BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Frana in Val Taleggio: finalmente la passerella 80 mila euro “provvisori”

Dopo la frana del 19 maggio in Val Taleggio (l'ennesima negli ultimi anni), è stata posizionata da un paio di giorni una passerella provvisoria per moto e bici: costo 80 mila euro ma fra un mese, dopo i lavori, non servirà più.

Più informazioni su

E’ polemica in Val Taleggio dopo la frana di un paio di mesi fa e il posizionamento di una passerella ciclopedonale. Era la mattina del 19 maggio quando verso le 11 un passante si accorse che sassi ed rami si stavano staccando dalla valle sopra di lui. Da quel momento e per tutto il pomeriggio, il materiale franoso continuò a cadere, rovinando sulla strada provinciale della Val Taleggio. Un’arteria che collega le frazioni di Lavinia di Vedeseta e Peghera di Taleggio, a circa un chilometro dal centro di Peghera.

A distanza di quasi due mesi la strada non è ancora percorribile. E’ stata però posizionata e collaudata da pochi giorni una passerella ciclopedonale in ferro, che consentirà il passaggio di moto, ciclisti e pedoni. Un piccolo inizio, dato che le automobili per raggiungere diversi paesi della valle sono costrette a percorrere un tragitto di 45 km passando da Gerosa, Brembilla, Sedrina, Zogno, San Pellegrino e San Giovanni Bianco.

La riapertura e messa in sicurezza della strada è prevista per agosto, ma la cosa che più fa discutere è il prezzo di questa passerella, costata 80 mila euro, che sarà utilizzata solo per poche settimane. Questo tratto di strada è spesso soggetto a frane. In soli 50 anni è stato ricostruito due volte il ponte della Lavina.

Sommando i costi degli interventi attuali e quelli realizzati una decina di anni fa, si sarebbe potuto costruire un ponte tra le curve che precedono il canale, una cinquantina di metri più avanti dell’attuale passerella.

Nicolò Belloli

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da giuseppina fumagalli

    risiedo a peghera da 6 anni, la soluzione ottimale sarebbe un ponte, non passerelle provvisorie. in pochi mesi due crolli, a parer mio è solo uno spreco di fondi. e sopratutto un blocco per i villeggianti.
    Il turismo non ci guadagna, viceversa peggiora ulteriormente.