BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

A Bergamo sbarca il super panino “albanese” Spodesterà il kebab?

Si chiama “Sufllaqe” ed è pronto a spodestare il kebab nella classifica dei panini più amati dai giovani. In Albania è amatissimo: classico panino pita, arrosticino di vitello o pollo, salsa tzazichi, patatine artigianali, pomodorini e cipolle, salse.

Più informazioni su

Si chiama “Sufllaqe” ed è pronto a spodestare il kebab nella classifica dei panini più amati dai giovani. In Albania è amatissimo: classico panino pita, arrosticino di vitello o pollo, salsa tzazichi, patatine artigianali, pomodorini e cipolle, salse. La novità fast food sbarca a Bergamo in via Moroni grazie all’intraprendenza di un giovane albanese trapiantato in città da tanti anni. Si chiama Abion Alikaj. “Ho deciso di mettermi in proprio dopo aver lavorato cinque anni alla pizzeria Nasti – spiega -. Lì ho imparato l’importanza della qualità italiana, l’utilizzo dei prodotti artigianali. Ho deciso quindi di importare un panino che nel mio paese è molto apprezzato: il sufllaqe. E’ molto semplice e preparato tutto da noi, sono il primo a proporlo in Italia. Ho comprato anche il brevetto per utilizzare il nome in esclusiva. So che in Austria e Germania sta andando forte”. Il panino albanese è la novità, ma Abion non dimentica anche di essere in Italia: “Certo, infatti prepariamo anche la pizza. Non potevamo ignorarla anche perché dopo aver lavorato tanti anni in una pizzeria è il minimo che potessi fare”.

Il discusso regolamento del commercio approvato dal Consiglio comunale ha imposto stop a nuovi kebab in centro, anche se il tribunale amministrativo ha espresso dubbi sulla legittimità del documento. “Il mercato è libero – continua Abion, io ho tutte le licenze possibili e immaginabili, non vedo perché il Comune dovrebbe dirmi qualcosa. E’ pur sempre un panino normalissimo: farina, acqua e lievito”. Per aprire il nuovo locale Abion ha dovuto fare i conti con la burocrazia italiana. “Ormai mi posso ritenere esperto di burocrazia. Sono in Italia da 14 anni e sto cercando di prendere la cittadinanza. Ormai è casa mia, anche se – commenta ridendo – mi ammazzano di tasse”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da fgfg

    Qualcuno sa dirmi il numero della via x trovare il locale??

    1. Scritto da Stefano

      Al numero 194-196 il locale si chiama Pizze & Delizie. Ci sono stato oggi, buono, bel locale e due ragazzi bravi e simpatici.

  2. Scritto da ValAl

    La pizza è davvero ottima, fatta a regola d’arte con pasta e condimenti di prima scelta!!! Il panino Sufllaqe con bocconcini di pollo o vitello speziato, salsine e verdure freschissime è un sorprendente mix di sapori mediterranei!!! Vale la pena di andare ad assaggiare entrambi!!! I piatti della tradizione Bergamasca sono indiscutibilmente ottimi..ma aprirsi a nuove esperienze culinarie potrebbe rivelarsi una gustosissima sorpresa, credetemi!!!!

    1. Scritto da Mohamed

      Ga rasù. Ma la domenica ASSOLUTAMENTE anche sudando polenta per forza! Buona domenica.

  3. Scritto da ValAl

    Ho assaggiato il panino ‘sufflaqe’. è davvero ottimo!!!

  4. Scritto da paolo

    Nel medioevo vietavano la lettura di alcuni libri. Grazie a questo abbiamo perso anni di civiltà. Da che mondo e mondo la miscellaneita’ arricchisce i popoli.

    1. Scritto da Civiltà

      La miscellaneità come la globalizzazione purtroppo regrediscono le culture dei popoli al livello piú basso.
      Roma portava nel mondo la sua civiltá, non i barbari portavano la loro a Roma.
      Questo vale anche nell’arte culinaria: tra un po’ non vorrei che si cominciassero a gustare cimici e scarafaggi perchè fa trend

      1. Scritto da Bertoldo

        Tutto il contrario. La cultura si evolve con gli scambi. Nel medioevo, Venezia (come le altre Repubbliche marinare) fu un centro culturale incredibile. Roma che si arroccò sulla propria supremazia religiosa e culturale divenne un borgo di pecorai. Normalmente i porti hanno più possibilitàculturali delle popolazioni delle valli isolate.

        1. Scritto da Gemello

          Tutto il contrario. Il Mediterraneo era la culla del vino ai tempi dell’impero roman. Poi l’Islam lo ha vietato e ora nel Nordafrica non c’è neppure una vite. Lo scambio arricchisce o impoverisce, dipende da chi comanda.

  5. Scritto da Andy baumwolle

    Ma il cibo ha frontiere?
    Ho girato il mondo e ho trovato cose molto buone ovunque
    E poi anche un panino di Mc nel posto giusto al momento giusto perché no….

    1. Scritto da dd

      tutto giusto tranne l ultimo concetto..

      1. Scritto da Andy baumwolle

        Perché?

  6. Scritto da graz

    trovo positivo che persone provenienti da altri paesi con abitudini alimentari diverse dalle nostre propongano le loro ricette su come elaborare un pasto.A proposito di cio’ alla festa dell’oratorio di Sabbio a Dalmine è stata inserita la cena Etnica, verranno proposti menù di alcune nazioni ( Colombia Marocco Bolivia ecc.)
    Aggiungo che in America non esisterebbe la pizza, gli spaghetti e altro se non avessero ai tempi accettato la cucina italiana ,

  7. Scritto da enrico

    Comunque, lunga vita al cibo di strada, gustoso, veloce ed economico. Che sia pane con la salamella o kebab non importa.

  8. Scritto da Il Naggio

    Praticamente buttare ingredienti senza senso fra due fette di pane. bah…
    W Pà e Strinù invece!

    1. Scritto da Daniele

      Senza senso qui c’è solo il tuo commento, quelli sono i classici ingredienti del gyros pita, il kebab della Grecia e dell’Albania… e nel complesso è molto meno pesante del tuo pà e strinù.

    2. Scritto da basta...

      Io di commenti così non ne posso più su quaesto giornale… Mr. Naggio, cortesemente, mi spieghi allora secondo lei perchè la pizza va bene, i devastanti ogm di McDonald’s si possono mangiare, oppure, visto che lei è bergamasco, come giustifica la tradizionale polenta con avanzi di pasquetta.

      1. Scritto da Il Naggio

        Beh ognuno a casa propria mangia ciò che vuole, polenta con avanzi compresi. Semplicemente il panino albanese è la brutta (o bella, a seconda di chi lo mangia) del kebab gia presente da anni in città.
        Perchè farci un articolo? Per fare una pubblicità velata al locale da dove proviene l’inventore? mah.