BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Palazzo Chigi ai ministri: “Pubblicate gli stipendi”

Palazzo Chigi tira le orecchie ai ministri del governo Letta: pubblicate i vostri redditi online, lo prevede la legge. Il sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio, Filippo Patroni Griffi, ha infatti inviato una circolare - per conoscenza al premier Enrico Letta - a ministri, vice ministri e Sottosegretari.

Più informazioni su

Palazzo Chigi tira le orecchie ai ministri del governo Letta: pubblicate i vostri redditi online, lo prevede la legge. Il sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio, Filippo Patroni Griffi, ha infatti inviato una circolare – per conoscenza al premier Enrico Letta – a ministri, vice ministri e Sottosegretari. Nel testo si ricorda che esiste norma di legge che prefvede che "le pubbliche amministrazioni pubblichino entro tre mesi dalla elezione (28 aprile-28 luglio) o dalla nomina dei titolari di incarichi politici i seguenti documenti e informazioni: l’atto di nomina o di proclamazione, con l’indicazione della durata dell’incarico o del mandato elettivo; il curriculum; i compensi di qualsiasi natura connessi all’assunzione della carica; gli importi di viaggi di servizio e missioni pagati con fondi pubblici; i dati relativi all’assunzione di altre cariche presso enti pubblici o privati, ed i relativi compensi a qualsiasi titolo corrisposti; gli altri eventuali incarichi con oneri a carico della finanza pubblica e l’indicazione dei compensi spettanti; le dichiarazioni previste dalla legge per il coniuge non separato e ai parenti entro il secondo grado ove gli stessi vi consentano".

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da nino cortesi

    Cinema. La realtà è spaventosa. Ma fino a quando potranno permettersi questi inauditi imbrogli?

  2. Scritto da Damiano

    Se l’arte del rinvio fosse monetizzabile, sai che ricchezza artistica aggiuntiva avremmo in Italia? Peccato che invece è la solita triste e costosa manfrina! Devono restituire i soldi ai cittadini, con un taglio deciso delle tasse, per aver svolto male il loro lavoro ed aver sprecato risorse pubbliche in maniera spregiudicata!!! Le tasse così elevate servono soltanto per alimentare i loro immeritati privilegi! Con tasse inferiori, altri stati (vicino a noi) stanno meglio!

  3. Scritto da gigi

    ennesima bluff del governo dell’inciucio del pidimenoelle. se tirate le somme a tutt’oggi non hanno fatto ancora nulla se non rinvii e anche i tagli alla politica sono arenati. non è il governo del fare ma del parlare a vanvera