BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Favini ritrova Finardi “Il regalo più bello che potessero farmi”

L'ex tecnico della Primavera è tornato all'Atalanta come vice del Mago di Meda. Lo affiancherà nella prossima stagione, prima della pensione di Favini: "Sto bene e sono attivo ma gli anni iniziano davvero a farsi sentire".

Più informazioni su

"Se la società voleva farmi un regalo non poteva scegliere meglio". E’ con queste parole che Mino Favini, responsabile del settore giovanile dell’Atalanta, ha celebrato il ritorno a Zingonia di Giancarlo Finardi, storico allenatore della Primavera nerazzurra che dalla prossima stagione farà da vice al Mago di Meda. Il tecnico di Castel Rozzone, classe 1954, torna quindi sotto le Mura dopo sei anni passati a Cremona, prima come vice di Mondonico in Prima divisione e poi come responsabile del settore giovanile grigiorosso: "Per me essere di nuovoa Bergamo è una gioia immensa – ha commentato durante la conferenza stampa di presentazione -, lavorare con mister Favini sarà come sempre un piacere. Ringrazio la società per la grande opportunità che mi sta dando: ricevere la chiamata di Marino mi ha riempito di felicità, significa che qualche ricordo buono in passato l’ho lasciato pure io".

Finardi ha firmato un contratto di tre anni, così come Sergio Porrini e Valter Bonacina. E, assicurano i dirigenti, tra poco anche il "maestro" Bonifacio tornerà a Zingonia a pieno regime.

Ma a tenere banco è il futuro di Favini, sempre più vicino alla pensione. La conferma arriva direttamente dallo storico talent-scout nerazzurro, capace negli anni di lanciare nel calcio che conta un numero impressionante di grandi giocatori: "Il tempo passa e far finta di niente sarebbe poco obiettivo – ha spiegato -. Mi sento bene, sono attivo ma so benissimo che non ho più l’attenzione di un tempo. La scelta di richiamare Finardi è legata soprattutto al futuro dell’Atalanta, che, così facendo, si è assicurata tante soddisfazioni per gli anni che verranno".

Insomma, se non si tratta di una prova di addio poco ci manca. E anche se Gabriele Zamagna è pronto a giurare che Favini resterà a lungo con l’Atalanta ("E’ arrivato Giancarlo ma siamo sicuri che Favini sarà con noi per altri vent’anni") sembra sempre più chiaro che l’avvento di Finardi porterà al passaggio di consegne tra un anno, quando il Mago di Meda deciderà di godersi appieno la pensione. Del resto, con 77 anni sulle spalle e una lista di soddisfazioni lunga così, se la merita eccome.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da sergio

    e adesso cosa si inventerà il buon lucianone passirani?

    1. Scritto da sara

      La tua è proprio un’ossessione. Cerca di essere tifoso della maglia, non della dirigenza.

  2. Scritto da uno qualunque

    Un’ottima notizia in prospettiva futura. Speriamo che adesso, sia a livello dirigenziale, sia il il mister, decidano finalmente di dare fiducia a qualche giovane in prima squadra. Evitandoci di dover vedere altri Contini, Brienza, Scaloni ecc ecc, mentre i nostri giovani prendono il volo!