BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“Nulla contro la Kyenge, ma il suo ministero è uno spreco inaccettabile”

Fin al giorno del suo insediamento il ministro Cècile Kyenge è stata tra gli esponenti più bersagliati dell’esecutivo Letta. L’ultima critica autorevole arriva dal politologo Giovanni Sartori che sbotta “Cosa ne sa di ius soli?” Se lo chiede anche Toni Iwobi: nigeriano, padano, assessore di Spirano, che ha sfiorato l’elezione in Consiglio regionale alle scorse elezioni.

Fin al giorno del suo insediamento il ministro Cècile Kyenge è stata tra gli esponenti più bersagliati dell’esecutivo Letta. Lo Ius soli non piace alla Lega Nord, a larga parte del Pdl e trova oppositori anche all’interno del Movimento 5 Stelle e dello stesso Pd. L’ultima critica autorevole arriva dal politologo Giovanni Sartori, che in un fondo pubblicato dal Corriere della Sera chiede: “Cosa ne sa di «integrazione», di ius soli e correlativamente di ius sanguinis?”

Se lo chiede anche Toni Iwobi: nigeriano, padano, assessore di Spirano, che ha sfiorato l’elezione in Consiglio regionale alle scorse elezioni. Quando nella Lega Nord si parla di integrazione (a dire il vero non è un argomento molto in voga negli incontri del Carroccio) il pensiero ricorre ad Iwobi, ormai diventato il “ministro ombra” in salsa padana.

Non c’è giorno in cui non venga scatenata una polemica contro il ministro Kyenge. Settimana scorsa una collega leghista è stata espulsa per aver scritto un commento pesante. Da leghista e da immigrato, come la vede? “Io non ce l’ho con la Kyenge, ce l’ho con il ministero di cui è titolare. Istituire il ministero per l’Integrazione è una scelta che non condivido assolutamente. E’ uno spreco inaccettabile in un momento in cui tanta gente deve affrontare sofferenze inimmaginabili”.

Non serve l’integrazione? “Certo che serve, ma non si attua tramite un ministero. Quella di integrarsi è una scelta che appartiene ai singoli individui. E’ una questione di buona volontà di qualsiasi straniero, che può accettare la realtà del paese ospitante”.

Come può essere incentivata la “buona volontà” di cui parla? “Ad esempio attraverso le leggi, che comunque esistono già, per favorire percorsi di tutela”.

E dello Ius soli che pensa? “Esiste già, le opportunità per diventare cittadini italiani non mancano. Siamo in un paese libero”.

Quindi questo ministero è soltanto una mossa politica? “Forse la sinistra l’ha visto come un escamotage per discostare l’attenzione. La gente chiede di sopravvivere, non di fare leggi che non servono a niente”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Luca Lazzaretti

    E’chiaro che il povero Tony(bravissima persona)è strumentalizzato in modo imbarazzante dal suo partito(partito?) La ministra che è ministra da circa 20 minuti adesso è la causa di tutti i mali e gli sprechi ecc ecc ecc…Tony, dai un occhiata ai soldi buttati nel c….dal tuo verde sindaco…comincia dal piccolo…un saluto!

    1. Scritto da paolo

      Nell’ultimo Governo politico precedente(Pdl-lega)c’era un ministero della semplificazione in mano proprio a un capo del Tony.Oltre a vedere andare a fuoco qualche scatolone (con la risata compiaciuta) in realtà miglioramenti costruttivi non si sono avuti.Enti mangiasoldi ce ne sono migliaia nonostante la promessa di averne aboliti 350mila(sic!)Paradossale pure i ministeri a Monza!!!Se vogliono parlare di inutilità diamo fiato ai tromboni…….

  2. Scritto da Alessandro

    La domanda non è cosa abbia fatto la kyenge e Ricciardi (nell’ultimo anno e mezzo,,,) per l’integrazione ma cosa hanno fatto i vari Berlusconi-Bossi-Fini-Maroni per l’integrazione in quasi vent’anni di governi.
    E poi, sul “picconatore di colore di Milano” (per il quale mi auguro una pena esemplare e nessuna vergognosa giustificazione al suo gesto criminale), vogliamo ricordare sotto quale legge tutto questo è avvenuto?

    1. Scritto da La verità fa male

      Mi dispiace, ma la domanda è “cosa hanno fatto la Kyenge e Riccardi” visto che prima di loro il Ministero dell’Integrazione non esisteva (e che tale ministero è stato introdotto, almeno a parole, proprio per favorire l’integrazione). Riccardi non ha fatto niente di concreto, salvo esternare e percepire lo stipendio. E poi suvvia non siamo ridicoli, se uno dà fuori di matto e piccona tre persone la colpa non è della legge Bossi Fini ma del pazzo che prende in mano il piccone

  3. Scritto da ureidacan

    Bravo Toni! E’ arrivato in Italia 35 ani fa, ha sposato un’italiana ed è diventato, ius sanguinis, cittadino italiano. Jus sanguinis sì e jiu soli no?

  4. Scritto da La verità fa male

    Quella del razzismo è la solita solfa e la solita menata politically correct dei cattosinistri per nascondere la VERA domanda di fondo: quali iniziative degne di nota, quali leggi e quali miglioramenti per l’integrazione e per il tenore di vita degli immigrati ha prodotto questo inutile ministero prima con Riccardi e poi con la Kyenge? i due ben retribuiti ministri sono stati assai loquaci (a parole) peccato che fino a oggi sono mancati i fatti e le proposte di legge

    1. Scritto da Kurt Erdam

      Io,ad esempio, ritengo sia giusto che chi nasce in un posto ne prenda la cittadinanza(anche per gli italiani che nascono all’estero).E questa è una proposta che è stata fatta e sulla quale sie è discusso molto e prima di ora non se ne era mai sentito parlare.Da quelli di prima abbiamo i regolamenti anti Kabab e la triste esperienza di Lampedusa dove pur sapendo tutti che sarebbe arrivata un’ondata dall’Africa(è dai tempi dei Fenici che succede)ci siamo fatti trovare coi calzoni in mano.

      1. Scritto da La verità fa male

        Tutti i governi si sono fatti sorprendere da qualche invasione: nel 1991 ci fu la vicenda dello sbarco di massa degli albanesi in Puglia ma lei come sempre vede il male solo nei governi di destra. Per quanto riguarda la Kyenge l’unica azione degna di nota fino a ora è quella della scorta contromano a Milano, che fa il paio con la vicenda dell’IMU non versata dalla Idem (come vede anche a sinistra c’è molta disinvoltura nei comportamenti, ma lei non si straccia le vesti)

        1. Scritto da Kurt Erdam

          Aggiungo,la sua risposta è molto craxiana e infantile e in linea con i suoi sodali,a fronte di un’osservazione su un episodio disdicevole si rimpalla subito rinfacciando un episodio altrettanto disdicevole dell’altra parte(craxi:tutti ladri=nessun ladro).Nel 1991 al governo c’erano sempre gli amici ispiratori di berlusconi,quelli che gli hanno fatto le leggi ad hoc per le televisioni.Per noi normali,invece,il problema è che la classe dirigente italiana da sempre è lontana dai cittadini

        2. Scritto da Kurt Erdam

          Per quanto riguarda la scorta dell’altro ministro le conviene non dire altre sciocchezze perché i tristissimi personaggi della corte berlusconiana cominciando dalle mignotte fatte arrivare dalla Puglia con aerei si servizio(con su un politico per giustificarne l’uso)sono sicuramente più scandalosi.Vi danno fastidio le scorte ai ministri?con tutti gli anni che siete stati al governo potevate levarle!!!O il problema lo sollevate solo coi ministri non del vostro giro?

        3. Scritto da Kurt Erdam

          La sua pochezza è tale da non ancora capito che io non sono si “sinistra” a prescindere,come i citrulli che sono di destra a prescindere e vedono le cose solo da quel punto di vista.Se la signora Idem ha fatto delle cose sbagliate ne paghi le conseguenze,mi sta bene,Però lei dovrebbe avere l’intelligenza di riconoscere che a Lampedusa se l’aspettavano tutti,anche i gatti e incompetenza e arroganza l’hanno fatta da padroni.Come in altri episodi già riportati altre volte.

  5. Scritto da gigi

    il ministro di colore alla fine è una trovata degli inetti del pidimenoelle per far vedere che, magnanimamente, gli hanno dato l’incarico ………..allora, per coerenza, dovevano nominare un caminista ai trasporti, un medico alla sanità, un professore all’istruzione……………..che gioppini

  6. Scritto da zeppelin

    Pensate se quel picconatore di colore che ha fatto una strage a milano,fosse stato un bianco ed avrebbe ucciso 3 persone di colore,pensate alle manifestazioni di piazza antirazziste e scioperi vari che avrebbero fatto,questa é l’iTAGLIA che vi meritate

    1. Scritto da riccardo

      “se fosse stato un bianco e AVESSE ucciso…”, non avrebbe,,,da come scrivi sembri un immigrato, invece sei solo uno dei tanti nostrani incolti polentoni…

      1. Scritto da Cris

        Sapientino , noi siamo polentoni e se non ti va bene vattene da bergamo e non sputare nel piatto dove mangi ……avete rotto falsi intelligenti

        1. Scritto da riccardo

          ci sono bergamaschi fortunamente istruiti, che conoscono l’uso dei congiuntivi che certo danno di Bergamo un immagine più decorosa. Quelli che hanno rotto sono certi somari che devono semplicemente tornare sui banchi di scuola. L’ignoranza non ha connotazioni etniche o geografiche. Capit?

        2. Scritto da congiuntivo

          si va bene ma i congiuntivi non son la congiuntivite…

      2. Scritto da Giuseppe

        lei signor riccardo cuor di leone
        ha la memoria corta, e’ gia’ capitato a milano
        padre e figlio (bianchi) hanno ucciso un giovane nero
        a colpi di sprangate, che e’ entrato nel loro bar rubandogli qualcosa.
        solidarieta’ da tutti le parti e manifestazioni antirazzismo
        e via dicendo , qua sono morti 3 persone e nessuno
        e dico nessuno ha detto niente o fatto niente .

        me lo lasci dire voi di sinistra fate veramente schifo!!!!!

        1. Scritto da al

          Beh allora se vogliamo continuare a cogliere il pelo nell’uovo si potrebbe anche dire che se a rubare la merendina fosse stato un italiano nessuno si sarebbe sognato di sprangarlo a morte. Il vostro problema è che quelli come voi purtroppo odiano a prescindere e colgono fatti di cronaca (che non hanno colore) per giustificare questo odio. A questo punto odiate e basta senza fare discorsi illogici. Nessuno ve lo può impedire no…?

      3. Scritto da Sergio

        Invece i colti forestieri mediterranei evadono l’iva il doppio che al nord: meglio quella di cultura, vero? Eh già, sono colti, hanno diritto a tutto…

        1. Scritto da riccardo

          Cosa g’entra? Desmet te conta sò stupidade. Me so de Berghèm ma i tambor i è di tambor de tocc i bande. Te capit?

      4. Scritto da max

        La smetta di fare il professore di itagliano,sommi pontificatori come Lei,giornalisti,letterati,sbagliano in tv,sui giornali verbi e sintassi,la smetta ed esprima un concetto.

  7. Scritto da magister

    Ora che la Lega ha problemi al suo interno ai massimi livelli tenta una azione di distrazione di massa con queste stupidaggini, io credo sia un bianco leghista colorato di nero!!

  8. Scritto da Piero

    Solo perchè è di colore, si ha paura a contrstare quello che dice per non essere additato come razzista a prescindere?

    1. Scritto da Piero

      Sì, siamo i soliti gioppini. Per sgombrare il campo da rischi, si dà voce a Toni Iwobi, altrimenti si rischia il linciaggio per razzismo.

      1. Scritto da Bignoca

        Non solo a Toni, ma soprattutto a tutti gli altri, che non sono certo della lega.
        Ti informo che la parola razzismo significa considerare la propria razza superiore a quella degli altri.
        Non certo opporsi all’invasione.