BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“Basta rifiuti per strada” La battaglia del sindaco per fermare il degrado

Paolo Pelliccoli ha apposto lungo via Al Castello una serie di cartelli firmati vicino ai numerosi cumuli di rifiuti lasciati da chi la sera bivacca nella zona e ha scritto una lettera per risolvere la situazione anche con l’aiuto dei cittadini

Paolo Pelliccioli è un sindaco con un forte senso civico. Al punto che, esasperato dalla situazione, ha deciso di scendere in strada in prima persona per fermare il degrado sul colle di via al Castello. Il primo cittadino mozzese, stufo dei numerosi rifiuti lasciati nella zona, nei giorni scorsi ha preso in mano la situazione.

Pelliccioli ha apposto lungo la via una serie di cartelli vicino ai cumuli di rifiuti, con diverse frasi per cercare di scoraggiare i maleducati che, soprattutto dopo serate passate a bivaccare nella zona, lasciano i loro avanzi sull’asfalto. “Perché il paese deve subire l’avanzo del tuo divertimento?”, si legge su uno di questi. Oppure “Vale la pena di avere un paese pulito o è una battaglia persa?”, o ancora “Anche questa è casa di tutti, trattala come tua”.

Ma non solo, Pelliccioli ha anche diffuso una lettera per cercare di risolvere la situazione anche con l’aiuto dei cittadini mozzesi:

"Cari Cittadini, ho deciso di scrivere questa lettera aperta in quanto ciò che sta succedendo sul monte è qualcosa che mi amareggia molto: vedere che ogni mattina via al Castello è piena di bottiglie, cartoni e quant’altro significa che non siamo stati capaci di educare i nostri ragazzi ad avere a cuore il nostro paese, al senso civico verso ciò che è di tutti.

Gli sforzi che stiamo compiendo anche come Amministrazione per sensibilizzare tutti a cercare di valorizzare e rispettare le bellezze naturali del nostro paese, sembrano inutili e credo che non sia sufficiente, come peraltro già fatto, mandare le forze dell’ordine a verificare: io stesso in queste sere sono andato e ho incontrato questi ragazzi chiedendo loro di avere rispetto, di non lasciare in giro rifiuti ma di usare gli appositi cestini, ma a quanto pare è del tutto inutile.

Ho lasciato anche alcuni “messaggi” scritti per cercare di sensibilizzarli ma non credo che risolvano il problema. Penso che sia necessario uno sforzo che tutti noi come comunità, che ha tra le sue priorità quello dell’educazione verso le nuove generazioni, dobbiamo fare verso i nostri figli per esortarli ad avere comportamenti che siano di attenzione e di cura verso ciò che appartiene a tutti!

Credo che tutto questo non sia frutto di un disagio o una forma di protesta, ma semplicemente maleducazione e scarso senso civico: non liquidiamo la cosa pensando che tutto sommato sono solo ragazzi perché è proprio questo il punto dolente e se non siamo stati in grado di trasmettere loro passione, attenzione e rispetto credo che tutto ciò vada a svantaggio del futuro del nostro paese vanificando gli sforzi di tutti coloro che negli anni hanno lavorato per cercare di renderlo sempre più bello e vivibile per ciascun cittadino.

È uno sforzo che chiedo a tutti voi di compiere insieme a me per cercare non solo di risolvere il problema contingente, ma per continuare ad educare tutti insieme i nostri figli a comportamenti e atteggiamenti che siano per il bene di ciascuno e di tutti". 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da chicco Plebani

    Sicuramente ci sono delle situazioni che vanno migliorate e sulle quali stiamo intervenendo anche in questi giorni: un conto è cercare di risolvere le varie contingenze, un conto è pensare che c’è sempre qualcos’altro di più importante. Grazie comunque per i consigli e le segnalazioni che verranno sicuramente tenuti in considerazione: anche questa è a suo modo un innovazione…

    1. Scritto da forza

      … io direi che le “innovazioni” si avranno nel momento che verranno davvero affrontati i problemi e risolti! Non vedo nessuna decisione e risolutezza nell’affrontare i veri problemi del paese: sicurezza e benessere vero dei cittadini… attenzione che l’azione sembra sempre più quella delle amministrazioni precedenti ma con più “senso estetico”… Gli elettori si ricorderanno dei problemi risolti, non delle dichiarazioni della volontà di risolverli. Buon lavoro!

  2. Scritto da Chicco Plebani

    questa iniziativa non cancella o sostituisce le manutenzioni che fanno parte della normale gestione o altre attenzioni da porre sul territorio: il calendario dei tagli d’erba dei parchi viene fissato all’inizio dell’anno ma programmato e rivisto di volta in volta a secondo delle esigenze (per esempio manifestazioni che si svolgono in questi spazi) o della reale necessità (segue..)

  3. Scritto da Giacomo G.

    Bravo Paolo avanti così, ti vogliamo anche alla zona bowling e Tavani, qui è guerra non battaglia,con droga e spacciatori,prostitute e pericolosi protettori,alcool e vetri dappertutto, bande di ragazzotti e motori a manetta, non ne possiamo più!Se sei amareggiato per il colle pensa che noi alla sera siamo reclusi e alla mattina facciamo lo slalom tra i rifiuti vari,da anni è così!Dopo le ronde sul colle organizza con la comm. sicurezza anche le ronde da noi, qui non bastano i cartelli

    1. Scritto da forza

      Siamo tutti con te Paolo!! Ci voleva un sindaco coraggioso che prende i problemi di petto, che non si fa intimidire dalle battaglie!! Utilizza le risorse che hai creato, commissione sicurezza in primis e protezione civile!
      Forza, trascinatore, siamo tutti con te!!

  4. Scritto da Lucas56

    Penso che decidere di candidarsi da pubblico amministratore sia oggi una condizione da pazzi o da eroi. Tertium non datur.
    Solo un eroe o un pazzo può accettare una responsabilità verso la collettività accollandosi ogni volta critiche come quelle che qui leggo.
    Il Sindaco Pelliccioli ha a cuore il suo paese e agisce disinteressatamente con le risorse e gli strumenti,pochi, di cui dispone. Sono grato a lui e a coloro che ancora credono nel Paese, lavorando ogni giorno per il bene comune.

  5. Scritto da M.M.

    Lodevole iniziativa, dopo aver ripristinato l’ordine e la pulizia sul colle, prego e consiglio il mio sindaco di fare altrettanto con le signorine che in abiti succinti esercitano la loro professione, divertimento per molti a quanto pare, sotto le case dei mozzesi sulla Villa d’Almè-Dalmine, invitando loro a non sporcare con i loro lavoro, di preparare cartelli con richiami sul rispetto civile ed ambientale.Si rechi con pettorina catarifrangente e la suggerisca anche per le operatrici.Buonasera

  6. Scritto da Pietro

    forse perchè i tagli dell’erba dei parchi hanno una programmazione ben precisa definita dal contratto pluriennale redatto dall’Ufficio Tecnico? E’ dura arrivarci vero? E la calendarizzazione non può prevedere tanti tagli quanti ne richiede una stagione piovosa come quella di quest’anno. E se l’anno dopo ne servissero di meno…giù a criticare per lo spreco di risorse per tagliare l’erba.

    1. Scritto da matteo

      una “calendarizzazione” che non prevede un taglio all’inizio dell’estate, ossia la stagione in cui vengono usati maggiormente i parchi, è una calendarizzazione fatta male. E non c’è pioggia o ufficio tecnico che tengano.

      1. Scritto da oreste

        tagli fatti a fine maggio… ovvero inizio estate. Forse ce ne saranno altri?

    2. Scritto da M.M.

      risposta tirata per i capelli, a forza di tirarli uno è rimasto senza.E quando nevica?Ad ogni nevicata si pulisce, se l’erba cresce irregolarmente che si provi a gestirla, l’erba alta e il verde trascurato sono fonti di pericoli, anche per la visibilità stradale, gli incendi e il proliferare dei topi.Se l’erba è bassa non si taglia, revisionate le modalità d’intervento anche per risparmiare.Avete revisionato i contratti telefonici e avete lo smartphone pagato da noi, fate questa Innovazione

      1. Scritto da Pietro

        Vede signor. Marco.M. (o M.M. se preferisce) equiparare lo spazzamento neve (di cui lei è stato “maestro” di gestione durante la Sua passata amministrazione) con il taglio dell’erba è si tirato per i capelli (si fa per dire no?). Ho chiamato all’ufficio di Mozzo e quello che hanno risposto è quello che ho riportato e aggiungo che mi hanno detto che il taglio è stato fatto a fine maggio e che la programmazione è la stessa di quando… amministrava Lei. Solo che allora Lei non si lamentava.

        1. Scritto da M. M.

          Difesa d’ufficio e caduta di stile. Perché siete così astiosi e sprezzanti da pensare che le osservazioni pervengano da una parte politica e non da semplici cittadini?Non pensavo foste così prevenuti ed ideologizzati e state molto sulla difensiva, guardate il passato ma non vedete il futuro.Complimenti per l’autogol da dilettanti, la prossima volta prima di rispondere chiami i suoi neuroni, non l’ufficio tecnico

          1. Scritto da pietro

            sarà ma da cittadino ho pensato fosse più ovvio sentire l’ufficio competente (e firmatario dei contratti) invece che attaccare senza senso il politico. Ma visto che Lei da cittadino (ex politico, forse) mi ha indicato un’altra strada, mi sono adeguato. A proposito di neuroni: da che pulpito la “caduta di stile”. Tra l’altro usa il “siete”, “foste”.. non le è mai passato per la testa che possano esserci cittadini che davvero ragionano con la loro testa, vero?

      2. Scritto da Antonio

        L’eccesso di burocratizzazione, il ragionare soltanto per articoli di codice e circolari, il mancato uso di buon senso (e quindi di cervello), portano a una siffatta società! Non conosco la vostra realtà, ma, da ciò che leggo, mi sento di condividere in pieno ciò che scrive lei!

  7. Scritto da Preoccupato

    Ma allora le telecamere che si vedono in quel luogo non funzionano? Sono molto preoccupato, e se non si limitassero a lasciare rifiuti ma facessero cose illegali? Tutte le telecamere sono dunque spente? Commissione sicurezza, dove siete? Per far rispettare la legge ci sono i vigili e i Carabinieri, caro sindaco.

  8. Scritto da Luca

    Se il sindaco ha un forte senso civico perchè non provvede anche a tagliare l’erba dei parchi di Mozzo che allo stato attuale sono inutilizzabili?