BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Caso Morosini, indignazione dei bergamaschi sul web: “Urgono chiarimenti”

Il caso sollevato da Bergamonews sulle promesse di aiuto da parte di diverse squadre di Serie A alla sorella di Morosini e poi non mantenute, ha provocato grande sgomento sui social. Per il momento nessuna replica dai diretti interessati

Dopo la bufera, tutto tace. Il caso sollevato giovedì mattina da Bergamonews sulle promesse di aiuto da parte di diverse squadre di Serie A alla sorella di Piermario Morosini e poi non mantenute, ha provocato grande sgomento tra i bergamaschi ma per il momento non ha sortito alcun effetto tra i diretti interessati.

Udinese, Livorno, Atalanta. E poi Giampaolo Pozzo, Totò Di Natale con i capitani delle squadre di serie A e B. E’ la lunga lista delle squadre e dei personaggi del mondo del calcio che subito dopo la morte del giocatore si erano offerti di prendersi cura di sua sorella Maria Carla, grave disabile psichica, ricoverata da qualche anno all’Istituto Palazzolo di Grumello del Monte. Una serie di promesse di aiuto rimaste, finora, soltanto belle parole. Già, perché a distanza di un anno e tre mesi dalla tragica morte del centrocampista bergamasco per un malore durante Pescara-Livorno del 14 aprile 2012, a sua sorella Maria Carla non è ancora arrivato nessun aiuto. Né pratico, né, soprattutto, economico.

Udinese, Livorno e Atalanta, pur contattati per fornire una loro versione sulla vicenda, non hanno ancora risposto. E se la società friulana e quella toscana hanno annunciato di voler prendere tempo, l’Atalanta, per ora, non ha fornito alcuna risposta.

Una questione che ha sollevato molti malumori tra i bergamaschi e anche tra i tifosi atalantini, espressi attraverso le pagine di Facebook, che esigono chiarezza in merito.

La notizia, che coinvolge mezza Serie A, è stata anche ripresa e sottolineata da diversi organi di stampa nazionali come Sportmediaset e Tgcom 24.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da atalanta70

    Costava tanto al giornalista chiedere delucidazioni alla società ATALANTA?

  2. Scritto da Stefano

    Ora hanno risposto pure l’Udinese ed il Livorno, e lo stesso Antonio Di Natale (amico di Piermario e della famiglia).

    E’ sufficiente a chiedere le dimissioni del giornalista, prima ancora delle scuse?

    E’ sufficiente a silenziare i criticoni?
    No, quelli no, vogliono vedere i bonifici firmati da Percassi, Di Natale, Pozzo e Spinelli.

  3. Scritto da noodels

    …..ma perché insistere nello scrivere di Atalanta?
    Per coerenza dovreste rinunciare ai tifosi atalantini che quotidianamente consultano le vostre pagine web!!

  4. Scritto da Dino

    …Comunque vada io spero che alla fine non si tratti di “elemosina” . La Sorella di Pier Mario ha diritto di ricevere
    aiuto con il CUORE e non per frasi o atti di circostanza spesi
    di fronte ad una telecamera.

  5. Scritto da paolot

    Ah ah ah, ho letto il comunicato sul sito degli atalnatini: non dice niente. solo che ha provveduto. Come e quando? Non si sa… Per ragioni di riservatezza. Ma va là… Se a suo tempo Percassi raccontò al mondo che avrebbe provveduto lui alla sorella, come mai ora diventa riservato. Poveri boccaloni atalantinio, credete proprio a tutto eh?

    1. Scritto da Willer

      E’ diventato riservato per evitare di rendere conto a gente come te. Mettiti un po’ all’ombra va…

    2. Scritto da stefano

      Caro paolot,
      “non dice niente, solo che ha provveduto”….
      …per fortuna dice niente…
      Se il barista ti chiedesse se hai pagato la bibita e tu gli rispondi “ho già provveduto”, gli hai detto niente?
      L’aver detto a tutti che uno “provvederà al mantenimento” di qualcun altro, non presuppone che debba mettere in piazza i dettagli.
      Anzi, fossi io un parente della ragazza, mi indignerei se si rendessero pubblici i termini dell’aiuto.

      1. Scritto da Pistolott

        Stefano… ma questo paragone come minimo lo capisce nel 2021… cerca qualcosa di molto più semplice.

    3. Scritto da gotma

      paolot … cosa pretendi? che ti inviasse la copia del bonifico??? ma non farci ridere! A suo tempo Percassi disse che avrebbe provveduto, senza idicare le modalità!
      Poi ognuno è libero di credere quel che vuole … la benificenza va fatta, non resa pubblica!
      X la cronaca … si scrive Atalantini !!!

    4. Scritto da greatguy

      ma te de ndo egnet??? anche quando ha detto che se ne sarebbe occupato ha mantenuto la stessa riservatezza. se ha scritto che ha provveduto, o ha scritto il falso e se ne assume le responsabilità oppure ha provveduto. il tuo commento è da (come il tuo nick)

    5. Scritto da Jack

      mi spieghi tu che cosa ne sai? se hanno fatto un comunicato ufficiale dove comunicano che hanno provveduto a tutto ciò perché non crederci?? cosa vuoi sapere?? il tuo problema quale è scusa?? vuoi sapere la cifra che gli hanno dato??

    6. Scritto da kilo

      et zamo ciciarat trop paolot

  6. Scritto da Basta

    Leggete il comunicato sul sito della società…complimenti alla redazione per la bellissima figura fatta. Come disse Maldini al rientro negli spogliatoi di Bergamo dopo la vicenda della rimessa non restituita “che figura di …..”

    1. Scritto da gotma

      e come si dice su Fb …. “MI PIACE”!!!

  7. Scritto da fra

    c’è un comunicato ufficiale dell’Atalanta se dicono il falso bgnews può sempre querelare la società

    1. Scritto da willer

      Se dicono la verità ? Dai scrivilo !

  8. Scritto da Willer

    L’Atalanta ha risposto, che poi non vogllia rendere conto delle modalità degli interventi fatti è un loro diritto. Certo che prima di sparare nel mucchio magari informarsi ?

  9. Scritto da Matteo

    E’ sufficiente andare sul sito http://www.atalanta.it x trovare i chiarimenti che cercate!!!!
    Chissà se riuscite a pubblicare il comunicato dell’Atalanta Bergamasca Calcio!!!

  10. Scritto da greatguy

    sul sito dell’atalanta c’è la risposta della società

  11. Scritto da makio

    sicuramente, c’è stato un malinteso, provvederanno , vedrete !

  12. Scritto da John Locke

    Pur essendo grande tifoso atalantino mi sembra corretto dire che a suo tempo Percassi aveva detto che ci pensava lui e stop, e così gli altri si erano di conseguenza fatti da parte. Quindi sta all’Atalanta dare una risposta.

    1. Scritto da pierpa

      l’atalanta si è già espressa..ma voler creare polemiche ormai è il modo più “redditizio” di far informazione.

      1. Scritto da John Locke

        Ho appena verificato Pierpa, hai ragione, l’Atalanta ha emesso un comunicatoin cui spiega di aver fatto quanto promesso. Ora quindi sarebbe opportuno che il giornalista che ha scritto qs articolo vada a riverificare le fonti primarie ed eventualmente scriva un articolo di rettifica per riabilitare la società Atalanta.

        1. Scritto da raffa

          si ciao ….