BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Congresso Pd Bergamo, inizia la competizione: Claudio Arici in campo

Se il Partito democratico è in stato confusionale, ecco un medico pronto a guidarlo. E non è un medico qualsiasi: Claudio Arici, direttore del pronto soccorso dell’ospedale Papa Giovanni XXIII, è pronto a candidarsi per la segreteria provinciale del Pd.

Più informazioni su

Se il Partito democratico è in stato confusionale, ecco un medico pronto a guidarlo. E non è un medico qualsiasi: Claudio Arici, direttore del pronto soccorso dell’ospedale Papa Giovanni XXIII, è pronto a candidarsi per la segreteria provinciale del Pd. L’ufficialità non c’è ancora, le voci però si fanno sempre più insistenti e l’annuncio potrebbe arrivare ad ore. Arici in questi anni è sempre rimasto dietro le quinte, ha portato le borracce a tanti candidati e ora prova a metterci la faccia in prima persona. Alle primarie del dicembre 2012 il medico ha sostenuto con convinzione Matteo Renzi, uscito sconfitto e ora intenzionato a riprendere le redini del partito dopo l’esito elettorale che ha portato al governissimo. Quella di Arici però non sembra essere una candidatura “renziana”, “rottamatrice” o, per dirla con un termine à la page, divisiva: dichiarazioni mai sopra le righe, propensione all’ascolto di tutte le parti in campo.

E’ ancora presto per eventuali sfidanti che si impegneranno nel congresso bergamasco, mentre a livello nazionale la competizione è già avviata. Fabrizio Barca, poche settimane fa ospite a Bergamo, ha fatto un passo indietro. Per ora i candidati ufficiali sono Giuseppe “Pippo” Civati, Gianni Cuperlo e Gianni Pittella, salvo ripensamenti. Potrebbero aggiungersi anche Deborah Serracchiani, Stefano Fassina e – perché no? – anche Gugliemo Epifani. Prima di discutere di nomi e programmi però il dibattito ruota attorno alle regole. Come e quando tenere il congresso? Chi potrà votare? Il vincitore delle primarie sarà anche candidato premier? Domande a cui dovrà rispondere una commissione creata ad hoc. Tra le priorità che interesseranno direttamente anche la Bergamasca c’è la necessità di “ribaltare la piramide”: partire dai congressi dei circoli e, a scalare, arrivare fino al nazionale. Non più il contrario. E’ l’unica certezza condivisa di una sfida che si preannuncia, come insegnano le ultime primarie, molto sentita all’interno del partito e non solo.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Vanessa

    Abbiamo più che mai bisogno di bravi medici … Non di nuovi politici!

  2. Scritto da paolot

    bene, una brava persona che ha un suo lavoro e non vive di politica

  3. Scritto da lotty

    mi dispiace che barca abbia ritirato i remi…è una persona preparata e leale, se ha preso una simile decisione significa che il partito non è unito.