BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Boom di iscrizioni al Cre di Fondazione Bernareggi: quasi 6 mila adesioni fotogallery

Successo di partecipazione di ragazzi alle attività organizzate dalla Fondazione Adriano Bernareggi. Nell’omonimo museo di via Pignolo il minicre per i bambini della scuola dell’infanzia, mentre al Patronato San Vincenzo aggregazione per i ragazzi delle elementari e delle medie

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da chiara

    credo che più di tutte queste critiche pretestuose e ideologiche contino le fotografie di questa iniziativa. bambini felici, colori, gioia, arte. non vedo foto di rosari o di messe. bisogna solo esser felici che la diocesi, per mezzo del suo museo offra proposte di questo tipo ai Cre. mia figlia c’è stata si è divertita… è tornata a casa tutta colorata raccontando di un pittore che buttava sul muro i suoi colori e mi ha detto che voleva farlo in camera sua… da mamma son contenta!

    1. Scritto da lotty

      signora lei è libera di mandare sua figlia dove vuole ma per favore non parli di critiche pretestuose e ideologiche, si informi meglio su come funzionano le cose e poi ne riparliamo. Nei cre non vede foto di rosari o di messe?In ogni oratorio c’è una chiesetta e durante la giornata c’è il momemto della preghiera, ripeto, lei è libera di di scegliere e io vorrei la possibilità di scelta anche per chi preferisce spazi non confessionali.

      1. Scritto da laico

        Caro Lotty stai sereno questo non è un cre organizzato dalla Fondazione Bernareggi; la Fondazione organizza dei laboratori di arte per i cre che vanno in gita sei completamente fuori tema rispetto alle foto serenoooooooooooooooo serenooooooo che il mondo va avanti

        1. Scritto da lotty

          lei fa finta di non sapere che fondazione bernareggi e oratori sono una cosa unica(curia) perciò io non sono fuori tema e comunque sono più serena(al femminile) di lei che si preoccupa così tanto di difendere una potenza che sa benissimo difendersi da sola. Laico lei? Ho dei dubbi…

  2. Scritto da lotty

    E’ vero che gli oratori sono percepiti come unica risposta concreta per lo svago e l’educazione dei figli, ma non devono essere i cittadini laici a finanziare la sudditanza psicologica dei politici italiani. La politica ha il dovere di presentare delle alternative laiche e davvero inclusive per tutti.

    1. Scritto da Leo

      Perché, invece così come stanno oggi le cose, chi viene escluso? I bambini ci vanno e si divertono, mica tornano a casa tristi perché sono strutture della chiesa… Conta la felicità dei bimbi, non le nostre ideologie!

      1. Scritto da lotty

        non è ideologia chiedere il diritto alla laicità, proprio perchè i bambini non possono difendersi da soli dall’indottrinamento non è giusto che i genitori non possano scegliere strutture non religiose. Per non parlare di quanto costano gli oratori alla collettività, tutto denaro che va nelle casse della chiesa, legga il commento precedente.

        1. Scritto da Leo

          Guardi che anch’io sono ateo e laico, ma non posso odiare il mondo intero, se qui da noi (e in altre parti del mondo, altre religioni) abbiamo una storia secolare dove la religione ha intriso tutto il tessuto sociale. I suoi numeri sulla poca coerenza dei cristiani sono impeccabili: ma da lì a chiedere una copia, un’alternativa agli oratori, come spazi per i bambini, non può essere accolta in un baleno, solo perché lei detesta i preti. Ci sono aspetti negativi anche tra i laici, sa?

          1. Scritto da lotty

            non capisco perchè lei usi il termine “odiare” per strumentalizzare il mio commento. Un’alternativa agli oratori sarebbe possibile organizzando spazi nelle scuole durante l’estate, il costo sarebbe inferiore alle sovvenzioni date alla chiesa. Io non detesto i preti, facciano il loro mestiere nei loro spazi e con il loro seguaci; i laici sono pieni di difetti ma non si nascondono dietro a una figura divina e a una religione per giustificare le loro malefatte.

  3. Scritto da lotty

    le amministrazioi pubbliche individuano nell’oratorio un servizio ed erogano munifici contributi pagati da tutti a beneficio della parte cattolica della società. Legge 206 del 2003 esenzione ici imu mancato introito per lo stato di circa 2,5 milioni di euro l’anno. Inoltre almeno 50 milioni di euro l’anno i contributi erogati dalle regioni. Le amministrazioni considerano gli oratoti un servizio/ continua

    1. Scritto da lotty

      continuo qui il seguito del commento che per errore non è stato inviato: ma i servizi devono essere controllati e lasciati nell’ambito privato se non soddisfano determinati requisiti. Le istituzioni si chiedono come funzionano prima di finanziarli”a prescindere”?( mi rendo conto in questo momento che è stato censurata una parte relativa ai responsabili degli oratori, perciò non ripeto).

  4. Scritto da nino cortesi

    Che bei soldini. e niente tasse.

  5. Scritto da laico

    Sereno sereno dai lotty non arrabbiarti…abbi un po di sana ironia per una vacanza libera

  6. Scritto da Laico

    Stai sereno lotty!

    1. Scritto da lotty

      risponda con argomenti validi invece di preoccuparsi della mia serenità, troppo comodo fare solo dello spirito.

      1. Scritto da Laico2

        Ma le seimila adesioni non sono un argomento sufficiente? Sono laico, non mi interessa della fede, ma insinuare che i bambini potrebbero anche divertirsi altrove (a loro non interessa se è gestito da preti; per loro potrebbe essere gestito dalla fata Morgana che è la stessa cosa) è polemica gratuita.

        1. Scritto da pino

          Appunto, non e` ancora obbligatorio iscriversi al Cre gestito dalla Chiesa

          1. Scritto da lotty

            non è obbligatorio ma inevitabile sì, oppure tieni il bambino a casa tutta l’estate visto che i pochi centri sociali dei comuni non funzionano più.

        2. Scritto da lotty

          insinuazione non è il termine adatto, io “ho detto”. Se ha voglia di leggere, ho inviato un commento che forse potrà convincerla a non considerare polemica gratuita una realtà concreta.

  7. Scritto da lotty

    quando si dice il monopolio della chiesa..nessuna offerta da parte delle istituzioni per vacanze libere da indottrinamenti religiosi, anzi, si preferisce sovvenzionare gli oratori senza garantire anche a chi non crede e a chi è di religione diversa la possibilità di una vacanza libera.