BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Locatelli e Carnevali “Calderoli inqualificabile Chieda scusa e si dimetta”

In una dichiarazione congiunta le deputate bergamasche Elena Carnevali e Pia Locatelli chiedono a Roberto Calderoli le scuse formali a Cecilie Kyenge e immediate dimissioni.

"Le parole del senatore Calderoli nei confronti della ministra Kyenge nel corso della sua visita a Bergamo sono inqualificabili. I toni razzisti e insultanti, usati più volte da esponenti della Lega verso la Ministra, sono sempre inaccettabili, ma lo sono ancor di più se arrivano da un rappresentante delle massime istituzioni come è il vicepresidente del Senato". Lo affermano in una dichiarazione congiunta le deputate bergamasche Pia Locatelli e Elena Carnevali.

"Calderoli, le cui affermazioni contrastano nettamente con il calore e l’affetto con cui le cittadine e i cittadini bergamaschi hanno accolto Cecilie Kyenge, non rappresenta i sentimenti del Paese e del nostro Parlamento. Chiediamo quindi che presenti, oltre che le doverose scuse formali alla Ministra, le sue immediate dimissioni".

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Mario Gatta

    Qui mi sembra si sia perso il vero l’obiettivo,si fa a gara a denunciare violenze verbali subite o fatte da questo o quel politico. Si gareggia a denigrare l’avversario sperando di guadagnare l’elettorato non con fatti concreti, ma mettendo in cattiva luce gli oppositori. Questa è la politica di oggi, le cose concrete contano poco, l’importante è che io mantenga la mia poltrona. E’ usando questo metro che ci ritroviamo nello sfascio più totale, sia economico che politico.

  2. Scritto da A.Z. Bg

    Dov’eravate quando il vostro capo Bersani,inParlamento urlava:”Ai leghisti gliela faremo pagare,glile faremo pagare.”?Le minacce in stile mafioso ai leghisti si possono fare, ma se un leghista dice ciò che pensa di un persona stipendiata dagli italiani,neanche eletta,allora è reato di lesa maestà?Una sx davvero fascista!

  3. Scritto da Ipocriti

    E degli insulti a Berlusconi perchè mai nessuno ne parla, massa di ipocriti. Siete ridicoli e patetici.
    Per non parlare degli insulti a Brunetta

    1. Scritto da andrea

      Quali? Cita gli autori e gli insulti, virgolettati e con riferimento alla fonte. Poi, se davvero esistono, ne riparliamo.

  4. Scritto da inqualificabili 101

    Carnevali, cominci a raccontarci qualcosa dei 101 inquafilicabili di Prodi. Perché per quel che capisco del PD dai giornali lei è in “corrente Misiani”, che a sua volta pare essere in “corrente” D’Alema.
    Insomma una corrente che secondo me sa qualcosa di quella turbolenta notte e molto favore al Governo “del fare” perdere tempo che ne è seguito.

    1. Scritto da Anna

      Mi sembra che stia facendo un po’ di confusione:da quando Misiani e’ in “corrente” D’Alema?E poi,per dirla tutta,i deputati bergamaschi del PD,il giorno dopo la mancata elezione di Prodi dichiararono alla stampa il loro voto,che fu appunto per Prodi… Informarsi meglio non fa mai male!

  5. Scritto da il polemico

    ecco che arrivano tutti,spero che chiederanno lo stesso rigore pure quando si insulta il berlusca…rigore che comunque a tutt’oggi non hanno mai chiesto…è prprio vero,se non si ha un colore di pelle diverso,nessuno si muove