BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

A Mozzanica lezioni sulle manovre salvavita per i bambini

In uno stand appositamente allestito in occasione della “Notte Bianca”, sabato 6 luglio, gli istruttori spiegheranno le tecniche di disostruzione pediatrica

Durante la terza edizione della “Notte Bianca” organizzata dal comune di Mozzanica, sabato 6 luglio, gli istruttori della Croce Rossa di Caravaggio terranno una lezione interattiva gratuita sulle manovre salvavita.

L’iniziativa dà il via al programma estivo per la diffusione delle manovre per la disostruzione pediatrica. Si tratta di un argomento estremamente importante e delicato: ogni anno 50 bambini perdono la vita per l’ostruzione delle vie aeree ma, il più delle volte, questa tragica fine è dovuta al fatto che chi deve intervenire nei primi momenti talvolta non è formato o non sa cosa fare esattamente. Allo stand di Croce Rossa saranno disponibili bicchieri di frutta per rinfrescarsi e materiale promozionale per informare la cittadinanza sull’attività dell’associazione e raccogliere adesioni per il nuovo corso aspiranti volontari che comincerà nel mese di settembre. Sarà presente, inoltre, una squadra di soccorso pronta a intervenire in caso di necessità.

Secondo i dati Istat il 27 % delle morti classificate come accidentali nei bambini da 0 a 4 anni, soprattutto maschi, avviene per soffocamento causato da inalazione di cibo a di un corpo estraneo.

Il presidente della locale Croce Rossa Gianfranco Donati afferma: “Il nostro comitato intende promuovere, anche nell’area della bassa bergamasca, l’iniziativa ‘Asili sicuri: corso di manovre di disostruzione pediatrica nella prevenzione della mortalità infantile’, per rendere protetti tutti i luoghi dove vive o gioca un bambino”.

Donati sottolinea l’importanza di sapere cosa fare quando i bambini rischiano di soffocarsi dopo aver ingoiato un oggetto: “Chi li assiste nei primi momenti di solito non è preparato a queste manovre e può causare conseguenze disastrose come quella di tentare di afferrare direttamente il corpo estraneo nella bocca con le dita o di scuotere vigorosamente il bambino tenendolo per i piedi”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.