BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Ardesio, pulizia ecosostenibile al laghetto di Valcanale

L’iniziativa, patrocinata dal Comune di Ardesio, si terrà sabato 29 giugno e l’inizio delle attività sarà attorno alle 11, con ritrovo alle ore 10.30

Più informazioni su

Ad Ardesio un gruppo di ricercatori, insieme a volontari di Legambiente, opererà una pulizia ecosostenibile del laghetto di Valcanale, con l’ausilio di canoe e di volontari subacquei.

Si tratta di un piccolo laghetto artificiale di circa 300 m di perimetro, mentre la profondità massima si aggira intorno ai 120 cm. Il fondo è impermeabilizzato con materiali plastici. Il fondale, venutosi a creare nel corso degli anni, al di sopra dello strato impermeabile, è formato prevalentemente da ghiaia e materiali fini, come sabbia e limo.

A prima vista, questo bacino lacustre, incastonato nel panorama orobico, dominato da alte vette e da bellissime faggete, appare un ambiente molto curioso e particolare. La dove non vi è vegetazione, il fondo presenta sgargianti colori che variano dal rosso, al viola, al blu, all’azzurro. Vi sono molte indicazioni bibliografiche che suggeriscono come il colore rosso o viola delle acque possa essere attribuibile a inquinamenti di origine antropica come coloranti e metalli o, in condizioni naturali, alla presenza di batteri fotosintetici o di particolari alghe unicellulari.

L’odore di idrogeno solforato che è percepibile in alcune zone della riva indica che tale colorazione è legata alla presenza di batteri fotosintetici sulfurei, caratteristici di alcuni laghi alpini meromittici come ad esempio quello di Cadagno. I laghi meromittici sono bacini privi di piena circolazione delle acque, cosa che di norma avviene nel corso dell’inverno quando le acque di superficie e del fondo hanno temperature simili (con il riscaldamento dell’aria lo strato superficiale delle acque si riscalda, mentre quelle in profondità rimangono fredde: in questa situazione le acque non si mischiano). Nei bacini meromittici la stratificazione perenne può essere dovuta al profilo della temperatura, sempre differente anche nei mesi freddi, o all’eccesso di sali dissolti nella acque che, sul fondo, ne aumentano la densità.

I dati preliminari raccolti da due biologi, Stefano Gomarasca e Riccardo Cabrini, indicano che l’intero bacino sia governato da delicatissimi equilibri ecologici tra le varie flore batteriche, la presenza di Caracee e l’immissione limitata di sostanza organica. Solo futuri studi e approfondimenti potranno aiutare a comprendere ancor meglio le particolarissime dinamiche che reggono l’ecologia di questo piccolo, ma importante “gioiello orobico”.

La giornata individuata è sabato 29 giugno e l’inizio delle attività sarà attorno alle 11, con ritrovo alle 10.30. L’iniziativa è patrocinata dal Comune di Ardesio.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.