BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Atalanta, Rolando Bianchi è pronto a tornare: “Bergamo è la mia città”

L'attaccante di Albano nei prossimi giorni potrebbe far ritorno all'Atalanta, a distanza di nove anni dalla partenza da Zingonia: “Sarebbe una destinazione molto gradita, a Bergamo sono nato e cresciuto. Calcisticamente e non solo”, racconta Bianchi a Bergamonews

Più informazioni su

Se ne parla ormai da qualche settimana, se non da qualche mese, ma negli ultimi giorni la voce si è fatta sempre più insistente. Rolando Bianchi (30 anni) e la Dea potrebbero tornare ad abbracciarsi, a distanza di nove anni dalla partenza da Zingonia del figliol prodigo (e prodigio del vivaio nerazzurro): “Adesso sono ancora in vacanza e non so nulla di preciso –le parole di Bianchi a Bergamonews-, venerdì rientro e decideremo il mio futuro. Sicuramente l’Atalanta sarebbe una destinazione molto gradita per me. Bergamo è la mia città, dove sono nato e cresciuto. Calcisticamente e non solo”.

La scadenza del contratto con il Torino, ufficiale dal primo luglio, potrebbe spianare la strada verso Bergamo, visto che l’Atalanta non dovrebbe versare nemmeno un euro per assicurarsi l’attaccante: “La situazione è questa e ormai è nota da qualche settimana –spiega Bianchi-. Ma io sono sereno e aspetto di decidere cosa fare in modo tranquillo. Intanto mi godo il periodo di pausa e le vacanze”. Tra cui anche un soggiorno a Capri con il difensore atalantino Guglielmo Stendardo: “Willy è un caro amico e abbiamo trascorso qualche giorno insieme. E’ uno dei tanti nerazzurri che conosco e con cui ho un buon rapporto. E’ sempre un piacere tornare a Bergamo e rivederli”.

A Bergamo Bianchi potrebbe ritrovare anche Stefano Colantuono, già suo allenatore al Torino: “Anche con lui i rapporti sono ottimi. E’ un tecnico vincente, che ha sempre fatto bene ovunque sia stato. Sarebbe il massimo ritrovarlo”. L’Atalanta, però, ha già in organico un attaccante come German Denis, di alto livello e per caratteristiche molto simile a Bianchi: “Il Tanque è un grande giocatore e un autentico trascinatore per la squadra nerazzurra –conclude Bianchi-. E’ presto per dire se possiamo giocare insieme o meno. Questo lo vedremo a Zingonia, magari”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da rb

    Rolly, purtroppo, non arriverà perchè Marino vuole proteggere il suo pupillo (Denis). Dopo Pellizzoli e Donati ora perderà anche Bianchi il nostro DG. Complimenti!

  2. Scritto da nino cortesi

    Se si avvicina Rolly si allontana Denis. Aumentano i danè in cassa ed il nervoso che si mangeranno i tufosi.

  3. Scritto da biss65

    Le parole stanno a zero i fatti e le statistiche sono scritti……Ben venga Bianchi anche perchè l’anno scorso ha fatto 11 gol giocando la metà dei minuti di Denis, quindi meglio 2 bomber che uno solo (grande German)

  4. Scritto da Francesco

    Contentissimo del suo ritorno, ho visto diverse partite del Torino quest’anno, lui si che si sbatte quando è in campo. a differenza di una nostra punta che non torna neanche a pagarlo (chi ha detto denis?)

  5. Scritto da daniele

    sarebbe un grande colpo,soprattutto a parametro zero,segna spesso e lotta per la maglia. assolutamente si !

  6. Scritto da giuliopi

    Bianchi è stato un grande attaccante (oltre 100 reti in A) e anche ora sicuramente potrebbe essere utile ma partendo dalla panchina, cosa che non accetterà e lo capisco. Dispiace che ai tempi sia stato ceduto troppo in fretta.

    1. Scritto da Riccardo88

      oltre 100 reti in A?!? ma se ne ha segnate meno di 50! 45 per la precisione…

      1. Scritto da nino cortesi

        E giocando sempre da primo attaccante. Giocando le tante ed intere partite che ha fatto lui anche qualche pensionato potrebbe farli tenendo le mani in tasca.

        1. Scritto da mario

          Detto da lei che stravedeva per Parra……

  7. Scritto da robi

    Per favore no! Bianchi è solo un buon giocatore di Serie B…
    Può andar bene in panca come riserva di Denis, Livaja e Marilungo…
    9 anni fa Colantuono non l’ha voluto, lui voleva un sacco di soldi e se ne è andato incaxxato… mi sembra strano che possa tornare

    1. Scritto da Coppa Italia 62/63

      Per essere precisi,era Mandorlini che non l’aveva voluto,non Colantuono.

  8. Scritto da nino cortesi

    Abbiamo bisogno solo di gente che sappia giocare a calcio.