BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Riforma del condominio Dal conto corrente comune alle galline

È entrata in vigore la riforma del condominio. Dall'assicurazione per l'amministratore al conto corrente comune, ecco le principali novità.

Martedì 18 giugno, è una data importante per tutti quelli che vivono in un condominio. Entra infatti in vigore la riforma approvata dal Governo Monti, destinata a cambiare la normale gestione degli stabili in tutta Italia, interessando circa 30 milioni di persone. Molte le novità in campo, dalla possibilità per tutti di tenere animali domestici in casa, ai nuovi meccanismi decisionali, passando per il conto corrente del condominio e l’assicurazione rc per l’amministratore.

Proprio l’amministratore – a meno che non sia uno dei condòmini stessi – sarà la figura soggetta ai maggiori cambiamenti. In primis, dovrà stipulare un’assicurazione di responsabilità civile, che lo tuteli in caso di danni arrecati a terzi nello svolgimento della sua attività. Per essere confermato nel suo ruolo, inoltre, dovrà essere necessariamente diplomato e aver seguito un corso di formazione. La durata massima del suo mandato sarà di 24 mesi, ovvero un anno più un eventuale altro.

Altro capitolo: i lavori nello stabile. Prima di avviarli, sarà necessario costituire un fondo che contenga l’importo esatto del preventivo. Le somme dovranno essere depositate presso il nuovo conto corrente, bancario o postale, intestato al condominio, che servirà anche per tutti gli altri trasferimenti di denaro in entrata e in uscita riguardanti le spese comuni.

Risparmi in vista, inoltre, riguardo all’energia. In particolare, i singoli inquilini potranno staccare il riscaldamento centralizzato, impostando la temperatura in modo più adatto alle proprie reali esigenze (questo non esimerà tuttavia dal pagamento delle spese per la manutenzione dell’impianto). Se, poi, qualcuno volesse produrre energia rinnovabile per la propria abitazione potrà farlo, senza arrecare disturbo ai vicini, con minori passaggi per la votazione in assemblea.

In realtà, la riforma porta con sé anche qualche polemica. Una riguarda proprio il conto corrente, ed è già stata sollevata dall’Anaci (l’associazione degli amministratori di condominio, ndr) nei mesi scorsi: non è chiaro se il condominio debba essere considerato come una persona fisica (nella categoria “consumatore”) o giuridica, ai fini dell’applicazione imposta di bollo, che costerebbe 34,20 euro nel primo caso e 100 nel secondo.

Infine, il quorum per la decisione in assemblea è stato innalzato, e non sarà più possibile fornire la propria delega all’amministratore. Insomma, sebbene ci siano delle novità importanti, difficile che si smetta di litigare.

Meno male che tra i cambiamenti c’è anche la possibilità per tutti di tenere con sé animali domestici, senza nessun divieto, conigli e galline compresi.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Sére

    Legiferare imponendo le scelte più minute é un regresso al Medioevo! FAVORIRE SMACCATAMENTE le BANCHE é una vergogna, che marchierà in eterno il giudizio sul mefistofelico governo Monti. Ad esempio: imporre il deposito preventivo delle somme corrispondenti al preventivo dei lavori, é una bestialità che chiede vendetta e chiunque può comprendere chi ne trae vantaggio…

  2. Scritto da mixio

    Probabilmente chi ha votato questa riforma non ha vicini come i miei. In tutto il condominio ci sono 5 cani e sono tutti negli appartamenti attaccati al mio. E chi glielo spiega al cane che dopo una certa ora non deve abbaiare? Tanto i cani hanno più diritti di noi. E del mio bimbo di 10 mesi che giustamente vorrebbe dormire in santa pace

  3. Scritto da giuseppe

    belle riforme , peccato il cercare di favorire sempre le banche ma ci può stare