BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“Alloggi invenduti a Bergamo, priorità all’housing sociale”

Lunedì nel corso del Consiglio comunale a Palazzo Frizzoni è stato presentato un ordine del giorno per il sostegno e la promozione di accordi per l’assorbimento degli alloggi invenduti e la tutela delle aree verdi.

Più informazioni su

Lunedì nel corso del Consiglio comunale a Palazzo Frizzoni è stato presentato un ordine del giorno per il sostegno e la promozione di accordi per l’assorbimento degli alloggi invenduti e la tutela delle aree verdi. Il documento, di cui è primo firmatario Alberto Ribolla, capogruppo della Lega Nord, è stato sottoscritto da tutti i capigruppo e votato all’unanimità. «In città gli alloggi invenduti sono circa 8 mila e il fabbisogno di case in edilizia convenzionata è tuttora molto elevato – spiega Ribolla -. Attraverso l’ordine del giorno si impegna il sindaco e la Giunta a sostenere e a promuovere accordi con gli imprenditori edili e con le loro associazioni, affinché gli alloggi invenduti sul territorio del Comune di Bergamo possano essere destinati all’housing sociale, secondo le modalità ritenute più opportune, come già effettuato convenzionando parte dell’invenduto dell’area ex Magrini. In questo modo non solo si risolverebbero i gravi problemi sociali e di sicurezza derivanti dall’avere sul territorio numerosi caseggiati costruiti e inoccupati, ma si favorirebbe l’assorbimento dell’invenduto esistente, dando così anche immediata liquidità alle imprese in difficoltà (che devono comunque pagare Imu e spese condominiali su immobili invenduti) e si limiterebbe la previsione di nuovi interventi su suolo libero».

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da giglio

    scusate la mia ignoranza ma vorrei capire,cosa si intende con..(..housin sociale secondo le modalita ritenute piu opportune.)..e,..(..dando cosi anche immediata liquidita alle imprese..in difficolta ) significa forse che le compra il comune?..

  2. Scritto da natalia natali

    e fare proposta x affitto a riscatto, contando anche gli anni che uno ha avuto la fortuna di stare nelle case popolari, in modo che così si possono fare o riscattarne altre, secondo me è una cosa giusta

  3. Scritto da Kurt Erdam

    Mettiamola così,non si da più NESSUNA licenza edilizia fino al completo esaurimento degli invenduti e ASSOLUTAMENTE non un centesimo di soldi pubblici nell’operazione.

  4. Scritto da Matteo

    Questa la situazione ad oggi del cantiere di Besana Brianza (MB): http://matteo-equilibrio1.blogspot.com/2013/07/video-del-cantiere-abbandonato-di.html
    Sembra che nonostante le condizioni di estrema insicurezza alcune famiglie stiano abitando le case.

  5. Scritto da Gio

    Giusta iniziativa!

  6. Scritto da preciso

    Fatemi capire le case per chi non ha casa no (mitiche le prese di posizione del Belotti su Casa Amica e case pubbliche) e ora si scopre sto Hausing sociale per aiutare gli imprenditori?
    Questi leghisti sono senza ritegno!

    1. Scritto da luca

      l’housing sociale non è pubblico, ma è mercato calmierato, quello più richiesto dalle giovani coppie e dai nostri anziani in difficoltà. informati prima di parlare! di case popolari piene di extracomunitari ce ne sono fin troppe!