BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Josefa Idem si è dimessa dopo lo scandalo Ici

Dimissioni. Il ministro alle Pari opportunità Josefa Idem ha deciso di dimettersi dopo il colloquio avuto con il presidente del Consiglio Enrico Letta lunedì pomeriggio.

Più informazioni su

Dimissioni. Il ministro alle Pari opportunità Josefa Idem ha deciso di dimettersi dopo il colloquio avuto con il presidente del Consiglio Enrico Letta lunedì pomeriggio. L’ex campionessa di canoa nei giorni scorsi è stata investita dallo scandalo sui presunti abusi edilizia nella sua abitazione- palestra, nella quale, sempre lunedì sono iniziati i controlli della polizia Commerciale. Ma la sedia lasciata vuota non sarà occupata da un singolo successore. Infatti, Enrico Letta, ha dichiarato di volere distribuire le deleghe tra gli altri ministri. Da quanto si è alzato il polverone sui mancati pagamenti dell’Ici e sui presunti abusi edilizia sulla sua palestra alle porte di Ravenna trasformata in prima casa, il ministro confida di «avere pensato più volte alle dimissioni». «Come Ministra – ha affermato Josefa Idem – ho tenuto duro in questi giorni perchè in tanti mi avevano detto che questi momenti fanno parte del "gioco"». Ma se la figura pubblica ha retto il colpo della messa a nudo della propria vita da parte dei media e degli schieramenti politici «La "persona" Josefa Idem – ha precisato – , già da giorni invece, si sarebbe dimessa a causa delle dimensioni mediatiche sproporzionate della vicenda e delle accuse aggressive e violente, nonchè degli insulti espressi nei suoi confronti».

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Vanessa

    Sta a vedere che adesso è colpa di chi l’ha aspramente attaccata…

  2. Scritto da Vince

    Ma scusate; chi non sente i brividi ascoltando in nostro Inno Nazionale, come puo’ prendere a cuore i problemi del nostro Paese?, per questo non si tassano per sostenerlo.
    Certe cariche Istituzionali, le accettano solo per denaro.

    1. Scritto da spillo

      I BRIVIDI ascoltando L’INNO ITALIANO oggi li sentono tutte quelle
      persone parassitarie e clandestine mantenute dal governo chi invece si fa un mazzo lavorando ha meno diritti di questi
      un nulla facente ha diritto alla sanità come uno che lavora e ha detrazioni assurde in busta paga se poi dovesse far visite o esami
      in ospedale oppure prendere medicinali deve pagare anche i vari
      TIKET e dovrei sentire i brividi sentendo L’INNO
      sento i brividi mantenendo questi incapaci.

  3. Scritto da Malpensante

    Chissà se nello sport è “pulita”… a 48 anni ha contrastato avversarie di 25-30 anni…

  4. Scritto da lotty

    giuste dimissioni, non voglio difenderla ma accostare il suo nome a quello di berlusconi , come ha fatto il bugiardino in prima pagina, mi pare troppo!

  5. Scritto da mario59

    Potrà anche ritenersi offesa è nel suo diritto, ma se veramente non ha pagato le tasse IMU o ICI… l’insulto lo ha fatto lei a tutti gli Italiani che pagano le tasse, soldi che vengono utilizzati anche per mantenere il suo mega stipendio, compreso dei vari privilegi di cui beneficiano i ministri della Repubblica.

    1. Scritto da ci provo..

      L’ICI, a differenza dell’IMU, permetteva che il nucleo familiare (padre, madre e bortulì) avessero più residenze. Succedeva spesso che i figli avessero residenza diversa dai genitori ad esempio. L’IMU lo vieta esplicitamente. Era una di quelle aree di grigio che il nostro sistema ultraregolamentato concedeva e non c’è nulla di strano che il consulente avesse consigliato alla Idem di conservare la residenza se abitava la casa e vi ci si allenava tutti i giorni. Il resto è demagogia.

      1. Scritto da La verità fa male

        Non si è dimessa solo per la storia dell’ICI ma anche per altri motivi 1) un presunto abuso edilizio nell’accatastamento della palestra 2) la palestra risultava una casa (anzi per essere precisi “la casa principale”) eppure gli atleti che la frequentavano pagavano una somma 3) era stata assunta dal marito e poi licenziata per il periodo esatto per scaricare gli oneri INPS sul Comune di Ravenna 4) come assessore accumulava molte assenze. Se queste sembrano bazzecole….

  6. Scritto da LISA64

    sproporzionate della vicenda e accuse aggressive?vergogna
    vai in germania a fare queste cose