BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Il Papa incontra i migranti e scuote le coscienze: ‘Chi non piange per loro?’

Il primo viaggio di papa Francesco fuori dal Vaticano ha come meta Lampedusa, l'isola più a Sud d'Europa e porta d'accesso al Vecchio Continente per tanti migranti. Chiede scusa a nome della Chiesa, dell'Italia, dell'Europa e anche per quei "politici arroganti e razzisti"

Più informazioni su

di Pier Giuseppe Accornero

«Chi di noi ha pianto per questo fatto e per fatti come questo? Per la morte di questi fratelli e sorelle? Chi ha pianto per queste persone che erano sulla barca? Per le giovani mamme che portavano i loro bambini? Per questi uomini che desideravano qualcosa per sostenere le proprie famiglie?».

Le domande incalzanti di Papa Francesco da Lampedusa devono giungere al cuore di tutti, italiani ed europei, politici e cittadini, credenti e non, cristiani e musulmani.

È un salutare esame di coscienza per tutti quello che si leva dalla piccola isola, «porta d’Europa». Domande che attualizzano il racconto biblico. «Adamo, dove sei?» chiede Dio all’uomo dopo il primo peccato. «Caino, dov’è tuo fratello?» chiede Dio all’uomo dopo il primo omicidio.

Papa Francesco constata amaramente: «Siamo una società che ha dimenticato l’esperienza del piangere, del “patire con” in questa globalizzazione dell’indifferenza. Erode ha seminato morte per difendere il proprio benessere, la propria bolla di sapone. Domandiamo al Signore che cancelli ciò che di Erode è rimasto anche nel nostro cuore; domandiamo al Signore la grazia di piangere sulla nostra indifferenza, sulla crudeltà che c’è nel mondo, in noi, anche in coloro che nell’anonimato prendono decisioni socio-economiche che aprono la strada a drammi come questo».

Al campo sportivo Arena è accolto dalla folla al grido «Si vede, si sente, Francesco è qui presente». L’emozione è altissima.

La gente è arrivata con i traghetti e gli aerei. Sul palco l’altare colorato fatto con una lancia di pescatori e il leggio ricavato da un timone di un barcone affondato, come il pastorale e il calice. Tutto realizzato da artigiani locali. E Papa Francesco ha voluto partire proprio da Lampedusa, isola-simbolo, prima di ogni altro viaggio: a Rio de Janeiro per la Giornata mondiale della gioventù (22-29 luglio), poi Cagliari (22 settembre), Assisi (4 ottobre).

Gli immigrati morti in mare sono «come una spina nel cuore, che deve provocare la coscienza di tutti per cambiare concretamente certi atteggiamenti. Da quelle barche che invece di essere una via di speranza sono state una via di morte». Confida: «Quando alcune settimane fa ho appreso questa notizia, che purtroppo tante volte si è ripetuta, il pensiero vi è tornato continuamente come una spina nel cuore che porta sofferenza. E allora ho sentito che dovevo venire qui a pregare, a compiere un gesto di vicinanza, ma anche a risvegliare le nostre coscienze perché ciò che è accaduto non si ripeta».

Dice «una parola di sincera gratitudine e di incoraggiamento» agli abitanti di Lampedusa e Linosa, alle associazioni, ai volontari e alle forze di sicurezza, «che hanno mostrato e mostrate attenzione a persone nel loro viaggio verso qualcosa di migliore». Il pensiero va «ai cari immigrati musulmani che stanno iniziando il digiuno di Ramadan: la Chiesa vi è vicina nella ricerca di una vita più dignitosa per voi e le vostre famiglie».

L’omelia del primo viaggio da Papa ha i toni della forte denuncia: «La cultura del benessere, che ci porta a pensare a noi stessi, ci rende insensibili alle grida degli altri, ci fa vivere in bolle di sapone, che sono belle, ma non sono nulla, sono l’illusione del futile, del provvisorio, che porta all’indifferenza verso gli altri, anzi porta alla globalizzazione dell’indifferenza. Ci siamo abituati alla sofferenza dell’altro, non ci riguarda, non ci interessa, non è affare nostro… Ritorna la figura dell’Innominato di Manzoni perché la globalizzazione dell’indifferenza ci rende tutti “innominati”, responsabili senza nome e senza volto. Chiediamo perdono per l’indifferenza verso tanti fratelli e sorelle, ti chiediamo perdono per chi si è accomodato, si è chiuso nel proprio benessere che porta all’anestesia del cuore, ti chiediamo perdono per coloro che con le loro decisioni a livello mondiale hanno creato situazioni che conducono a questi drammi».

Le due domande di Dio – «Adamo, dove sei?» e «Caino, dov’è tuo fratello?» -«risuonano anche oggi, con tutta la loro forza. Tanti di noi, mi includo anch’io, siamo disorientati, non siamo più attenti al mondo in cui viviamo, non curiamo, non custodiamo quello che Dio ha creato per tutti e non siamo più capaci neppure di custodirci gli uni gli altri. E quando questo disorientamento assume le dimensioni del mondo, si giunge a tragedie come quella a cui abbiamo assistito». Anche oggi Dio chiede a ciascuno «Dov’è il sangue di tuo fratello che grida fino a me? Oggi nessuno si sente responsabile di questo; abbiamo perso il senso della responsabilità fraterna. Chi è il responsabile del sangue di questi nostri fratelli e sorelle? Nessuno! Tutti noi rispondiamo così: non sono io, non c’entro, saranno altri, non certo io. La domanda “Dov’è tuo fratello?” non è rivolta ad altri, è una domanda rivolta a me, a te, a ciascuno di noi. Quei nostri fratelli e sorelle cercavano di uscire da situazioni difficili per trovare un po’ di serenità e di pace; cercavano un posto migliore per sé e per le loro famiglie, ma hanno trovato la morte. Quante volte coloro che cercano questo non trovano comprensione, accoglienza, solidarietà! E le loro voci salgono fino a Dio».

Nella grande liturgia penitenziale Papa Francesco chiede perdono per la Chiesa, per l’Italia e l’Europa e anche per quei politici arroganti e razzisti, «per l’indifferenza verso tanti fratelli e sorelle, per chi si è accomodato, si è chiuso nel proprio benessere che porta all’anestesia del cuore e per coloro che con le loro decisioni a livello mondiale hanno creato situazioni che conducono a questi drammi» Chiede più volte «Ciò che accaduto non si ripeta, per favore». Rivolgendosi agli immigrati musulmani dice a braccio: «O‘ Scià», un intercalare tipico dei lampedusani che significa «Sei il mio respiro».

E poi: «Ho sentito recentemente uno di questi fratelli. Prima di arrivare qui sono passati tra le mani dei trafficanti che sfruttano la povertà degli altri per farne fonte di guadagno. Quanto hanno sofferto, ed alcuni non sono riusciti ad arrivare».

«Un grido forte contro l’indifferenza. Ora tocca ai politici riflettere sulle parole del Papa e tenerne conto» commenta mons. Franco Montenegro, arcivescovo di Agrigento, presidente della Commissione episcopale per le migrazioni e di «Migrantes». Sintetizza quanto auspicato da molte parti sull’incivile e abominevole legge Bossi-Fini, icona del ventennio berlusconiano-leghista: «È una legge da rivedere, una legge che è una gabbia. Dobbiamo smettere di pensare alle migrazioni come a una emergenza. È uno stato di fatto, una normalità da accettare. E riguarda anche tanti siciliani e italiani che emigrano. Se si adotta questa lente le cose dovranno cambiare. Spetta ai politici riflettere e tenerne conto».

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Alberto

    Il Papa è giusto che dica queste cose da guida spirituale, lo Stato italiano invece dovrebbe, come ogni stato sovrano, proteggere i propri confini e vietare l’ingresso a chi non ne ha il permesso. Invece ormai abbiamo perso ogni cognizione di sovranità e nazione.

  2. Scritto da rota bruno

    condivido le parole di Francesco, ed i giornalettisti italiani incluso bergamonews perchè non raccontano il caso KAZAKO dando il risalto che merita ? prima accolti come rifugiati politici e poi rispediti in patria madre e bimba di sei anni come ostaggi! oppure anche voi vi vergognate di essere italiani come mi sento io in questo momento ?

  3. Scritto da arpaleni

    altri 550 migranti arrivati nelle ultime 24 ore; evidentemente l’idea di andarsi a stabilire in vaticano piace a molti !!
    C’è solo da augurarsi che Bergoglio abbia lasciato un numero sufficiente di permessi di ingresso alla “città santa”, cosi come biglietti per i traghetti, i treni, cestini di viaggio, etc. etc.

  4. Scritto da Simone Fornoni

    “Incivile e abominevole” sono aggettivi adatti a chi regge la coda alla pulizia etnica che gli immigrazionisti, pensando di fregare la gente a dispetto dei fatti e dei numeri (vedi popolazione carceraria, vedi reati, vedi economia in crisi), cercano di far passare sotto formule come “ringiovanimento demografico”. L’immigrazione è un business socialmente devastante. E le leggi sono leggi, chi vi si scaglia addosso lancia messaggi criminogeni che sono vere e proprie istigazioni a delinquere.

    1. Scritto da Bah !?

      E quindi ?

      1. Scritto da Simone Fornoni

        E quindi chi ne fa arrivare 559 a botta promettendo loro il paradiso è complice degli scafisti, altro che lacrime di coccodrillo. Questi partono indisturbati – con le primavere arabe gli accordi bilaterali sono saltati – dopo aver sborsato un patrimonio. Poi lanciano sos tramite telefono satellitare, essendo poveracci e affamati come da copione a misura di gonzo. Malta fa finta di non vedere; la guardia costiera li va a prendere in acque internazionali. Si chiama colonizzazione. A che prezzo?

  5. Scritto da dd

    Rispetto questo Papa, ma qualcuno può dirci che cosa penseranno ora le orde di disperati da tutto il mondo?
    Sarebbe l’ora che la Chiesa spenda i suoi tanti soldi per aiutare davvero i poveri da questa parte e dall’altra del Mediterraneo, mettendo seriamente mano al proprio di portafoglio, e idem il resto d’Europa, tanto bravo a bacchettare noi Italiani, ma sordo e muto quando c’è da cacciare la grana per i “naufraghi” di Lampedusa.

    1. Scritto da dark

      Gent dd, d’accordo pienamente sull’Europa. Per la chiesa le chiedo: mi citi qualsiasi altra istituzione che fa e ha fatto quanto la chiesa per l’Africa e il “terzo mondo”. Questo papa per altro, ha iniziato a metter mano nello Ior, parlando chiaro e facendo.

      1. Scritto da Elio

        Questo papa piace anche a tanti laici, me compreso. Tuttavia si può dire che, ad esempio il papa polacco ha fatto spruzzare denaro in giro per il mondo per festini e festoni, giornate della gioventù, quando, con il costo di quella manifestazione si sarebbero potuti aiutare moltissimi poveri. Ogni partecipante che arrivava dai più remoti angoli del globo, spendeva una fortuna. Se quei soldi, li avessero dati ai missionari per curare i poveri, sarebbe stato più cristianamente corretto.

        1. Scritto da donovan

          Siamo tutti molto bravi a dire quello che gli altri dovrebbero fare…

          1. Scritto da Elio

            C’è qualcosa di falso, in quel che ho scritto? Mi denunci! Oppure ho soltanto scritto cose scomode a qualcuno? Cambia di molto, sa?