scappare nemmeno un’occasione per cadere nel ridicolo!!!

  23. Scritto da Damiano

    Tutti i giorni saltano fuori storiacce di questo tipo, e questi qua negano cure ai bambini clandestini… Sono loro, i politici, i primi alieni, i primi clandestini sul suolo italiano, rispetto ai loro elettori!!!
    http://it.finance.yahoo.com/notizie/montecitorio-caffe-costa-100mila-euro-084638339.html

  24. Scritto da Angioletti

    Sarebbe bello sentire i medici e infermieri cosa ne pensano, visto che loro la vivono.

    Io so che per non pagare il pediatra o per farsi una semplice ricetta per una medicina vanno direttamente al pronto soccorso creando disagi pratici a chi ha veramente bisogno di questa struttura.

    L’assistenza non gli viene MAI negata, ma che rispettino le leggi come fanno tutti!

    1. Scritto da Rob

      Purtroppo, per i clandestini, l’unico modo per avere assistenza gratuita è quello di recarsi in Pronto Soccorso intasando le sale d’attesa. Le ricordo che talora “pagare il pediatra” e “farsi una semplice ricetta” può comportare anche esborsi di denaro considerevoli, quando non addirittura ingenti. Ci sono farmaci impiegati anche in età pediatrica che possono costare migliaia di euro per ogni fiala. Per non parlare di casi in cui è necessaria la chirurgia.

      1. Scritto da Vanessa

        Mi sa che non ha ben compreso che i soldi non mancano davvero così tanto come si cede. Io lavoro con molti stranieri NORD africani..Non aggiungo altro se non che sto pensando di cambiare mestiere x via del volta stomaco che viene!

      2. Scritto da Angioletti

        Quindi siamo fessi solo noi che lavoriamo e paghiamo?

        1. Scritto da Rob

          I cittadini italiani possono accedere al sistema sanitario tramite i medici di medicina generale. Agli stranieri irregolari sono garantite solo le prestazioni di emergenza/urgenza. Se per lei questo è un privilegio provi ad andare in Pronto Soccorso a lamentare che da un mese le da un po’ fastidio la spalla destra e vedrà come le rispondono!

  25. Scritto da Canmarroig

    Bravi complimenti, si stanno affacciando di nuovo malattie che credevamo debellate e come reagiamo: non curando i bambini degli immigrati. Bravi, un applauso, bravi!

  26. Scritto da dubbio

    Cinicamente parlando, è meglio che, un bimbo clandestino o non regolare, malato di varicella, pertosse, tubercolosi, venga curato che lasciato a contagiare il sacro suolo padano, oriundi compresi.

  27. Scritto da oscar guarinoni

    cosa possiamo aspettarci da questa gente?
    se fossi come loro dovrei augurarmi che un loro figlio non “possa” ricevere cure mediche, ma per fortuna non sono come loro e mi auguro che tutti, bambini e non, possano ricevere le cure necessarie.

  28. Scritto da Matte

    Vergogna. Indegni della qualifica di esseri umani.

  29. Scritto da Damiano

    Sanno soltanto essere meschini, ‘sti governanti e ‘sti politicanti: coi bambini inermi, se la prendono. Caccino i soldi che intascano senza meritarseli, che riusciamo a far quadrare i conti e a far curare TUTTI i bambini…

  30. Scritto da Vanessa

    Capisco i dubbi e capisco pure le parole dei medici, ma ormai bisogna fare delle scelte anche forti: invito i medici dissenzienti a promettere di mettersi gratuitamente a disposizione di questi bimbi

    1. Scritto da Paola

      No, temo lei non capisca proprio niente e sono certo che dietro quel suo nick name non può esserci una donna.

      1. Scritto da Vanessa

        Mi pareva di essere stata chiara: ora si strumentalizzano i bambini. Purtroppo o per fortuna vi sono regole: i bambini vanno curati certo, sarebbe meglio che non vi fossero situazioni di clandestinità però. Spiegavo poi che i medici ( in quanto tali) dovrebbero curarli x scelta non per denaro ! Si va bene dai

        1. Scritto da Rob

          E quindi lo Stato dovrebbe scaricare sui medici (leggasi cittadini) le spese per curare i clandestini? Ma dove viviamo? Ma ha idea di quanto possa costare, ad esempio, un ricovero ospedaliero o un intervento per correggere una cardiopatia congenita (anche solo per i materiali necessari)? Ma non dica stupidaggini. Un medico non può sobbarcarsi simili spese se vuole vivere.

          1. Scritto da Kurt Erdam

            Mi spieghi per favore chi si accolla già ora le spese delle cure e dei ricoveri degli evasori,di quelli che esportano soldi illegalmente e di chi produce lavoro nero.Forse coi risparmi sulle cure dei bambini degli immigrati clandestini fatti lavorare in nero nelle nostre fabbrichette o nei campi si potranno fare negli ospedali reparti privilegiati con condizionatori e deodorante al pino riservati a evasori,corruttori ecc.La colpa di tutti i nostri problemi sono i bambini degli immigrati?

          2. Scritto da Rob

            Guardi che siamo perfettamente d’accordo… Stavo solo segnalando che il sistema non può scaricare sui medici questa patata bollente, ma deve farsi carico di questo problema.

    2. Scritto da Damiano

      Lei vaneggia: scelte forti sulla pelle dei bambini (quand’anche fossero figli di terroristi)? Coi politici che hanno devastato il Paese e le famiglie di lavoratori onesti, intascando montagne di denaro immeritato (quindi “preso” e non guadagnato), sui bambini si rivalgono? Ma è una politicante anche lei? Inviti i politici ad uno sforzo etico, a restituire il maltolto, non i medici…

      1. Scritto da MariaGrazia Lucchini

        In un mondo dove si lascia che milioni di bambini muoiano ancora di fame a fronte di altri che, prima ancora di nascere, hanno già un corredo di infiniti accessori inutili e magari griffati, non mi stupisce ma, mi indegna essere in questo caso italiana.

        1. Scritto da karlmarx

          ecco …. se come da noi in occidente …. prima di metterli al mondo …. ci pensassero …. invece di buttarli in pasto ad epidemie … malattie sessuali e mosche …. se usassero profilattici invece di fregarsene delle loro donne e dei loro figli … o di esportarli facendo leva su questi demenziali sensi di colpa, e queste beghe da pollaio.

          1. Scritto da dd

            ben detto… peccato che ci sono sempre i mangiaparticole bravi a predicare ma poi molto attenti a far lavorare i campi agli altri…

        2. Scritto da Damiano

          Sì, tutto vero e tutto giusto, ma visto che siamo nati in Italia e ci viviamo, e abbiamo sottomano il polso di questa situazione, facciamo in modo che quelli che poggiano piede sullo Stivale, non raccontino in giro che i politici (perché sono loro decisioni, non dei cittadini), negano cure ai bambini! Dai, che più immorali di così si muore (ma tanto, con la faccia tosta che si ritrovano, mica gliene frega). Sarà per raccattare più soldi possibili per i loro stravizi! O per lo skidome…