BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Zanonato ammonisce: “Stop ai rincari dei carburanti” E in autostrada si sciopera

Il ministro dello Sviluppo economico Flavio Zanonato dice basta ai rincari dei carburanti e prepara un richiamo ai petrolieri affinchè non ci siano aumenti della benzina nella stagione di maggior consumo.

Il ministro dello Sviluppo economico Flavio Zanonato dice basta ai rincari dei carburanti. La nuova impennata dei listini registrata nel fine settimana ha portato i prezzi italiani in cima ai più cari dell’Eurozona e il tutto alla vigilia della stagione dei grandi esodi estivi: per questo Zanonato ha già predisposto un richiamo ai petrolieri in cui chiede che venga tenuto conto della particolare situazione che sta attraversando il Paese.

L’annuncio è arrivato lunedì pomeriggio quando il ministro si trovava a Piossasco, in provincia di Torino, all’inaugurazione del cantiere dal quale partirà la nuova linee elettrica che collegherà l’Italia alla Francia.

“La causa dei rincari – ha spiegato Zanonato – è prevalentemente l’aumento del greggio e della domanda. Stiamo preparando il richiamo affinchè non ci siano aumenti della benzina nella stagione di maggior consumo”.

Secondo quanto rilevato da Quotidiano Energia i ritocchi ai listini hanno interessato Ip ed Esso, con un +0,5 centesimi al litro per benzina e gasolio che si attestano rispettivamente, in media, su 1,836 euro e 1,739 euro.

A scaldare ulteriormente la situazione arriva anche lo sciopero proclamato da Faib Confesercenti, Fegica Cisl e Anisa che scatta alle 22 di martedì 16 luglio fino alle 6 del 19 luglio nelle aree di servizio poste lungo tutte le tratte autostradali, tangenziali e raccordi compresi.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Alberto

    Ma il minestro lo sa almeno che la gran parte del prezzo è composta da tasse e accise?

  2. Scritto da A.Z. Bg

    Chiedere al suo governo del fare niente,di non aumentare le tasse e le tariffe,invece no?Certo non avrebbero il denaro per mantenere napolitano,la sua corte(228 mln anno),la casta dei magistrati e quella dei burocrati statali.