BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“Responsible Care” Le aziende chimiche in difesa dell’ambiente fotogallery

Le aziende chimiche si sono dotate da tempo a livello internazionale del programma “Responsible Care”, per la promozione dello sviluppo sostenibile secondo valori e comportamenti orientati alla sicurezza, alla salute e all’ambiente, nell’ambito più generale della responsabilità sociale.

Le aziende chimiche si sono dotate da tempo a livello internazionale del programma “Responsible Care”, per la promozione dello sviluppo sostenibile secondo valori e comportamenti orientati alla sicurezza, alla salute e all’ambiente, nell’ambito più generale della responsabilità sociale. Ogni anno in Italia, a cura di Federchimica, la Federazione delle imprese del settore che fa capo a Confindustria, presenta il Rapporto Responsible Care che fa il punto sulle azioni intraprese delle aziende aderenti e sui progressi conseguiti.

Le riflessioni sulle prospettive e sulle criticità del Responsible Care sono state protagoniste di due giorni di incontri svoltisi a Bergamo, nell’ambito dell’Assemblea nazionale dei coordinatori di Responsible Care nelle varie aziende, e nella successiva Conferenza di Responsible Care, che si sono tenute nella sede di Confindustria Bergamo e nella sede di i-lab Gruppo Italcementi al Kilometro Rosso.

Durante le due giornate è stato fatto il punto sull’evoluzione delle norme per la filiera chimica, sull’impegno responsabile per lo sviluppo sostenibile dell’industria chimica e sull’integrazione delle istituzioni pubbliche e private per lo sviluppo del territorio. In particolare sono emerse significative esperienze condotte dalle aziende negli ambiti del recupero energetico, della riduzione dei rifiuti, dell’abbattimento delle emissioni, della lotta agli infortuni sul lavoro e nelle azioni di responsabilità sociale.

La nostra provincia può ritenersi soddisfatta dei risultati ottenuti – ha sottolineato Gianluigi Dubbini, presidente del Gruppo Chimici di Confindustria Bergamo – viste le numerose iniziative messe in campo dalle aziende che partecipano al programma e anche dal nostro gruppo Chimici in ordine allo sviluppo sostenibile del capitale ambientale e umano, nonostante il difficile momento legato alla crisi che ha colpito duramente anche il settore”.

Ecco le aziende aderenti al programma Responsible Care nella nostra provincia:

Henkel Italia di Zingonia

Pemco Emails di Filago

Rohm & Haas Italia di Mozzanica

Bayer di Filago

Lamberti di Zanica

Polynt (Scanzorosciate e Brembate Sopra)

Bidachem di Fornovo San Giovanni

Giovanni Bozzetto di Filago

Sapio (Bagnatica eTreviglio)

Dsm Composite Resins Italia di Filago

Siad (Costa Volpino, Bergamo e Osio Sopra)

Acs Dobfar di Albano Sant’Alessandro

Basf Poliuretani Italia di Zingonia

3M Italia di Grassobbio

Dow Agroscience Italia di Mozzanica

Ofi di Bergamo

Syntomer di Filago

Lanxess di Filago

Diachem (Albano Sant’Alessandro e Caravaggio)

Sinterama di Treviglio

Erca di Grassobbio

Flamma di Chignolo d’Isola e Sabo di Bergamo

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Care

    Perchè dovremmo credere ad aziende che si controllano da sole? Chi vogliono prendere in giro? A Filago c’è la + alta incidenza di tumori grazie alle aziende chimiche….e questi parlano di responsabilità e sviluppo sostenibile? Quello che è successo all’ILVA non è sufficiente per capire quale è la cultura ambientale di questa gente? La ex presidente di confindustria che in assemblea se ne frega dei morti alla ThyssenKrupp per ritrattare il giorno dopo,,,, ma per favore….

  2. Scritto da Gaetano Bresci

    certo, come no! un branco di lupi che si prodiga affinchè gli agnelli crescano sani e felici. Ci credono tutti scemi? basta parlare con chi ci lavora dentro quelle fabbriche per sapere cosa succede veramente là dentro.(e pure fuori, di conseguenza)