BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Capitale della Cultura Sfida tra 18 città italiane, un affare da 250 milioni

Non è detto che quelle più famose siano avvantaggiate. Insieme a Bergamo ci sarebbero altre 17 candidate. Grossi guadagni in vista: Salamanca, che ospitò l'evento nel 2002, investì circa 120 milioni di euro (meno di 40 dal Comune) e il rientro fu di circa 266 milioni

Il magazine di arte e architettura "Il Ghirlandaio" fa il punto sulla situazione delle candidature delle città italiane che si contendono il ruolo di Capitale della cultura europea 2019 e parla dei vantaggi, anche dal punto di vista economico, di questo evento:

 

Si apre la sfida per scegliere la città italiana che sarà Capitale della cultura europea nel 2019, e di conseguenza quella che si porterà a casa l’enorme indotto economico che contorna da oramai un ventennio l’evento. La sfida è aperta silenziosamente da mesi, anche se nessuna delle molte città che ci sperano ha ancora avanzato ufficialmente la propria candidatura. I termini però sono alle porte:entro il 20 settembre le città candidate dovranno presentare il proprio fascicolo al ministero dei Beni culturali e sperare nel parere positivo dei tecnici italiani ed europei. Il Ghirlandaio ha cercato di capire quali saranno le tappe di questa sfida e, soprattutto, quale sarà la posta in gioco in termini di turismo e di impatto economico. Chiariamolo subito, l’affare non sono i fondi dell’Unione europea (che non elargisce neanche un euro) ma l’indotto turistico che consente anche di raddoppiare i soldi investiti dagli enti locali.

LA SELEZIONE PER IL 2019

Il titolo di Capitale europea della cultura nasce nel 1985 e da molti anni vede alternarsi ogni anno una città diversa. Vista la richiesta altissima di partecipazione all’evento ultimamente le città sono due all’anno, provenienti da Paesi diversi. Per essere scelte le città presentano un progetto al governo nazionale che nomina dei tecnici che insieme a quelli dell’Ue selezionano i programmi che maggiormente corrispondono alle idee di integrazione culturale e tra i popoli che sono alla base della Capitale della cultura. A breve il ministro Bray dovrebbe nominare i commissari italiani. All’Italia tocca il 2019 e le città in pista sono moltissime, anche se nessuna ha presentato ancora al Mibac la candidatura ufficiale. Tra quelle che da tempo hanno avviato il lavoro per la selezione ci sono ad esempio Lecce, L’Aquila, Ravenna, Siena, Bergamo, Palermo, Venezia e l’accoppiata Perugia-Assisi. "Avviene quasi sempre che a candidarsi siano più istituzioni in squadra anche per dividere i costi di preparazione", ci ha spiegato Gianni Bonazzi, dirigente del Servizio primo del Segretariato generale del Mibac che si occupa della selezione.

"Le candidature più valide sono quelle che guardano al futuro e che sono connesse agli indirizzi Ue su industrie culturali e creatività". Entro settembre le città in corsa dovranno rispondere al bando e passare per la preselezione che individua la rosa dalla quale si sceglie il vincitore. Il nome italiano si saprà con ogni probabilità verso settembre 2014. Cercando su Internet si arriva a contare fino a 18 città italiane che sarebbero in lizza (compreseUrbino, Torino, Catanzaro, Brindisi e Mantova). Ma non è detto affatto che quelle più famose siano avvantaggiate nella selezione né, soprattutto, che alla fine saranno questi i nomi a partecipare effettivamente alla gara.

I COSTI E I GUADAGNI DELLE CAPITALI

L’investimento da parte delle amministrazioni locali è enorme. Milioni di euro per allestire mostre, eventi, progetti di comunicazione, ingaggiare artisti e architetti. Marsiglia ad esempio, Capitale della cultura 2013, ha costruito diverse strutture da zero (con l’aiuto anche dell’italiano Stefano Boeri) per ospitare percorsi artistici e conferenze. Nessuna città è in grado di sobbarcarsi i costi da sola e per questole istituzioni si uniscono (con Marsiglia c’è la Provenza ad esempio) e soprattutto richiedono l’intervento dei privati.

Per avere un’idea del ritorno d’immagine ed economico si può guardare al caso di Salamanca, che ospitò l’evento nel 2002. La città spagnola investì circa 120 milioni di euro (meno di 40 dal Comune) e il rientro, secondo un approfondito studio dello European Urban and Regional Studies pubblicato nel 2006, è stato di circa 266 milioni. Una cifra divisa tra biglietti venduti, spese generate da ogni turista, concerti, teatri e grandi conferenze. Insomma un affare in grado di rivitalizzare un’economa locale ma che ha bisogno di finanziamenti adeguati. Un bel problema per i Comuni italiani in perenne crisi di fondi che dovranno garantire con proposte molto concrete di poter reperire gli investimenti in tempo.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Tiziana Pirola

    Qualche precisazione e un commento: le capitali sono due all’anno perché i paesi aderenti all’Unione Europea sono 27 e già così la proposta – iniziata nel 1985 e aggiornata nel 2006 – scandisce l’agenda fino al 2019, appunto. Giornalisticamente parlando, varrebbe anche la pena pubblicare i due link di riferimento ufficiali dell’UE e del Ministero. Poi serenamente attendo gli eventi, ben conscia delle caratteristiche “italiote” e del provincialismo nazionale che tutti affratella.

  2. Scritto da Sergio Nozza

    Ogni iniziativa porta sempre con se critiche ed applausi. Personalmente, penso che il grande pregio di questa candidatura sia l’aver portato al centro del dibattito di Bergamo, una Città industriale, il tema della cultura! O cambiamo la linea strategica di crescita economica per il nostro territorio, oppure non avremo futuro.

  3. Scritto da ureidacan

    Avete dimenticato Matera, che invece sembra essere in pole-pisition

    1. Scritto da guai a dirlo!!

      Matera, o, giusto per dirne un’altra Ravenna, dove Letta senior va a braccetto con Muti. Nessuno osa ipotizzarlo: Bergamo non vincerà salvo un miracolo. Perchè non facciamo la graduatoria di chi spende per…quanto aver perso? Dai BgNews provate ad aver coraggio voi…non sarà facile contare poi quanti “l’avevo detto”…

      1. Scritto da leggere tutto grazie

        Non si vuol capire che gara a parte questa è una occasione di cambiamento, per la mentalità dei bergamaschi, per il futuro. E’ una risposta anche alle critiche di città morta, fatte da chi non si interessa di cosa succede, e non s’informa. Alle chiusure dei locali, privati, che lamentano solitudine. Se poi la mentalità è non facciamo nulla perchè si spendono dei quattrini allora fermi tutti, immobili, ma non avete letto l’articolo!!!

        1. Scritto da parole al vento

          si si, certo, come gli inguardabili totem pagati con le nostre tasche. Ma lei ha letto uno, dico UN TEMA su cui costruire questa fantomatica candidatura? Qui manca il progetto, altro che la mentalità. Non parliamo di luoghi comuni triti e ritriti.

          1. Scritto da tutto cosa?!?

            Anzi. Questo sarà un moto efficacissimo per mettere una pietra tombale sugli investimenti culturali futuri I bergamaschi sono scettici, non sciocchi. Dopo tanta fuffa sarà dura per chiunque proporre di investire i bellezza. La racconti a qualcun altro sta storiella della “mentalità”. Si sarà realizzato l’esatto opposto. Del resto ogni semina raccoglie i suoi frutti.