BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Italia pazza e fortunata Va sotto 2-0 e soffre poi piega il Giappone 4-3

In una partita dalle emozioni infinite gli azzurri di Prandelli piegano gli asiatici e conquistano il pass per la semifinale. Decisa la zampata di Giovinco a 4' dal termine. Sabato il Brasile.

Tre punti servivano per la semifinale e tre punti sono arrivati. Ma dell’Italia vista in campo a Recife c’e gran poco da salvare: per piegare i Giappone, infatti, sono serviti una zampata di Giovinco al 41′ della ripresa e, soprattutto, una grandissima dose di fortuna.

Gli azzurri, in una delle gare più importanti della manifestazione, sfoderano forse la peggior prestazione dell’era-Prandelli. Nella prima mezz’ora del primo tempo nulla gira per il verso giusto: la difesa soffre la velocità dei giapponesi, il centrocampo gira a vuoto, Pirlo è il lontano parente del calciatore visto contro il Messico, l’attacco non trova sbocchi, la condizione fisica è letteralmente sotto terra e gli uomini di Zaccheroni sembrano indemoniati, quasi meglio del Giappone più famoso che la storia del calcio ricordi, quello degli intramontabili Holly e Benji.

Così, guardando cronometro e risultato, ci si accorge che gli asiatici sono avanti 2-0 dopo 33′. Più che meritatamente. Ma l’Italia è l’Italia, ha una semifinale da conquistare e al 41′ la sveglia la suona De Rossi con un colpo di testa da campione su corner ben battuto da Pirlo. E’ l’inizio di una riscossa che prosegue con l’avvio della ripresa, con il guizzo di Giaccherini, l’autogol di Uchida e con il calcio di rigore (regalato è forse dire poco) che Balotelli trasforma, come sempre.

Fine del match? Tutt’altro. Il Giappone, che nel giro di 10′ ha visto non solo sfumare il doppio vantaggio, ma addirittura gli azzurri passare alla conduzione del risultato, non ci sta. E ricomincia a dominare. Finché Okazaki trova il meritatissimo gol del 3-3.

A questo punto nessuno si vuole accontentare del pareggio. Soprattutto gli uomini di Zaccheroni che schiacciano l’Italia nella propria area e creano una valnga di palle-gol sventate dai legni (se ne contano tre nel giro di pochi minuti, due nella stessa azione) e da Buffon. Poi, a 4′ dal termine, la splendida invenzione di De Rossi, l’assist al bacio di Marchisio per l’accorrente Giovinco (entrato da poco al posto di uno spentissimo Pirlo) regalano agli azzurri tre punti tanto immeritati quanto preziosi.

Sabato sera c’è il Brasile. Per evitare figuracce servirà sicuramente un’altra Italia.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da nino cortesi

    Vediamo gli errori di questa nazionale. Nei centrali di difesa manca Ogbonna, molto meglio di Bonucci. A centro campo ci sono troppi vecchi dal passo grave e tutti insieme non possono coesistere (Pirlo, De Rossi, Aquilani, Montolivo) . Sulla fascia sinistra possono coesistere Di Sciglio e Peluso. Si gioca ad una punta sola, Balotelli. Cerci è giocatore di serie B.

  2. Scritto da riccardo

    ci hanno fatti neri, a parte Balotelli che lo è già…

  3. Scritto da agostino

    lazarù !!!

  4. Scritto da ugo

    i cronisti sono due incompetenti , i 2 rigori contro l’italia c’erano solo gli storditi possono negare per il resto complimenti al giappone, l’italia deve solo contare su individualità a sprazzi

    1. Scritto da pota

      l’unico rigore che non c’era è quello che hanno dato all’Italia

  5. Scritto da Luciano

    L’Italia di stanotte prende 4 pappine se gioca così col Brasile! Inguardabili per lunghi tratti di partita.

    1. Scritto da poeraITALIA

      lei è ottimista vero??

      1. Scritto da Luciano

        Lei, invece, è realista…. vero??