BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Prepagate e ricaricabili Le carte più convenienti dell’estate 2013

Quali sono le migliori carte di credito ricaricabili da portarsi in vacanza? Un confronto tra le più economiche ora sul mercato.

Sono sempre più diffuse le carte ricaricabili prepagate, cioè quelle carte di credito sulle quali versare direttamente denaro (facendo appunto delle ricariche come al credito telefonico) e che sono un comodo sistema di pagamento al posto del contante.

Le si può portare tranquillamente in vacanza al posto o come integrazione della cartamoneta, sono semplici da usare e meno vincolanti e costose che una normale carta di credito collegata al conto corrente, oltre che totalmente sicure grazie ai nuovi sistemi di controllo.

Le carte prepagate ricaricabili hanno costi molto bassi: versare o prelevare il denaro ha spese nell’ordine di un euro o anche meno, in genere non c’è alcun canone annuale da pagare, e non vi è alcun tasso di interesse passivo. Grazie al servizio di confronto SuperMoney, scopriamo quali sono le carte più economiche ora sul mercato, aderenti ai principali circuiti internazionali (Visa, MasterCard) per un utente under 30, senza conto corrente, che carichi e utilizzi sulla sua prepagata la somma di 400 euro al mese.

La più economica risulta ad ora la carta Enjoy di Ubi Banca: si tratta di una carta-conto, dunque ha anche il codice Iban per fare e ricevere bonifici, attivare l’accredito di stipendio o pensione e l’addebito delle bollette, ed altri servizi tipici dei conti correnti; ha un canone di 2 euro per il primo anno, annullato nei successivi, ha un plafond massimo di 3.500 euro mensili, prelievi e ricariche bancomat senza costi.

Al secondo posto abbiamo la carta prepagata Vincento di Kalixa che ha un costo di 1,75 euro per i prelievi di contanti mentre le ricariche, sempre in contanti, sono gratuite (tali carte si possono ricaricare anche con versamenti automatici dal conto corrente), il plafond massimo è di 9 mila euro al mese, ha un canone annuo di 5 euro per il primo anno. La PostePay di Poste Italiane è forse la più nota e usata carta prepagata ricaricabile: fa parte del circuito Visa Electron (ora però vi è anche la nuova MyPostePay facente parte del circuito MasterCard), ha un costo di emissione di 5 euro, i prelievi e le ricariche in contante hanno un costo di 1 euro, il plafond massimo mensile è di 3 mila euro.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.