BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Salvate le rondini: al via il censimento, segnalate i nidi

Contro la crisi che colpisce le rondini, tra le specie più conosciute e amate dal grande pubblico, la LIPU lancia una grande iniziativa nazionale chiedendo al vasto pubblico di segnalare i nidi attivi di rondine e balestruccio attraverso il sito www.ornitho.it.

Più informazioni su

Contro la crisi che colpisce le rondini, tra le specie più conosciute e amate dal grande pubblico, la LIPU lancia una grande iniziativa nazionale chiedendo al vasto pubblico di segnalare i nidi attivi di rondine e balestruccio attraverso il sito www.ornitho.it, il progetto che coinvolge 4mila tra ricercatori, birdwatcher, fotografi, gruppi e associazioni. Il progetto, che ha visto finora l’inserimento di 4 milioni di dati, punta a compilare entro il 2015 un Atlante nazionale degli uccelli nidificanti e svernanti in Italia.

In pratica, chiunque può segnalare (ma senza disturbare la nidificazione), entro fine giugno, la presenza di nidi attivi di rondine e balestruccio sul sito web di Ornitho, aggiungendo eventualmente anche le tendenze osservate negli ultimi anni.

La rondine, come noto, è una specie legata soprattutto agli spazi rurali, alle stalle e alle cascine, mentre il balestruccio frequenta abitualmente le zone edificate, anche in aperta campagna.

L’iniziativa punta a raccogliere dati utili per capire quali dinamiche sono in atto considerato che, tra il 2002 e il 2012 (dati progetto Mito2000), la rondine è calata del 19% e il balestruccio del 25%, per uno stato di conservazione giudicato “cattivo” (per la rondine) e “inadeguato “(per il Balestruccio).

Lo strumento ha anche una grande validità didattica e formativa in quanto avvicina il pubblico alla conoscenza e al rispetto degli uccelli selvatici (per facilitare il riconoscimento delle specie è presente una scheda alla pagina web http://files.biolovision.net/www.ornitho.it/pdffiles/news/Balestruccio_e_Rondine-1961.pdf).

Le rilevazioni che il pubblico registrerà sul sito di Ornitho potranno anche evidenziare gli effetti negativi che le anomalie climatiche della scorsa primavera hanno avuto sulla nidificazione del 2013, durante la quale, a causa delle basse temperature registrate soprattutto nel mese di maggio, molte nidiate sono andate perdute. Naturalmente, alcune differenze potranno essere rilevate da regione a regione, considerate le differenze di latitudine, i differenti habitat e le zone bioclimatiche che contraddistinguono il nostro Paese.

“Con questa iniziativa – dichiara Claudio Celada, direttore Conservazione Natura LIPU-BirdLife Italia – vogliamo coinvolgere il grande pubblico nell’osservazione di specie che vivono a stretto contatto con l’uomo e che hanno subito, e continuano a subire, un grave declino. I dati raccolti potranno essere molto utili per capire le dinamiche in atto in questi ultimi anni e la consistenza numerica delle popolazioni, che, come sappiamo da studi e ricerche effettuati, soffrono di un marcato calo”.

La rondine (Hirundo rustica), legata agli ambienti agricoli, presenta parti superiori interamente scure, fronte e gola rossicce, coda lunga e biforcuta. Costruisce nidi a coppa, nella parte superiore interamente aperti, utilizzando fango impastato con fili d’erba e paglia.

Il balestruccio (Delichon urbica) è una piccola rondine (della famiglia degli Irundinide) legata soprattutto alle zone edificate: è scuro nelle parti superiori, a eccezione del sopracoda bianco, ed è interamente bianco sotto. Ha la coda corta e poco incavata. I nidi sono costituiti da fango granuloso e sono interamente chiusi a eccezione del foro d’ingresso messo nella parte superiore. In periodo riproduttivo, il balestruccio, forma spesso vere e proprie colonie formate spesso da decine di nidi allineati sotto gli spioventi dei tetti.

Rondini e balestrucci non possono essere confuse con i rondoni comuni, che sono quasi interamente neri.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da isavegan

    Anche i contadini nelle campagne distruggono i nidi perche’ gli escrementi sporcano il loro pavimento lucido!

  2. Scritto da Aristide

    C’è chi distrugge i nidi di rondine — privati cittadini e amministratori pubblici — perché dove c’è un nido di rondine, lì sotto, tirando una perpendicolare dal nido al pavimento, si trovano tracce di deiezione rondinina (vulgo: cacca di rondine). Che male c’è? — dico io. Basta passare il cencio, ogni tanto. Lorsignori, invece, distruggono.

  3. Scritto da Sgolondrina

    C’è da ridere! Ma dove sono le stalle, i letamai, le marcite, i fossi d’acque ed erbe, le buche fangose, i moscerini che al tramonto s’alzavano a colonne, le zanzare, gli sciami di formiche, afidi, efemere ? Da anni non si sente più cantare un’allodola in cielo né una quaglia nei prati. Che notti ci sono rimaste senza usignoli? Solo corvi, taccole, cornacchie e qualche gazza. Anche i passeri sono rari! Negli archivi Rai, qualche documentario sarà rimasto?

  4. Scritto da spillo

    ma stiamo scherzando oggi sono diventati tutti laureati e come vedono che gli si sporca il balcone distruggono i nidi questi
    LAUREATI.