BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Presa la banda del buco La tecnica degli ovuli nello spaccio al dettaglio fotogallery

Attraverso un buco nella tasca dei pantaloni, gli spacciatori riuscivano ad infilarsi nella cavità del corpo delle cartucce di hashish. I due arrestati sono nordafricani, incensurati, in Italia da anni. L'operazione portata a termine dal commissariato di Treviglio.

Più informazioni su

Due spacciatori marocchini avevano escogitato un sistema per eludere i controlli della polizia. Spacciavano in bicicletta e grazie ad un buco nella tasca dei pantaloni, al momento del controllo, riuscivano ad infinarsi degli ovuli di hashish nelle cavità intime del corpo. Ma gli agenti della polizia del Commissariato di Treviglio sono stati più tempestivi e hanno smantellato il sistema. I due marocchini, di 51 e 49 anni, incensurati, da tempo in Italia, per arrontondare lo stipendio dopo che l’azienda era entrata in crisi avevano deciso di darsi allo spaccio di hashish.

Insospettabili, i due in bicicletta raggiungevano i clienti e consegnavano la merce. Ma se braccati dai controlli della polizia, riuscivano grazie ad un buco nella tasca dei pantaloni ad infilare nella cavità naturali gli ovuli di hashis.

"Grazie all’attività costante volta a reprimere lo spaccio i nostri agenti sono riusciti a svelare il sistema adottato dai due" commenta Giorgio Grasso, commissario capo della Questura di Bergamo. Dopo un primo fermo, racconta il commissario Angelo Lino Murtas, "abbiamo fermato il primo, poi lo abbiamo seguito e siamo arrivati al suo fornitore. La tecnica degli ovuli è sempre stata adottata per la cocaina e per il traffico internazionale, qui invece di troviamo di fronte ad un sistema di vendita al dettaglio. Le cartucce di hashish che venivano nascoste nella cavità del corpo al momento dei controlli". La tecnica era sempre la stessa, di fronte ad una volante della polizia, gli spacciatori si allontanavano il bicicletta, e in pochi istanti con destrezza riuscivano grazie ad un buco nella tasca a nascondere le cartucce di hashish. Lunedì sera però il blitz: inutile cercare di nascondere i dieci pezzi. Le manette erano già scattate. 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.