BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Presolana, una webcam per riscoprire le ex miniere

“Sotto alt(r)a quota”. Si intitola così il progetto di Marco Ronzoni e Damiano Fustinoni al concorso artistico “Sentieri creativi 2013”, promosso dal Comune di Bergamo insieme alla sezione cittadina del club alpino italiano, CAI e dedicato ai giovani artisti lombardi under 30

“Sotto alt(r)a quota”. Si intitola così il progetto di Marco Ronzoni e Damiano Fustinoni al concorso artistico “Sentieri creativi 2013”, promosso dal Comune di Bergamo insieme alla sezione cittadina del club alpino italiano, CAI e dedicato ai giovani artisti lombardi under 30 per la realizzazione di installazioni e opere d’arte lungo i sentieri e nei rifugi delle Orobie bergamasche.

Il progetto, rientrato nei dieci migliori selezionati, verrà realizzato alle miniere della Presolana, vicino al rifugio Albani, dove rimarrà esposto fino al 15 settembre: i lavori sono in divenire. L’installazione si basa sull’utilizzo di una webcam in ambiente montano per aprire una nuova finestra d’interesse sulle montagne bergamasche. Infatti, non vengono inquadrate piste da sci, il rifugio o uno splendido scorcio naturale di cui si può godere salendo in quota, ma l’ingresso delle ex miniere della Presolana. La telecamera è collocata sulla soglia, per portare in quota e riportare fuori dal buio della terra le storie che interrogano il lavoro di oggi sempre più in crisi.

Tra la webcam e il soggetto inquadrato è posto un telaio delle stesse dimensioni dell’inquadratura suddiviso in nove riquadri di circa 53 cm X 39 cm. Ad ogni riquadro corrisponde un modulo: un supporto in plexiglas dello spessore di 1 cm. Ai nove artisti che hanno aderito al progetto – Mariella Bettineschi, Barbora Bobovcakova, Italo Chiodi, Giovanni Fornoni, Camilla Marinoni, Giulio Locatelli, Simone Longaretti, Alfa Pietta e Marco Rossi – è stata consegnata la fotografia della porzione d’immagine inquadrata dalla webcam attraverso il riquadro corrispondente, una breve testimonianza di minatori che hanno lavorato nelle miniere di Colere e il modulo corrispondente.

L’artista sarà libero di reinterpretare l’immagine consegnata sul modulo, attraverso la propria lettura e il proprio stile. Ogni settimana il telaio ospiterà un nuovo quadro, insieme a quelli precedentemente inseriti. Con il trascorrere delle settimane si passerà, quindi, dal paesaggio reale inquadrato dalla webcam attraverso il telaio vuoto, al comporsi dello stesso paesaggio reinterpretato dalle diverse sensibilità degli artisti. La telecamera registrerà per tutta la durata del progetto il progredire dell’installazione. Attualmente la registrazione viene trasmetta dal sito internet aperto appositamente per questo progetto artistico: www.sottoaltraquota.it

All’interno del progetto Ronzoni e Fustinoni hanno organizzato un evento sabato 20 luglio. Si tratta dello spettacolo "I dis che i minatori" che racconta attraverso testi e musiche, la storia, l’esperienza di vita e di lavoro dei minatori italiani e statunitensi nella prima metà del Novecento. Si esibiranno i musicisti Sandra Boninelli, Angelo Bonfanti e Michele Dal Lago.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.