BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Bergamo, sale l’inflazione A giugno pesano i rincari sugli alimenti

Nel mese di giugno gli aumenti su prodotti alimentari e bevande analcoliche spingono l’inflazione al +0,4% rispetto al mese precedente: sale il prezzo di carne bovina, pollame, prodotti ittici e patate.

Più informazioni su

Nel mese di giugno, l’indice dei prezzi al consumo per l’intera collettività, a Bergamo, registra una aumento dello 0,4% rispetto al mese precedente. Il tasso tendenziale (la variazione percentuale rispetto allo stesso mese dell’anno precedente), si attesta a +1,0%, in diminuzione rispetto all’ 1,3% registrato il mese scorso.

La variazione in aumento più marcata si registra, anche per questo mese, nella divisione di spesa dei “Prodotti alimentari e bevande analcoliche” nella quale si registrano forti rincari per le patate e la frutta e sensibili incrementi nella carne bovina, pollame e prodotti ittici, mentre sono in diminuzione la verdura e gli alimenti per i bambini.

Segue l’aumento che si riscontra nella divisione “Trasporti” dove ad incidere sono soprattutto i voli nazionali ed internazionali, il trasporto marittimo, la benzina e il gasolio per i mezzi di trasporto. I prodotti del comparto turistico determinano l’aumento della divisione “Servizi ricettivi e di ristorazione”, nonché di quella della “Ricreazione, spettacolo e cultura” unitamente a prodotti di svago, mentre scendono i prodotti elettronici. Crescita anche nelle “Bevande alcoliche e tabacchi” nel quale si registrano rincari per gli aperitivi alcolici birra e vini. Lieve apprezzamento per i “Servizi sanitari e spese per la salute”.

Deciso calo per Comunicazioni dove ad incidere sono soprattutto i ribassi per i servizi della telefonia mobile, in controtendenza apparecchi per la telefonia fissa e telefax. Lieve diminuzione per la divisione “Abbigliamento e calzature” dove il calo in alcuni prodotti è controbilanciato da aumenti nei servizi di riferimento.

Invariate le divisioni: “Abitazione, acqua, energia elettrica, gas e altri combustibili”, “Mobili, articoli e servizi per la casa”, ”Istruzione” e “Altri beni e servizi”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Gli Venisse....

    Visto che è stato rinviato l’aumento dell’iva qualcuno deve aver pensato che c’era spazio …….. Sarebbe interessante sapere quali stramaledette motivazioni ci sono all’origine dell’aumento degli alimentari visto che guardandosi i giro ….. non se ne vedono !!!!