BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Sacbo, aria condizionata per 125 case vicine allo scalo bergamasco

SACBO, proseguendo il programma di mitigazione ambientale che riveste caratteristiche di assoluta unicità nel panorama degli aeroporti italiani, ha assegnato i lavori relativi agli interventi di ottimizzazione dell’isolamento acustico su 125 abitazioni situate nei Comuni di Grassobbio, Orio al Serio e Seriate.

SACBO, proseguendo il programma di mitigazione ambientale che riveste caratteristiche di assoluta unicità nel panorama degli aeroporti italiani, ha assegnato i lavori relativi agli interventi di ottimizzazione dell’isolamento acustico su 125 abitazioni situate nei Comuni di Grassobbio, Orio al Serio e Seriate e ricadenti nella zonizzazione acustica aeroportuale. Si tratta del primo intervento attuato su unità abitative residenziali, che fa seguito a quelli già messi in atto su nove edifici scolastici e completati nel 2012 con un investimento di circa 1 milione di euro. Obiettivi raggiunti anche grazie alla stretta collaborazione con le Amministrazioni locali e con il coinvolgimento di Regione Lombardia e Provincia di Bergamo Questa prima fase di interventi sulle abitazioni rientra nel piano di mitigazione acustica elaborato da SACBO, traduzione operativa dell’impegno assunto dalla società su indirizzo del consiglio di amministrazione, e verrà realizzata entro fine autunno 2013 a fronte di un investimento di 1,6 milioni. Il piano prevede fasi successive, a partire dall’avvio delle attività di verifica e definizione di interventi di mitigazione su ulteriori 200 unità abitative residenziali situate in prossimità del sedime aeroportuale ed esposte a livelli acustici superiore a 65 db(A) di LVA (livello di valutazione aeroportuale), ricadenti negli stessi Comuni sopra citati. Questa seconda fase di interventi, per un investimento di 2,5 milioni, sarà realizzata auspicabilmente nel corso dell’estate 2014.

Parallelamente SACBO ha previsto di avviare l’iter di valutazione su altre 200 unità abitative residenziali, ricadenti nei Comuni di Grassobbio, Orio al Serio, Seriate, Brusaporto e Bagnatica, che permetterà di eseguire i relativi interventi tra il 2014 e il 2015. L’ulteriore sviluppo del programma di attività di mitigazione acustica messo in atto da SACBO, che già al momento conferma la sensibilità e attenzione della società di gestione aeroportuale in tema ambientale, sarà oggetto di nuove valutazioni del consiglio di amministrazione alla luce del pronunciamento del Tribunale Amministrativo in merito al ricorso avverso alla Zonizzazione Acustica. A partire dalla fine di luglio 2013 i proprietari delle prime 125 unità abitative, interessate alla sostituzione degli infissi e all’installazione degli impianti di climatizzazione, saranno contattati dalle ditte incaricate dei lavori per concordare le tempistiche degli interventi. I lavori saranno eseguiti, per quanto concerne la sostituzione degli infissi, dalla ditta Bettoni Giovanni & C s.n.c. di Casazza e per l’installazione degli impianti di climatizzazione dalla ditta Arici Virgilio S.r.l. di San Paolo d’Argon.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da gigi

    Se la TENARIS producesse il rumore dell’aeroporto l’avrebbero già fatta chiudere per legge. Non è mica in mano alla Provincia e al Comune….
    L’autorizzazione a lPiano di Sviluppo dell’Aeroporto (che aveva precisi limiti ampiamente superati) era subordinata a “prescrizioni” che SACBO si è guardata bene dal rispettare

  2. Scritto da paolo

    E quando sacbo fornirà i polmoni in acciaio per sostituirci quelli naturali intasati dal suo kerosene?

  3. Scritto da Gioanpadan

    E per chi ha la sfortuna di abitare sopra una strada statale,niente money per la comoda aria condizionata? Si è “distrunbati di serie B”?!?! I doppi vetri ce li ho già, non sono così morto di fame …

  4. Scritto da il polemico

    a me da fastidio il rumore del’acciaieria della tenaris.pretendo il condizionatore e un indenizzo,oppure chi si chiuda tutto la stabilimento

    1. Scritto da xx

      Sei sempre il migliore. C’entri sempre come i cavoli a merenda. Le rotte dell’aeroporto sono cambiate pochi anni fa e i voli si sono moltiplicati nell’ultimo decennio. Da quanto tempo c’è invece Tenaris? Da prima di te, di sicuro. Aspettiamo altre tue divertenti battute, simpaticone.

      1. Scritto da andrea

        giusto per curiosità, la tenaris a dalmine è nala nel 1906, l’aeroporto nel 1927

        1. Scritto da xx

          Sì, e giusto per curiosità mio nonno è nato nel 1908. La curiosità dovrebbe portarti a leggere con più attenzione. Ho scritto che le rotte sono state aumentate a sproposito e spostate negli ultimi anni. La Tenaris non si è mai spostata.

          1. Scritto da andrea

            ma l’esistenza di un aeroporto (con anche un solo volo al giorno magari) deve far pensare a un suo probabile sviluppo (cosa che evidentemente nessuno ha fatto)

          2. Scritto da Danilo

            Vedi Andrea, nemmeno la Regione o la Provincia o la stessa ENAC avevano predisposto un “Piano di Zona”, che avrebbe permesso un regolare sviluppo dell’aeroporto di Orio, che adesso, nella fase del suo eccessivo sviluppo, si ritrova circondato da parecchie abitazioni private. Pretendere adesso di mantenere questi esagerati livelli di movimentazione (decolli ed atterraggi), che coinvolgono così da vicino tante persone, dovrebbe necessariamente far riflettere, anche in prospettiva di Montichiari!!

  5. Scritto da Terzo mondo

    A me non interessa l’aria condizionata, io ho sempre amato le finestre aperte anche la notte. Adesso, dopo che hanno spostato le rotte, sembra di essere in guerra, e sto subendo danni alla salute, quali aritmia cardiaca, pressione arteriosa alta e insonnia. Non è possibile che si possa dormire solo dopo la mezzanotte e prima delle 6. Non è vita questa.

  6. Scritto da Laura

    E la bolletta dell’Enel più cara la paga ancora Sacbo? Altrimenti si cade dalla padella alla brace.

    1. Scritto da fausto

      e i soldi che risparmi per il riscaldamento perchè sei più isolata con nuove finestre li ridai alla sacbo?

      1. Scritto da Laura

        No, ho già gli infissi basso-emissivi, comprati e pagati da me. Serve altro?

  7. Scritto da gigi

    Sono almeno 10 mila gli abitanti che vivono nelle fasce sopra i 60 db
    se Sacbo dovesse effettuare gli interventi in base alla legge (mitigazione acustica e climtizzazione fino a 65 db e nuova abitazione (come hanno fatto a Malpensa) per quelle sopra i 65 db, dovrebbe spendere almeno 100 milioni di euro

  8. Scritto da usiamo il cervello

    Dall’articolo sembra che SACBO effettui l’intervento solo perrchè è particolarmente buona. Nulla di più falso
    Orio è l’unico aeroporto a 2 km dalla città.
    L’obbligo di provvedere per legge alla insonorizzazione (ma anche alla climatizzazione) SACBO ce l’ha dal 2003 (approvazione del VIA) e per tutte le abitazioni di fascia SUPERIORE AI 60 LVA. Per quelle superiori ai 65 c’è l’obbligo di delocalizzazione che SACBO non rispetta.
    Dieci anni di ritardo e solo in piccola parte.

    1. Scritto da andrea

      a parte che dista 5 km, e poi non è l’unico ;)

      1. Scritto da usaimo il cervello

        Che l’aeroporto di Orio dista 2 km dal centro città lo ha detto il Presidente Radici, facendone gran vanto…
        Le prime case di Bergamo (Campagnola) sono a 800 mt dalla testata pista
        Non esiste aeroporto in Europa a queste distanze
        Nel VIA (autorizzazione Ministeriale) è scritto chiaramente che SACBO deve pagare “spese di installazione e FUNZIONAMENTO della climatizzazione (dal 2003)!!!!

        1. Scritto da andrea

          giusto per restare in italia, linate (e non mi parli di direzioni di decollo, perchè un aereo che atterra non è silenzioso), reggio, valencia in spagna, innsbruck…e mi fermo…

          1. Scritto da usiamo il cervello

            Si vede che non abita vicino ad un aeroporto!!!!
            In decollo i motori spingono al massimo mentre in atterraggio sono al minimo. Quando tira vento forte contrario e atterrano da Ovest a Campagnola si sente solo un fruscio anche se vedi il pilota nel finestrino…
            A Reggio c’è un decimo dei voli di Orio
            Berlino Tempelhof l’hanno chiuso perchè troppo vicino alla città e London City ha enormi limitazioni di voli, di rotte e di orari
            Ma noi siamo la repubblica delle banane

    2. Scritto da gigi

      e linate ? per il resto w orio

      1. Scritto da usiamo il cervello

        Bocciato in geografia! A linate i decolli avvengono sopra lo scalo Farini (binari) e l’unico centro abitato (Redecesio frazione di Segrate) ha vinto la causa con SEA anche se hanno un rumore inferiore a quelo di Campagnola

      2. Scritto da dario

        Linate ha perso una causa contro gli abitanti limitrofi a cui ha dovuto dare un bel po’ di soldi di indennizzo. Tempo al tempo, ed anche per Orio verrà il momento di rispettare le regole.

  9. Scritto da Carlo

    Attenzione all’imbroglio. Accettare l’intervento ma con dichiarazione ufficiale della Sacbo che l’interveto di condizionamento delle abitazioni è il minimo indispenabile ma che non risolve assolutamente i disasgi che la presenza dell’aeroporto procura ai cittadini dei quartieri e dei paesi circostani l’area aeroportuale
    Altimenti, poi, questi signori della Sacbo se ne lavano le mani e la coscienza.

    1. Scritto da gigi

      rassegnatevi e cercate di ottenere più che potete, tanto orio andrà avanti comunque

      1. Scritto da tacco

        Ecco il perfetto suddito di berluscandia.

  10. Scritto da M73

    Vuol dire che dovro’ pagare 2-3 euro in piu a volo….sempre meglio dei 200 x alitalia :-)