BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Tanti auguri Vieri, 40 anni di “bomberate” in campo e fuori

Trasferimenti milionari e gossip, gol e belle donne, movida e pedinamenti: il centravanti per eccellenza degli anni '90 e 2000 festeggia un compleanno significativo. Torta in famiglia? No, festa a Formentera

Più informazioni su

Uno così, i 40 anni, mica li festeggia in famiglia. I suoi primi 40 anni, l’ex atalantino Bobo Vieri, li celebra a Formentera. Vieri, che ha smesso di giocare ufficialmente nel 2009 proprio con la maglia nerazzurra, è considerato uno dei più forti attaccanti di tutti i tempi. A parlare è il suo prestigioso curriculum: 236 reti in 475 presenze, inserito da Pelè nella lista dei 125 migliori giocatori della storia, secondo calciatore italiano capace di aggiudicarsi il titolo di capocannoniere in un campionato straniero, e detiene insieme a due totem come Paolo Rossi e Roberto Baggio il record di gol segnati da un calciatore italiano ai mondiali.

Nato a Bologna il 12 luglio del 1973, figlio d’arte del calciatore Roberto Vieri, dopo infanzia e prima adolescenza passate in Australia ritorna in Italia trasferendosi a Prato. E’ qui che ha inizio la sua ascesa calcistica: viene tesserato giovanissimo nel Prato, dove si mette in mostra a suon di gol nel campionato Berretti. Viene ceduto al Torino, squadra con cui esordisce in Serie A il 15 dicembre del 1991. Successivamente gioca nel Pisa,Ravenna e Venezia. Fino all’Atalanta, dove si mette in mostra con 9 gol in 21 presenze. Un trampolino di lancio, quello atalantino, che gli permette di fare il grande salto della carriera.

Nella stagione successiva viene infatti acquistato dalla Juventus con cui vince Scudetto, Coppa Intercontinentale disputando la finale di Champions League poi persa ai rigori contro il Borussia. L’anno successivo viene acquistato dall’Atletico Madrid dove disputa una stagione incredibile con 24 gol in 24 partite nella Liga, diventando il primo italiano a vincere il titolo di capocannoniere in Spagna. Nel 1998 dopo un ottimo mondiale con 5 gol in 5 partite viene acquistato dalla Lazio. Con i biancocelesti realizza 14 reti in 28 presenze vincendo una Coppa delle Coppe e segnando un gol nella finale. Nell’estate del ‘99 viene ceduto all’Inter per la cifra record di 90 miliardi di lire.

E’ a Milano, sponda nerazzurra, dove Vieri ha il suo periodo d’oro: realizza 123 gol in 190 partite e nella stagione 2002-2003 vince il titolo di capocannoniere segnando 24 gol in 23 presenze. Con Ronaldo compone un tandem d’attacco micidiale che resterà sempre nei ricordi degli interisti. Nel 2005 pochi giorni dopo aver risolto il contratto con l’Inter , c’è il suo passaggio piuttosto controverso e criticato dai “cugini” Milanisti. Milan che lascerà però dopo mezza stagione ed un solo gol trasferendosi al Monaco dove però ha una stagione travagliata a causa di un grave infortunio che non gli consente nemmeno di partecipare al mondiale del 2006.

E’ da qui che ha inizio la sua parabola discendente: dopo Monaco passa alla Sampdoria e all’Atalanta dove non lascia il segno se non per quell’incredibile gol da metà campo in Atalanta-Siena. L’anno successivo passa alla Fiorentina dove disputa ancora una buona stagione , segna 9 gol ma sbaglia il rigore decisivo nella semifinale di Coppa Uefa contro i Ranger Glasgow. La sua ultima, travagliata stagione è ancora a Bergamo nel 2009, dove viene accolto da pesanti critiche da parte della tifoseria atalantina. Segna 2 gol ma ha numerosi infortuni e il primo aprile del 2009 interrompe anticipatamente il contratto. Christian Vieri ha fatto sempre parlare di sé in campo e fuori.

E’ stato coinvolto in più procedimenti giudiziari: il 3 settembre del 2012 il giudice di Milano ha condannato Inter e Telecom Italia al risarcimento di un milione di euro per attività di spionaggio nei confronti di Vieri. Il 30 novembre dello stesso anno la procura di Cremona chiede una proroga per la sua iscrizione nel registro degli indagati nell’ambiento dell’inchiesta Calcioscommesse. Nell’ 11 gennaio del 2013 viene indagato per concorso in bancarotta assieme all’ex compagno di squadra e amico Christian Brocchi.

Dopo avere fatto ballare i difensori di tutto il mondo, si è trasformato in attore prima e ballerino poi. Ha recitato con il comico toscano Ceccherini, quindi ha fatto da partner a Natalia Titova, in “Ballando con le stelle”, talent-show targato Rai. Quest’anno è stato protagonista, con l’ex compagno di Nazionale, Marco Delvecchio, del programma tv ‘Bobo & Marco-I re del ballo’, su Sky. Possiede anche il passaporto australiano, ma la sua seconda casa ormai e’ diventata Miami, dove spesso è stato fotografato in compagnia di veline, letterine e ragazze in cerca di copertine.

Angelo Meles

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.