BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Cécile Kyenge risponde: “Calderoli lasci il posto a chi è capace”

Cècile Kyenge risponde alle offese dell’ex ministro Roberto Calderoli, che alla festa della Lega Nord di Treviglio, durante il comizio di sabato sera, ha detto che la titolare dell’Integrazione ha i lineamenti da orango.

Cècile Kyenge risponde alle offese dell’ex ministro Roberto Calderoli, che alla festa della Lega Nord di Treviglio, durante il comizio di sabato sera, ha detto che la titolare dell’Integrazione ha i lineamenti da orango. Non si sono fatte attendere reazioni sdegnate del mondo della politica. Moltissimi atti di condanna sono arrivati domenica nei confronti dell’esponente del Carroccio. Il Pd ha chiesto le dimissioni da vicepresidente del Senato, mentre la base leghista si schiera con Calderoli.

Ecco l’intervista che Cècile Kyenge ha rilasciato al Corriere della Sera.

Si sente ferita? «Non voglio andare sul personale. Certo, mi sono svegliata con l’idea di passare una bella domenica, e invece… Il punto è che dobbiamo correggere il linguaggio politico. Sono disponibile al confronto, ma che si basi sui contenuti e non sulle offese. È arrivato il momento di dire basta».

Il senatore Calderoli dovrebbe dimettersi? «Preferisco non esprimermi. Dico, però, che, se non è in grado di tradurre un disagio in un linguaggio anche duro, ma corretto, bisogna forse dare il suo incarico a chi è capace di farlo».

Calderoli le ha chiesto scusa, ma è tornato a dire che la vedrebbe meglio come ministro in Congo… «Accetto le scuse. Per il resto sono disponibile a rispondere a tutte le domande che si vogliano rivolgere alla ministra italiana dell’Integrazione. Se ci sono questioni che riguardano il Congo, Calderoli può porle agli esponenti di quel governo, e se non dovessero essere raggiungibili, ci sono l’ambasciata, i consolati…».

L’insulto dell’«orango» ha già varcato i confini. La preoccupa questa immagine dell’Italia razzista? «È uno dei motivi per cui insisto che bisogna correggere il linguaggio: offese come questa risultano raddoppiate, triplicate. Diventano articoli sulla stampa estera, e sono tutti messaggi negativi per l’immagine dell’Italia».

Le frasi leghiste o gli attacchi di Forza nuova sono gli episodi visibili, eclatanti. Lei, però, è il ministro più scortato del governo: riceve molte minacce che non vediamo, che non sono pubbliche? «Quotidianamente, con ogni mezzo. Lettere, email, telefonate. Le più terribili sono online, anche minacce di morte. Non c’è ancora una legge, e invece servirebbe. L’istigazione al razzismo sta diventando man mano istigazione alla violenza. Vale per tutti, penso agli attacchi che riceve la comunità ebraica. Dobbiamo lavorarci».

Minacce anche fisiche? «Sì, è successo. L’ultimo episodio l’altro giorno, ero a Cattolica e partecipavo a una cerimonia privata. All’ingresso principale c’era qualcuno che mi minacciava e mi aspettava, sono stata costretta dalle forze dell’ordine a uscire da un’altra parte…».

Ed è accaduto spesso? «Abbastanza, devo stare sempre in allerta. Anche perché ovunque vado trovo mobilitazioni contro di me. Per fortuna sono sempre di più le persone che mi sono vicine, che mi manifestano la loro solidarietà».

Che idea si è fatta delle ragioni di questa ostilità? «Mi sono accorta innanzitutto che il primo obiettivo sono le donne. Al di là della provenienza politica. È un problema su cui andrebbe fatto un percorso. Ci tengo molto a cogliere questa occasione per esprimere la mia solidarietà all’onorevole Mara Carfagna, per le offese e le minacce ricevute sul web».

Il secondo obiettivo? «La diversità. La pelle nera come la mia attira maggiormente l’attenzione. Penso a Mario Balotelli. Ma vale per tutte le diversità. Ho visto una reazione fortissima contro i cinesi nella zona di Prato, per esempio. Qualcuno fa fatica ad accettare che il Paese è cambiato. E penso che, proprio per questo, avrebbe bisogno di altri messaggi, di un altro tipo di comunicazione».

Quando ha assunto l’incarico, ha usato la parola «termometro»: la prima ministra nera nella storia del Paese serve anche a misurarne la febbre. Il malato è grave? «Diciamo che la temperatura è un po’ calda… Gli ultimi episodi sono stati un po’ troppo spinti. Bisogna stare attenti a non farla salire, ma lavorare per raffreddarla».

È il motivo per cui continua a ripetere che «l’Italia non è razzista»? «Lo ripeto perché è vero. Da tre mesi giro il Paese, non per valorizzare i migranti, ma per tirar fuori l’accoglienza che già c’è. In tutti i territori che visito, non ci sono solo stranieri a ricevermi, ma comunità intere, anziani, tantissimi bambini, che vogliono toccarmi, farsi fotografare con me. "Ministra lei è mia sorella", mi ha detto l’altro giorno una bambina di sei anni di origine sudamericana. Assisto a tante belle iniziative. Partite di basket in cui disabili e non giocano alla pari, cerimonie per la cittadinanza onoraria… Quella che stiamo facendo è una campagna di sensibilizzazione e di educazione: chi ricopre una carica istituzionale dovrebbe usare la propria visibilità in questo modo».  

Che cosa può dire di aver conseguito concretamente in questi primi tre mesi di governo?

«Il primo obiettivo raggiunto è che si parla di nuova cittadinanza in ogni angolo del Paese. Voglio attirare l’attenzione anche sugli italiani all’estero, lavorare insieme a loro per valorizzare la nostra immagine. Non è una questione che riguarda solo i migranti: è un’esigenza concreta di tutta la società. È il momento di fermarsi e riflettere insieme sull’Italia di domani».

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Ivana

    Ho letto con interesse l’intervista alla Ministra Kyenge. Non mi piacciono gli urli, gli strepitii e i linciaggi. E non mi piacciono nemmeno le separazioni nette tra una parte o l’altra. I ruoli istituzionali hanno perso valore da tempo? La cultura dei parlamentari si è abbassata molto? Ma chi li vota crede in loro, e va rispettato. Anche se non ci piace. Pensiamoci quando, forse, torneremo a votare. Siamo noi e non gli “altri” il motore del Paese. Basta ideologie, meglio i fatti.

  2. Scritto da simone

    è inaccettabile che il vicepresidente del senato si lasci andare ad offese così basse… calderoli deve dimettersi subito!!!!!!!

  3. Scritto da Luca

    Se ministro deve essere difeso senza se e senza ma solo e soltanto perché di colore allora c’è un grave problema ignoranza sociale di gente che non riesce a vedere il mondo al di là del loro naso.

  4. Scritto da andrea

    con 6 milioni di disoccupati , tra cui centinaia di migliaia ,350000 extracomunitari circa, e un ministro che vuole far arrivare chiunque in italia non sono chi sia meno capace tra lei e calderoli .che poi questo ministro sia difeso senza se e senza ma solo e soltanto perché di colore , beh allora signori miei non lamentiamoci.

    1. Scritto da Io

      Certe cose non si dicono! In italia possono e devono entrare tutti,fare quello che vogliono come vogliono. Noi dobbiamo solo pagare e satre zitti.

  5. Scritto da gigi

    condivido il fatto che uno che non è capace lasci, ma non solo per aver detto ciò che pensa, ma per ciò che fa, allora si che dovremmo assistere a dimissioni di massa, anche la signora è molto arrogante pertanto smetta di fare la vittima

  6. Scritto da simone

    Se ti danno dell’asino una volta, tira gli un pugno. Se te lo ripetono un’altra volta dagli uno schiaffo. Se te lo ridicono è meglio che ti compri una soma.