BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“Malata, voglio la mia casa ma ha più diritti il mio inquilino moroso”

Tommasina ha 58 anni e da due combatte contro un cancro. Vive sul litorale abruzzese, dove si è trasferita anni fa per motivi di salute di un figlio. Ha un appartamento a Bergamo che ha affittato. L'inquilino è moroso: non paga da 15 mesi. Ora quei soldi servirebbero per le cure, e forse quell'appartamento potrebbe essere comodo per farsi curare all'ospedale Papa Giovanni. Il diritto alla salute si scontra con il diritto alla casa.

Tommasina ha 58 anni e da due combatte contro un cancro. Vive sul litorale abruzzese, dove si è trasferita anni fa per motivi di salute di un figlio. Ha un appartamento a Bergamo che ha affittato. L’inquilino è moroso: non paga da 15 mesi. Ora quei soldi servirebbero per le cure, e forse quell’appartamento potrebbe essere comodo per farsi curare all’ospedale Papa Giovanni. Il diritto alla salute si scontra con il diritto alla casa. 

 

Esiste il diritto alla salute per i malati di cancro?

Sono una donna di 58 anni, malata di cancro dal novembre del 2011. Vivo in Abruzzo e sono proprietaria di un appartamento a Bergamo. Nel febbraio 2012, mese in cui io ho iniziato la chemioterapia, il mio inquilino ha cominciato a non pagare più l’affitto.

L’appartamento ha il riscaldamento centralizzato e io e mio marito da allora paghiamo il riscaldamento. Fino a maggio 2012 noi abbiamo pagato l’acqua per 7 persone. L’appartamento è stato concesso in locazione ad una sola persona, un cittadino indiano, ed era stato dato nel contratto un limite massimo di 5 persone. Adesso ci è stato chiesto un aumento per quanto riguarda la quota dell’acqua perché, come mi è stato spiegato da altri condomini, il mio inquilino non lavora più e fa l’affittacamere, quindi è aumentato ulteriormente il numero di persone e per il prossimo anno, noi dovremmo pagare 3.000 euro di condominio.

Nell’ottobre 2011 avevamo rinnovato il contratto facendone uno transitorio (scaduto nell’ottobre 2012) perché nostro figlio, nato a Bergamo e vissuto lì per un po’ di anni, nello scorso anno scolastico, voleva iscriversi alla facoltà di lingue. Mio figlio frequenta la facoltà di lingue a Roma dove ogni tanto può fermarsi dalla zia ma con molte spese nonché disagi.

Io ho fatto 15 mesi di terapia per il mio cancro e per una serie di motivi per tutto questo tempo sono stata a curarmi a 150 chilometri di distanza da casa. Inoltre ho fatto radioterapia (tutti i giorni per oltre un mese a 50 chilometri di distanza perché io vivo in un piccolo paese).

A maggio ho finito la cura, adesso ho fatto una Pet Tac e si sospetta qualcosa. Se dovessi rifare tutto di nuovo non saprei dove prendere i soldi; è per questo motivo che pensavo forse di trasferirmi di nuovo a Bergamo perché credo che il mio diritto alla salute venga prima del suo diritto alla casa.

Doveva esserci lo sfratto il 4 giugno ma è stato rinviato perché l’ufficiale giudiziario è ammalato. E io? Oggi ho fatto la mammografia ma non mi hanno dato una risposta certa.

Vorrei poter utilizzare la mia casa ed i miei soldi per poter accedere a strutture specializzate come gli ospedali di Bergamo o di Milano.

Tommasina Di Cola

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Halo

    Il mio inquilino è moroso da1 anno, spaccia nel mio appartamento..ultimamente gli hanno fatto una perquisizione e hanno trovato qualcosa ..i vicini mi hanno detto che è stato portato in caserma e poi rilasciato…non lavora.. e ha due figli piccoli quindi il giudice all’udienza di sfratto gli ha dato la grazia di 4 mesi…io vivo con la rendita del l’affitto…mi sta mangiando tutti i miei risparmi e quello che mi ha lasciato mio padre….io sono un’invalida civile…. Non ho parole…

  2. Scritto da Libertà

    Questo è un tipico esempio della deriva socialista che ha preso questo nostro Paese. La proprietà privata è un diritto sempre più difficile da far valere ma dovrebbe essere il diritto principe della società, dopo la libertà. Basta guardare come è sfruttato dallo stato attraverso le tasse sugli immobili, sulle auto, ecc. Tutto a causa dell’invidia di chi non ha nei confronti di chi ha; in odia tipica delle ideologie anti capitaliste, avverse al merito e al premio sul rischio.

  3. Scritto da ale

    Per un caso cosi quanti proprietari che si fanno pagare in nero e speculano sugli inquilini ci sono? Capisco questa signora ma pubblicare notizie cosi a cosa serve?

    1. Scritto da poeraITALIA

      queste notizie cosi come lei le definisce cercano di far capire che non si è più nemmeno propietario nemmeno di casa propia ma dove vive cosa sta scrivendo non si riesce a buttarli fuori con
      tutta la documentazione in regola si figuri in nero chi li smuove più

    2. Scritto da Tommasina

      Non ho capito, non dobbiamo far venir fuori queste notizie per proteggere i proprietari che si fanno pagare in nero, è questo che intendi vero?

      1. Scritto da Rossovivo

        Quanti malati di tumore vengono sfrattati dai proprietari senza remora alcuna? Decine. Quanti minori sbattuti a vivere in macchina o sotto un ponte? Moltissimi. Eppure su di loro neanche un articolo, poi questo penoso caso e la canea dei ben pensanti, la solita miserabile piccola borghesia italica, e poi ci si chiede perchè uno si butta a sinistra…..

        1. Scritto da Tommasina

          Questo “penoso caso” come lo chiami tu sono io e sono stufa di pagare le spese di altri, perché non le paghi tu da domani? Sono 18 mesi che pago riscaldamento e acqua per un numero sempre più elevato di persone. Devo continuare a pagare per altri senza dire niente? Queste emergenze non possono gravare sul singolo!

          1. Scritto da giovanni

            Tutta la mia personale solidarietà alla signora Tommasina. Ovviamente per i soliti soloni questi non sono problemi, finché non vengono vissuti sulla propria pelle. C’è un modo di dire colorito che riassume bene la situazione …

  4. Scritto da Andrea

    Il problema non é tanto l’indiano che non paga, quanto i funzionari/ufficiali giudiziari italiani che non fanno quello per cui li paghiamo, i vigili italiani che non vedono quante persone occupano l’appartamento illegalmente, i giudici italiani che interpretano le leggi a loro modo e ovviamente i nostri cari politici italianissimi che non modificano eventuali leggi sbagliate o che si prestano a dubbie interpretazioni.

  5. Scritto da il polemico

    questo articolo sarebbe piu opportuna mandarlo ad un buffo personaggio che imperversa su questo sito propinandoci castronerie in tutte le direzioni,e che poi categoricamente smentisce ogni volta di averle scritte.codesto personaggio su questo sito tempo fa disse.chi ha una casa dove non ci abita,è giusto che paghi una imu salata,e ,che sia obbligata ad affittarla cosi si costruiscono meno case.la risposta alle sue assurdità è scritta nell’articolo in questione.la mia solidarietà a tommasina

    1. Scritto da il naggio

      Non so chi sia il personaggio in questione ma l’unica cosa sana da fare sarebbe una legge che tuteli il proprietario in caso di mancato pagamento. Tipo la possibilità di rientrare in possesso dell’immobile dopo il terzo mese di morosità.

  6. Scritto da Il Naggio

    Gli indiani sono i peggiori inquilini che si possono trovare…li ho tutti i giorni sotto gli occhi…L’ufficiale giudiziario “ammalato” è un classico, soprattutto nel periodo estivo quando tornano al paesello e prolungano le ferie in questo modo.

  7. Scritto da bruna

    sono solidale con la signora anche perche’ in questo momento sto affrontando anch’io lo stesso problema e partendo dal presupposto che ha pienamente ragione le cure per questo tipo di problema sono completamente gratis e io mi sto curando in uno dei migliori ospedali di Milano e in Europa.

    1. Scritto da Tommasina

      Quando parlo di spese per le mie cure intendo quelle per i viaggi che devo continuamente affrontare e con quello che costa la benzina in Italia…!

      1. Scritto da bruna

        scusa non avevo pensato ai viaggi.
        ciao

  8. Scritto da Geppo

    Ma cosa c’entra extracomunitario…..in italia da sempre l’inquilino ha più diritti del padrone…..pazzesco…

    1. Scritto da poeraITALIA

      provare per credere prima di parlare altrimenti zitti è un dramma

  9. Scritto da greatguy

    ma come si fa a scrivere:”il diritto alla salute si scontra col diritto alla casa”? la casa è della signora PUNTO!!! il diritto alla casa mica deve garantirlo lei all’inquilino, semmai lo deve fare lo stato. finchè strizziamo l’occhio a queste cose questo paese non potrà mai uscire dalla crisi

  10. Scritto da andrea

    signora Tommasina l inquilino è extracomunitario e quindi ha dalla sua parte molte e molte persone e associazioni che sono dalla sua parte mentre lei è solo italiana

    1. Scritto da Diversamenteabile

      magari la KYENGE potrebbe aiutare l’inquilina
      i miei rispetti per la signora un grosso in BOCCA AL LUPO

    2. Scritto da cadio

      Confermo e aggiungo pure che Le conviene risparmiare già da ora per le spese necessarie al ripristino delle condizioni di “civile abitazione” dell’appartamento. Buona furtuna, sic!!