BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Top manager di banca con stipendi troppo alti Cisl: firma per abbassarli

La Fiba, con il supporto della Cisl, lancia il progetto di legge di iniziativa popolare per imporre dei limiti massimi ai compensi dei top manager di banca. Banchetti per la raccolta firme in tutta la provincia a partire dal 20 giugno a Lovere.

Partirà giovedì 20 giugno a Lovere, in concomitanza con il primo consiglio generale della Cisl dopo il congresso, la raccolta firme promossa dalla Fiba Cisl per mettere un tetto alle retribuzioni dei top manager.

Il progetto di legge di iniziativa popolare si fonda su due pilastri inconfutabili: il limite massimo di 294mila euro annui fissato dal decreto “Salva Italia” per i manager delle strutture pubbliche e un rapporto 1:1 per il salario variabile come da indicazioni europee.

L’iniziativa ha come punto di partenza, e prende ad esempio, la categoria dei bancari ma, come sottolinea il segretario generale della Cisl Ferdinando Piccinini, interessa anche tutte le grandi aziende private del nostro Paese: “Nel Consiglio generale di giovedì a Lovere rilanceremo l’iniziativa, ampiamente condivisa dalla Cisl perché parte dalla realtà bancaria ma vale anche per tutte le società private. In questi anni abbiamo assistito alla nascita di un meccanismo che porta ad aggiungere al compenso fisso un compenso variabile che non trova nessuna ragione, soprattutto in un momento di crisi”.

Mettere un tetto, quindi, diventa in primo luogo una battaglia etica e, in anni di crisi estrema, ci deve essere una giusta redistribuzione dei sacrifici: “Nella proposta di legge c’è anche lo stop ai bonus in entrata e in uscita dei top manager – ha aggiunto Giordano Alborghetti, segretario orobico della Fiba – Non è una caccia alle streghe ma è arrivato il tempo di un’equità che finora non c’è stata: i sacrifici sono sempre stati chiesti ai dipendenti, ora ognuno deve farli in proporzione al proprio reddito. In questo modo riempiamo un vuoto assordante della politica che in questi anni, pur avendo tentato di coinvolgerla, ha sempre preso impegni a parole senza mai agire concretamente. Vogliamo portare il rapporto tra lo stipendio di un bancario e lo stipendio del top manager a 1:20”.

L’auspicio di Cisl è quello di coinvolgere anche le forze politiche e per farlo si è posta l’obiettivo delle 300mila firme che va ben oltre le 50mila necessarie per far arrivare la proposta di legge in Parlamento: possono firmare tutti gli aventi diritto di voto e, sottolineano con forza dal sindacato, è necessario recarsi a uno dei banchetti che, a partire dal 20 giugno a Lovere, saranno sparsi in città e in provincia.

Ecco dove saranno:

Giovedì 20 giugno – Lovere – Consiglio generale UST

Sabato 22 giugno – San Pellegrino, festa della musica Fai Filca – Viale principale

Lunedì 24 giugno – Bergamo – Interno Cisl Martedì

25 giugno – Bergamo – via Camozzi

Mercoledì 3 luglio – Bergamo – Città Alta, via Colleoni

Venerdì 5 luglio – Caravaggio – Piazza Garibaldi di fronte al Comune

Sabato 6 luglio – Treviglio – Piazza Comune

Mercoledì 9 luglio – Bergamo – Davanti a Ubi Servizi

Mercoledì 16 luglio – Bergamo – Sentierone

Sabato 13 luglio – Gazzaniga

Giovedì 18 luglio – Sarnico – Piazza XX settembre

Sabato 20 luglio – Lovere – via Gregorini

Lunedì 22 luglio – Clusone – Piazza della Rocca

Mercoledì 24 luglio – Dalmine – Largo Europa davanti al Creberg

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da grrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrr

    Sicuramente questa iniziativa farà crescere il Pil,e i giovani troveranno lavoro .
    Ma andate a nascondervi!!!!!!!!!!!!!!!!

  2. Scritto da gio

    la dirigenza ubi ha fatto perdere ai risparmiatori il 90 % dei

    risparmi

    come giustificate i vostri stratosferici stipendi e bonus ???????????

    a 90 anni siete ancora li chi sa cosa fate ????

  3. Scritto da Luigi

    Top manager de cosè? Quando gli affari vanno bene, si intascano i guadagni, quando capitano storie tipo fondi Argentina, le perdite sono tue e t’attacchi al tram. “Non potevamo prevederlo”, ti dicono… ma senza i loro suggerimenti, io non sarei mai andato a investire in cose dell’Argentina… Cari voi… Top manager ‘ndoe??? Coi solcc di otèr an sè bù töcc!!!

  4. Scritto da makio

    cèè la crisi quindi tirino la carretta anche questi personaggi, basta favoritismi, basta sprechi

  5. Scritto da makio

    poverini !