BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Riapre “La Casa di Marta” Struttura d’accoglienza per madri sole con figli

“La Casa di Marta” è ormai pronta ad accogliere la prima famiglia. La struttura della parrocchia di Boario è stata ristrutturata anche grazie alle erogazioni di Fondazione della Comunità Bergamasca Onlus e ora si avvieranno le procedure per ospitare il primo nucleo familiare in difficoltà.

Più informazioni su

“La Casa di Marta” è ormai pronta ad accogliere la prima famiglia. La struttura della parrocchia di Boario (frazione di Gromo, alta Valle Seriana) è stata ristrutturata anche grazie alle erogazioni di Fondazione della Comunità Bergamasca Onlus e ora si avvieranno le procedure per ospitare il primo nucleo familiare in difficoltà.

Venerdì 7 giugno alle 11, la “Casa di Marta” sarà inaugurata alla presenza del parroco don Osvaldo Belotti e di tutta la comunità locale co-protagonista del progetto, insieme alla cooperativa sociale Il Cantiere. Tra gli obiettivi dell’iniziativa c’è la promozione dei processi di protezione del nucleo familiare in attesa di idoneo collocamento, il sostegno alla famiglia favorendone l’autonomia e l’auto-organizzazione, il ripristino e il benessere relazionale tra madre e figli e il coinvolgimento e la sensibilizzazione della comunità di Boario sul senso della missione cristiana e dell’impegno di cittadinanza.

Il progetto offre l’esperienza e la collaborazione consolidata fra la Parrocchia di Boario e la cooperativa sociale Il Cantiere, con la disponibilità ad accogliere, con i criteri del pronto intervento, nuclei familiari costituiti da mamme e bambini segnalati dai servizi del territorio. Le condizioni di vita di un piccolo paese di montagna e le risorse del gruppo di volontari indicano che i tempi dell’accoglienza per singola famiglia non vada oltre i sei mesi. Almeno in questa prima fase iniziale sarà ospitata un nucleo familiare alla volta.

In realtà il progetto della “Casa di Marta” non nasce oggi. Già dalla metà degli anni ’70 la comunità parrocchiale si è attivata per l’accoglienza di soggetti in età adulta in condizioni di disagio. Con la ristrutturazione dell’appartamento di via Dosso 3 (20 mila euro sono arrivati dalla Fondazione della Comunità Bergamasca Onlus), si intende rilanciare questa esperienza, in particolare per madri sole con figli. Nel progetto sarà coinvolta anche la comunità di Boario, chiamata a prendersi cura delle famiglie ospitate.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.