BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Nosferatu rivive nel giardino dell’Edonè

Domenica 7 luglio nel parco dello @ Spazio Giovani Edoné performance live sul film Nosferatu a cura del Press Trio.

Più informazioni su

Bergamo Film Meeting e Spazio Giovani Edoné Bergamo presentano Nosferatu. Sonorizzazione dal vivo del film Nosferatu il vampiro di Friedrich Wilhelm Murnau del 1922 a cura del PRESS TRIO: Luca Zotti chitarra elettrica, effetti, loops, giocattoli, Enrico Monaco contrabbasso, Paolo Benzoni batteria, percussioni, oggetti.

Domenica 7 luglio alle 21.30 nel parco dello @ Spazio Giovani Edoné di Bergamo in via Agostino Gemelli. Ingresso gratuito.

E quando egli oltrepassò il ponte, i fantasmi gli andarono incontro…

Al parco di via Agostino Gemelli a Bergamo, Spazio Giovani Edoné e Bergamo Film Meeting proseguono la loro collaborazione, proponendo la sonorizzazione dal vivo di uno dei più celebri classici horror: Nosferatu il vampiro (Nosferatu, eine Symphonie des Grauens) di Friedrich Wilhelm Murnau (Germania 1922, 61′).

Scritto da Henrick Galeen che s’ispirò liberamente al romanzo "Dracula" (1897) di Bram Stoker, cambiando nomi e posti per non pagare i diritti d’autore: dal suo castello nei Carpazi il vampirico conte Orlok, chiuso nel suo sarcofago, si fa trasportare nel 1838 a bordo di una nave al porto di Brema dove si diffonde la peste.

Soltanto il volontario sacrificio di una giovane donna (Nina o Ellen, secondo le edizioni) sconfiggerà il vampiro che si lascia sorprendere dalla luce dell’alba. È il più grande film vampiresco di tutti i tempi. Senza ricorrere alla manipolazione dello spazio, tipica dell’espressionismo, Murnau sceglie la concretezza e il rischio degli scenari naturali, ricorrendo a mezzi più specificamente cinematografici (angolazioni, montaggio, immagini in negativo, ecc.) e a una fitta rete di richiami metaforici e simbolici.

Nella sua complessità si presta a diverse letture in chiave psico-sociologica, metafisicoesistenziale, romantico-dostoevskiana, psicoanalitica. (Il Morandini) Chi assiste alla proiezione ha modo di cogliere e avvertire maggiormente le sfumature della storia, grazie all’apporto in contemporanea dei suoni che accompagnano la pellicola, dando così l’occasione allo spettatore di godere di una visione suggestiva del film e di assistere ad un vero e proprio concerto di musica.

http://www.bergamofilmmeeting.it/

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.